«Il nodo è politico: o Xi Jinping accelera sulle riforme o il Partito sarà dei conservatori»

«Il nodo è politico: o Xi Jinping accelera sulle riforme o il Partito sarà dei conservatori»

Giu­liano Noci, pro­ret­tore del Polo ter­ri­to­riale cinese del Poli­tec­nico di Milano, è un grande cono­sci­tore della Cina e dei cinesi. Noci con­ferma una sen­sa­zione che ser­peg­gia negli ambienti che ana­liz­zano i pro­cessi e l’evoluzione del mondo cinese: a Pechino c’è un pro­blema, ed è poli­tico, tra una parte della diri­genza che spinge per le riforme e una parte che ancora pri­vi­le­gia la cre­scita quan­ti­ta­tiva, a sca­pito della qua­lità. Il nodo è poli­tico, ed è su quello che si gioca il futuro della Cina.

Par­tiamo dall’inizio, que­sta enne­sima caduta di Shan­ghai e il panico che si è dif­fuso. Per­ché?
È ormai in corso una presa di con­sa­pe­vo­lezza che scon­fina nel panico da parte della comu­nità inter­na­zio­nale circa la capa­cità del governo cinese di saper gestire la nuova via della cre­scita, che non è più tumul­tuosa come era­vamo abi­tuati. Va detto che la lea­der­ship cinese ce l’ha messa tutta in que­sta fase per inne­scare per­ce­zioni di panico nella comu­nità inter­na­zio­nale e nella società. Hanno spac­ciato la sva­lu­ta­zione dello yuan per andare incon­tro al tema della libe­ra­liz­za­zione della moneta ma alla fine di ogni gior­nata, soste­ne­vano la valuta sennò cadeva troppo.

Oltre a quello hanno pro­se­guito con inter­venti sui fondi pen­sione, per­met­tendo la pos­si­bi­lità di inve­stire in azioni. Per carità non si tratta di deci­sioni scan­da­lose, tutt’altro, molti paesi l’hanno già fatto, ma sem­bra esserci una minore luci­dità del «grande timo­niere» che non rie­sce a sgan­ciare la nuova visione post den­ghiana. La mia tesi è que­sta: hanno ini­ziato la libe­ra­liz­za­zione, quella più con­ve­niente, ma hanno tra­scu­rato quella meno con­ve­niente, quella più dif­fi­cile, tro­van­dosi oggi come oggi con le forze del mer­cato più forti delle loro capa­cità di governo dell’economia.

C’è dun­que una resi­stenza all’interno del par­tito alle riforme che vor­rebbe Xi Jin­ping?
La libe­ra­liz­za­zione gli ha tolto il con­trollo di governo e non sono stati capaci di reg­gere il ritmo giu­sto per le riforme neces­sa­rie. Par­liamo di alcune neces­sità impor­tanti: l’efficiente allo­ca­zione di capi­tali, la riforma delle aziende di stato. Il mer­cato oggi si chiede: ci tro­viamo di fronte a meno capa­cità di governo, avranno la capa­cità di ritro­vare la linea?

E chi può tro­varla?
Io dico: «Cer­casi Xi Jin­ping dispe­ra­ta­mente», per­ché se avesse fatto quanto dichia­rato quando è arri­vato al potere, oggi non avreb­bero que­sti pro­blemi. Il pro­blema quindi, è poli­tico. Pren­diamo la cam­pa­gna anti­cor­ru­zione: dob­biamo spe­rare dav­vero che sia in realtà l’obiettivo del primo quin­quen­nio per azze­rare le spinte con­ser­va­trici e por­tare le riforme che voleva fare e sono neces­sa­rie, per­ché se non sarà così si tor­nerà a una Cina con­ser­va­trice che por­terà dritti a una crisi che può essere pesante per tutti.

Xi Jin­ping dal suo punto di vista, può far­cela?
Sono ancora otti­mi­sta e sono dell’idea che la lotta alla cor­ru­zione celi una volontà di com­pat­tare il par­tito per attuare il dise­gno. Non credo Xi sia il neo maoi­sta che in molti dipin­gono, e lo stesso Pcc del resto non ha più la pos­si­bi­lità di gestire un feno­meno del genere. Il pas­sag­gio ad ora non rie­sce per­ché le incro­sta­zioni enormi nelle aziende di stato e nelle pro­vince erano tali da gene­rare gruppi di inte­resse che sono riu­sciti a fer­mare anche lui che ha in mano tutto. Dob­biamo spe­rare in Xi nella ver­sione rifor­ma­trice, altri­menti la Cina fa un passo indie­tro e fa sbat­tere il mondo con­tro un muro.

Sui numeri della cre­scita cinese, quanto sono affi­da­bili?
Non sono dell’idea che siamo sul 7% come le cifre uffi­ciali evo­cano o invo­cano, guar­dando i dati dell’energia e dei tra­sporti credo si possa essere su un numero minore, ma sai meglio di me che il pro­blema non è certo quello. Il pro­blema è duplice: da un lato poli­tico e dall’altro eco­no­mico. Non è se l’economia cre­sce il 5 o il 7, il pro­blema è se la lea­der­ship con­ser­va­trice che va con­tro Xi è una lea­der­ship che ancora pri­vi­le­gia la quan­tità invece che la qua­lità, quindi che vuole pro­se­guire con il patto den­ghiano: cre­scete e lasciate fare a noi.



Related Articles

Il Ruanda esclude Parigi dalla commemorazione

Genocidio in Ruanda, 20 anni dopo. Nessun rappresentante francese alla cerimonia di Kigali. Il presidente Kagame accusa di nuovo la Francia di avere delle responsabilità nell’eccidio organizzato dei tutsi. Molte zone d’ombra sui fatti del ’94. L’Onu ammette la “vergogna” per non aver visto quello che succedeva

Roma, Raggi chiude in difesa

Nella Capitale la candidata in fuga deve rispondere alle accuse per un conflitto di interessi non dichiarato. Ma il Movimento 5 Stelle è sicuro della vittoria

L’Europa Prende forma il patto per la ripresa e spunta un fondo Bei da 180 miliardi

Tra le proposte misure ultra-liberiste con liberalizzazioni e apertura dei mercati nazionali agli altri partner. L’idea è attuare la “lettera dei 12” fatta propria dal Consiglio europeo cui potrebbero aderire Parigi e Berlino

IL DOSSIER. Le misure allo studio  

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment