Tornano i muri nell’Europa centrale

Tornano i muri nell’Europa centrale

A meno di un mese dall’annuncio della costru­zione di un stec­cato alto quat­tro metri sui 175 chi­lo­me­tri di fron­tiere con la Ser­bia, il par­la­mento unghe­rese ha appro­vato lunedì 7 luglio la Legge, che per­met­terà la costru­zione del nuovo muro. A favore 151 depu­tati di Fidesz, il par­tito di mag­gio­ranza del pre­mier – padrone Vik­tor Orban, men­tre votano con­tro 41 par­la­men­tari delle oppo­si­zioni socia­li­ste e libe­rali. Secondo l’esecutivo, che ieri ha con­fer­mato l’«impegno verso la deci­sione del par­la­mento», la nuova bar­riera dovrebbe ral­len­tare i flussi migra­tori pro­ve­nienti dal cor­ri­doio balcanico.

Le cifre date dal governo unghe­rese sem­brano note­voli: nei primi sei mesi avreb­bero var­cato il con­fine unghe­rese più di 63 mila migranti, quasi ven­ti­mila in più rispetto al 2014. Numeri signi­fi­ca­tivi, che fanno dell’Ungheria assieme alla Gre­cia e all’Italia uno dei prin­ci­pali var­chi d’entrata per i migranti e i rifu­giati in fuga dalle disgra­zie eco­no­mi­che, dalla guerra e dalle varie tiran­nie, che oppri­mono i quat­tro angoli del Con­ti­nente nero.

La deci­sione di costruire il muro anti-migranti ha già sca­te­nato le ire della Ser­bia, che teme che la situa­zione diventi incon­trol­la­bile al suo con­fine. “Costruire un muro non è una solu­zione e la Ser­bia non è respon­sa­bile per la situa­zione, che si è venuta a creare a causa dei migranti. Siamo solo un Paese di tran­sito,” aveva rea­gito ai piani unghe­resi il primo mini­stro serbo Alek­san­der Vucic. Tut­ta­via il governo unghe­rese si è rive­lato sordo a ogni pos­si­bile trat­ta­tiva con la Ser­bia, che è uno dei Paesi can­di­dati all’entrata nell’Unione Euro­pea. “La deci­sione di costruire il muro è legit­tima, non viola alcun trat­tato inter­na­zio­nale ed è stata già adot­tata da altri governi”, ha ribat­tuto il mini­stro degli esteri unghe­rese Peter Szijjártó.

Il rife­ri­mento, a cui fa cenno il mini­stro degli esteri unghe­rese, è ovvia­mente il muro costruito dalla Spa­gna nell’enclave di Ceuta e Melilla. Ed è per que­sto motivo pro­ba­bil­mente, che gli organi comu­ni­tari hanno tenuto basso il pro­filo rispetto al muro unghe­rese non ripe­tendo cri­ti­che forti ed espli­cite fatte ad esem­pio rispetto alla cam­pa­gna anti-immigrati del governo Orban. Il governo unghe­rese si è infatti deciso di trarre frutto fino in fondo della crisi dei migranti inse­guendo sem­pre più aper­ta­mente le posi­zioni del par­tito Job­bik, uscito vin­cente da un’elezione par­ziale per un seg­gio par­la­men­tare rima­sto vacante. Negli ultimi mesi il governo ha piaz­zato in giro per il Paese decine di car­tello con scritte, che ripro­du­cono i soliti cli­chè sui migranti riot­tosi e ruba­la­voro. Inol­tre il governo Orban ha pro­mosso una con­sul­ta­zione popo­lare sul tema dell’immigrazione, dove non man­cano que­stioni come “E’ d’accordo che errori nella poli­tica migra­to­ria por­tano a una dif­fu­sione del ter­ro­ri­smo?” oppure “E’ d’accordo con il governo che invece di stan­ziare i fondi per i migranti si dovreb­bero aiu­tare le fami­glie unghe­resi e i bam­bini nati qui?”. Nel caso del que­stio­na­rio era però inter­ve­nuto il vice­pre­si­dente della Com­mis­sione Euro­pea Frans Tim­mer­smans defi­nen­dolo “ten­den­zioso e sbagliato”.

La situa­zione unghe­rese è solo la punta dell’iceberg del clima gene­rale nel centro-est Europa. Nelle ultime set­ti­mane in nume­rose città ceche, slo­vac­che e polac­che si sono tenute mani­fe­sta­zioni con­tro l’accoglienza dei pro­fu­ghi. Una delle pro­te­ste più mas­sicce è stata la mar­cia dei hoo­li­gans a Bra­ti­slava sabato 20 giu­gno, a cui hanno par­te­ci­pato circa cin­que mila per­sone. Altre pro­te­ste sono state più ridotte di numero e la mobi­li­ta­zione passa soprat­tutto su rete. Per ora nelle strade sono uscite solo le vec­chie cono­scenze della destra radi­cale, che però si sen­tono rin­gal­luz­zite da un clima nell’opinione pub­blica a loro favo­re­vole. Anche per que­sto i governo del centro-est Europa hanno chiuso le porte alla pro­po­sta della Com­mis­sione Euro­pea sulle quote di acco­glienze. E i non sono pochi i mini­stri degli interni, ispi­rati pro­ba­bil­mente dall’esempio unghe­rese, che par­lano aper­ta­mente di chiu­dere e pre­si­diare le fron­tiere. Un cam­bia­mento di clima note­vole. Fino a qual­che anno fa le fron­tiere aperte erano il sim­bolo intoc­ca­bile della caduta dei vec­chi regimi a par­tito unico e del rien­tro in Europa. Oggi non più.



Related Articles

Razzismo, la Grecia è in crisi anche di diritti

ATENE Dal muro di Evros all’operazione «Xenios Zeus», violenze all’ordine del giorno
Nel gennaio del 2011 una sentenza della Corte di Strasburgo diede un quadro chiaro sulle politiche dell’immigrazione della Grecia dichiarando che la Repubblica ellenica viola l’articolo 3 della Convenzione europea sui diritti dell’Uomo infliggendo ai migranti e ai richiedenti asilo trattamenti inumani e degradanti.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment