Ucraina,la guerra dimenticata bombardamenti a Donetsk vittime tra civili e militari

LA TREGUA di febbraio nell’Est Ucraina è sempre più fragile: ieri i combattimenti si sono riaccesi nell’area attorno a Donetsk, con i separatisti e i governativi che si accusavano a vicenda di aver colpito zone residenziali del capoluogo con l’artiglieria. I ribelli parlano di almeno una vittima nei bombardamenti, le truppe regolari di Kiev accusano gli autonomisti di aver ucciso almeno quattro civili e un militare colpendo le città controllate dal governo, Avdeyevka, Marinka e Opytnoe, ma soprattutto raccontano di aver visto batterie dei ribelli rivolte a colpire la stessa città di Donetsk, per poi riprendere il fuoco contro le postazioni nemiche. «Credete veramente che colpiremmo le nostre posizioni?», ha smentito all’agenzia “Reuters” il comandante dei separatisti Eduard Basurin.
I separatisti hanno annunciato di aver avviato il ritiro delle armi di medio peso, con calibro inferiore ai 100 millimetri, ad almeno tre chilometri dalla zona del fronte, come richiesto dagli accordi firmati a Minsk a metà febbraio. In teoria quelle di calibro maggiore dovrebbero essere già state allontanate da entrambe le parti dalla zona degli scontri. «Questo è il nostro passo unilaterale verso la pace. Vogliamo mostrare al mondo che rispettiamo l’accordo di Minsk», ha dichiarato Sergej Koslov, leader dei separatisti di Luhansk. Ma finora non ci sono conferme da parte degli osservatori dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa.
Venerdì scorso il responsabile dell’Osce Ivica Dacic ha denunciato il peggioramento della situazione sul campo e ha chiesto a entrambe le parti di rispettare gli accordi di Minsk, unica strada per la pace. Dall’inizio del conflitto, nell’aprile dell’anno scorso, sono morte in Ucraina almeno 6.500 persone.


Related Articles

“In Italia per trattare la resa” Giallo sulla missione del ministro

Indiscrezioni sul responsabile Esteri Mussa Kussa, ma Roma smentisce. Il capo della diplomazia di Tripoli è rimasto sempre in contatto con l’Occidente Un viaggio del ministro degli Esteri libico a Tunisi, il sospetto che la destinazione successiva fosse l’Italia e nasce un giallo su possibili trattative per l’esilio di Gheddafi

Il cattolicesimo, i fedeli in calo e la cura dell’entusiasmo

Cattolicesimo. L’accorrere di una massa umana enorme era data per scontata in questa sorta di inedito raduno, tra Cielo e Terra, di quattro Pontefici tra i più popolari ed amati

Migranti, vertice “per fermare i nazionalisti” Ma non c’è intesa

Mentre la Polonia andava alle urne, Jean-Claude Juncker ha convocato un vertice straordinario dei capi di governo dei Paesi che si trovano sulla rotta balcanica seguita dai profughi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment