Andrea ucciso dal Tso “Strozzato dai vigili che lo portavano via”

Andrea ucciso dal Tso “Strozzato dai vigili che lo portavano via”

TORINO. Morire di Tso. Andrea Soldi, un «gigante buono» con i suoi 45 anni e 150 chilogrammi di peso, se n’è andato così. Quando mercoledì è arrivato al pronto soccorso dell’ospedale Maria Vittoria di Torino non respirava quasi più. Il suo «trattamento sanitario obbligatorio» non è finito con la solita iniezione per la terapia mensile da cui, racconta il padre Renato, fuggiva, rifugiandosi nei giardinetti di piazza Umbria. Ma con la morte che gli esperti definiscono «da immobilizzazione».
Bloccato, buttato a terra, ammanettato e portato via su una barella a pancia in giù. I vigili urbani l’hanno bloccato sulla panchina dove passava le giornate, nel quartiere popolare di corso Umbria, non distante dal centro della città. Dalle testimonianze degli amici del bar Ari’s di via Bari emerge un racconto che mette in crisi la versione ufficiale. «Sono arrivati con una macchina nera — racconta Maria Terezia Ifrim — sono scesi e si sono avvicinati alla panchina su cui era seduto Andrea. Un agente gli è andato dietro, l’ha afferrato per il collo, finché è diventato nero. La lingua gli usciva dalla bocca. Poi l’hanno buttato giù, faccia a terra, vicino alla panchina. Lo hanno ammanettato dietro la schiena, come se dovessero portarlo in galera. È arrivata l’ambulanza, che era ferma qui davanti, e l’hanno caricato. Lui non si muoveva più».
Al suo arrivo al pronto soccorso, riferisce l’Asl, Andrea «era già in arresto respiratorio». La polizia municipale, in un comunicato, all’inizio parlava di un «uomo in escandescenza» che aveva «accompagnato » in ospedale. E aggiungeva che dopo il «ricovero, alle 16.13, era giunta la notizia della morte».
Per fare chiarezza la procura ha aperto un’indagine. Il pm Raffaele Guariniello ha disposto per lunedì l’autopsia del cadavere di Soldi. E secondo le prime ricostruzioni contenute nella relazione del 118, solo quando sono arrivati al pronto soccorso i vigili urbani hanno consegnato ai sanitari le chiavi per togliere le manette ai polsi di Andrea. Dal canto suo il Comune fa sapere che «dalla relazione di servizio consegnata al magistrato non sembrano emergere fatti di particolare rilevanza nel comportamento degli operatori ».
La polizia giudiziaria ha cominciato ieri sera a sentire i primi testimoni della “comunità dei giardinetti” di piazzale Umbria. La dinamica che ricostruiscono i testimoni è drammatica, e anche il padre della vittima, Renato, l’ha scoperta solo ieri dai loro racconti. La famiglia Soldi vuole la verità. Dice il cugino della vittima, l’avvocato Giovanni Soldi: «Andremo fino in fondo perché quello che è successo ad Andrea non è accettabile in un Paese civile. Qualcosa non è stato fatto come doveva, non so a chi possa essere attribuita la responsabilità, ma faremo di tutto per scoprirlo». Il legale ha nominato un consulente, il tenente colonnello Giovanni Stocovaz, medico legale e psichiatra dell’Università di Pavia.
Andrea, per i tanti che lo conoscevano, perché ogni giorno quella panchina, la prima, era la sua, non può aver dato in «escandescenza ». «Non faceva male a nessuno — ricorda Maria Terezia — stava qua al bar, o seduto sulla sua panchina, a volte chiedeva una sigaretta». La sigaretta, l’ultima scroccata, gli amici hanno voluto riporla sulla sua panchina.


Related Articles

I consigli della CIA per le sue spie

WikiLeaks ha pubblicato due documenti riservati che contengono una serie di consigli per gli agenti sotto copertura che vogliono evitare controlli agli aeroporti

«Il copilota Ger­ma­n­wings ha provocato volontariamente lo schianto»

Andreas Lubitz, 28 anni, è considerato il responsabile dello schianto dell’Airbus. I dettagli della scatola nera: un dialogo disteso, poi Lubitz diventa «laconico». E quando il comandante esce dalla cabina, lui non risponde più a nessuno

Energia pulita e lotta agli sprechi d’acqua il decalogo per salvare il Pianeta

Le Nazioni unite celebrano domani la Giornata dell’ambiente con un programma per aiutare la Terra a uscire dall’emergenza climatica

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment