Effetto Memo­ran­dum: tagliate le pensioni minime

Effetto Memo­ran­dum: tagliate le pensioni minime

Loading

Primo effetto col­la­te­rale del nuovo Memo­ran­dum impo­sto dai cre­di­tori alla Gre­cia è una cir­co­lare del vice­mi­ni­stro per la Pre­vi­denza sociale Pavlos Hai­ka­lis che taglia le pen­sioni minime di quasi cento euro: da 486 euro a 392,7, quasi cento euro in meno e una bato­sta per il 2015, visto che i pen­sio­nati se le vedranno decur­tare retroat­ti­va­mente dal primo gen­naio. Così, una delle «linee rosse» poste dall’esecutivo a difesa di quel po’ che rimane dello Stato sociale elle­nico viene supe­rata. Non che sia tutta farina del sacco della Syriza di governo: si tratta dell’applicazione di una norma del 2010 che solo ora viene appli­cata. Ma è chiaro che l’aria è cam­biata e si tratta solo di «un assag­gio di quello che acca­drà a otto­bre, quando sarà pre­sen­tato il pro­getto di riforma del wel­fare», come scrive il gior­nale To Vima (orien­tato verso il cen­tro­de­stra e dun­que non esat­ta­mente filo­go­ver­na­tivo), che ha tirato fuori la cir­co­lare.
Ma prima biso­gnerà vedere se e in che modo il governo gui­dato da Ale­xis Tsi­pras arri­verà a otto­bre. Pro­prio ieri il pre­mier ha chie­sto il voto di fidu­cia, pre­vi­sto venerdì, dopo che il Paese sarà stato messo in sicu­rezza: appro­vato il nuovo Memo­ran­dum dal Bun­de­stag tede­sco e dagli altri Par­la­menti euro­pei che lo hanno messo al voto, arri­ve­ranno i soldi che ser­vi­ranno a pagare un’altra rata da 3,5 miliardi alla Bce e a rica­pi­ta­liz­zare per 10 miliardi le ban­che elle­ni­che. La mag­gio­ranza si gioca sul filo di lana: per rag­giun­gere la soglia minima di 120 depu­tati dovrebbe recu­pe­rare un paio di dis­si­denti, ma comun­que vada il governo sarebbe desti­nato a bal­lare, vista l’esiguità dei numeri e i mal di pan­cia più estesi dell’area aper­ta­mente dis­sen­ziente. In ogni caso Tsi­pras sarebbe costretto a gover­nare aggrap­pato alla stam­pella dell’opposizione, che ha poca voglia di tor­nare al voto e assu­mersi l’onere di appli­care un Memo­ran­dum che, comun­que lo si con­si­dera, pre­vede misure sociali molto pesanti. I riflet­tori sono pun­tati su Syriza, e in par­ti­co­lare sulle due figure più deci­sive del momento: la Pre­si­dente del Par­la­mento Zoe Kon­stan­to­pou­lou (ieri difesa a spada tratta dalle donne del par­tito, che in un comu­ni­cato hanno denun­ciato attac­chi «ses­si­sti» con­tro di lei) e l’ex mini­stro delle Finanze Yanis Varou­fa­kis. Nes­suno dei due può essere arruo­lato nella mino­ranza interna che punta a costi­tuire una nuova coa­li­zione anti-Memorandum, ma se le posi­zioni dell’agguerrita avvo­cata per i diritti civili sono state molto apprez­zate dalla Piat­ta­forma di sini­stra (anche se lei non ha mai appog­giato l’uscita della Gre­cia dall’euro), per il secondo il discorso è diverso. Varou­fa­kis ha votato con­tro il Memo­ran­dum, ma non ha mai avuto un buon fee­ling con l’ex mini­stro dell’Energia Pana­gio­tis Lafa­za­nis (lea­der della mino­ranza) e ha sem­pre affer­mato di non voler nuo­cere a Tsi­pras, dando l’impressione di voler rima­nere a com­bat­tere la sua bat­ta­glia all’interno del par­tito, da posi­zioni anti-Memorandum.
Nella par­tita si è inse­rita ieri pure una voce auto­re­vole quale quella dell’ex par­ti­giano novan­ta­duenne Mano­lis Gle­zos. L’uomo che tirò giù la ban­diera nazi­sta dal Par­te­none, che già dopo l’Eurogruppo del 20 feb­braio rom­pendo con Tsi­pras si era «scu­sato» con i greci per­ché il governo aveva accet­tato di pro­se­guire le trat­ta­tive con la ex troika, ha esor­tato Syriza a «rin­sa­vire», a opporsi a un Memo­ran­dum che «lega i greci mani e piedi e li rende schiavi per interi decenni», e ha attac­cato dura­mente la stra­te­gia del governo, «volu­bile e vacil­lante», e la lea­der­ship del par­tito: «Ha can­cel­lato e distrutto spe­ranze e sogni». «Non lasciamo che la sini­stra diventi sol­tanto una paren­tesi di sette mesi», ha scritto in un appello che invita ad ascol­tare tutte le cor­renti di Syriza e a con­vo­care un con­gresso, con­vinto che «nono­stante le intense discus­sioni che ci saranno, una solu­zione si troverà».



Related Articles

Egitto, la doppia agenda degli islamici «Democrazia, ma a impronta coranica»

Loading

Sorrisi e teorie del complotto nelle sedi dei Fratelli musulmani e dei salafiti

Il Califfo e il format delle video-esecuzioni: la rete del terrore che si riproduce ovunque

Loading

Osama aveva creato un marchio. Il Califfo lo ha tramutato in un format. Riproducibile su scala globale

Migranti, Europa spaccata al vertice decisivo

Loading

Compromesso al ribasso: redistribuzione volontaria ma vincolante. Renzi: evitare che gli Stati si chiudano Cameron accusa Roma: chi arriva va schedato meglio, rafforzeremo la sicurezza delle nostre frontiere

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment