Libia. Una missione di «peace-enforcing» con l’Italia alla guida delle truppe

Libia. Una missione di «peace-enforcing» con l’Italia alla guida delle truppe

Per la stampa inglese, l’intervento in Libia sarebbe ormai solo que­stione di set­ti­mane. Secondo il Times, le truppe bri­tan­ni­che si sta­reb­bero pre­pa­rando con cen­ti­naia di uomini a sbar­care nel paese, già attac­cato dai bom­bar­da­menti di Fran­cia e Gran Bre­ta­gna nel 2011. Il con­tin­gente sarebbe parte di una «mis­sione inter­na­zio­nale per sta­bi­liz­zare il paese e com­bat­tere lo Stato isla­mico», si legge nell’articolo. I mili­tari che dovreb­bero com­porre la mis­sione ver­reb­bero anche da altri cin­que paesi: Ita­lia, Fran­cia, Spa­gna, Ger­ma­nia e Stati uniti. Gli Usa (come si apprende da una nota del Pen­ta­gono di alcuni mesi fa) non dovreb­bero par­te­ci­pare con uomini sul ter­reno, ma sol­tanto offrire intel­li­gence e coper­tura aerea. Le trat­ta­tive per la crea­zione della forza di peace-enforcing e la sua com­po­si­zione sareb­bero ancora in corso.
Secondo alcune fonti, dovrebbe essere pro­prio il governo ita­liano a gui­dare l’intervento in Libia. In que­sta fase non si parla di attacco con­tro Tri­poli ma solo di inter­vento per faci­li­tare l’attuazione dell’accordo di pace siglato in Marocco da Tobruk ma dura­mente con­te­stato dal Con­gresso della capi­tale libica. Il gene­rale Kha­lifa Haf­tar aveva ripe­tu­ta­mente chie­sto un inter­vento inter­na­zio­nale per risol­vere la crisi. Nel feb­braio scorso Haf­tar aveva otte­nuto l’aperto soste­gno egi­ziano. L’aviazione del pre­si­dente Abdel Fat­tah al-Sisi aveva col­pito la Cire­naica ed era pronto un inter­vento di terra con­tro Tri­poli. Eppure la richie­sta in sede Onu di ripren­dere la for­ni­tura di armi a Tobruk e Bayda non era stata poi appro­vata, inde­bo­lendo l’iniziativa.
Tri­poli si è sem­pre oppo­sta all’eventualità di un nuovo inter­vento armato. Nono­stante ciò non ha mai nasco­sto di vedere di buon grado un impe­gno ita­liano raf­for­zato nel paese. Dopo gli attac­chi della Nato, Parigi e Lon­dra hanno ten­tato di avvan­tag­giarsi dell’assenza ita­liana, soprat­tutto in ter­mini di con­tratti petro­li­feri e di con­trollo delle risorse sul ter­ri­to­rio. In merito alla lotta all’immigrazione clan­de­stina, entrambi i par­la­menti ave­vano avver­tito Unione euro­pea e Nazioni unite che attac­chi per fer­mare i migranti in acque ter­ri­to­riali libi­che non sareb­bero stati tol­le­rati.
Soprat­tutto il par­la­mento di Tri­poli si è mostrato seria­mente pronto a con­te­nere il flusso di migranti pro­ce­dendo a con­tro­versi arre­sti di chi sarebbe voluto par­tire diret­ta­mente in Tri­po­li­ta­nia con il coin­vol­gi­mento delle auto­rità locali. Que­sto ha solo obbli­gato gli sca­fi­sti fin qui a costrin­gere i bar­coni a par­tire più a est, in ter­ri­to­rio egi­ziano, nei din­torni di Ales­san­dria.
Lo scon­tro tra le due fazioni è stato esa­cer­bato dalla con­danna a morte inflitta nei giorni scorsi dalla Corte di Tri­poli al figlio del colon­nello Ghed­dafi, Saif al-Islam. Il ver­detto pro­nun­ciato in assenza dell’imputato, nelle mani dei mili­ziani di Zin­tan, aveva susci­tato le cri­ti­che di think tank di tutto il mondo e del Con­si­glio d’Europa.
Ieri il mini­stro degli esteri ita­liano, Paolo Gen­ti­loni, è volato ad Algeri pro­prio per par­lare del governo di unità nazio­nale in Libia. Gen­ti­loni ha incon­trato il pre­mier in pec­tore del governo di Tri­poli, Nuri Abu­sah­min. Assieme all’inviato Onu Ber­nar­dino Leon, Gen­ti­loni ha chie­sto al Con­gresso, soste­nuto dalle mili­zie di Misu­rata e dagli isla­mi­sti mode­rati, di accor­dare il suo soste­gno all’intesa di Ski­rat (Marocco), appro­vata da Tobruk. Tri­poli con­te­sta il ruolo di Haf­tar che reste­rebbe capo delle forze armate e la sede del nuovo par­la­mento che per due anni dovrebbe rima­nere in Cire­naica.
Secondo la stampa locale – infine — ieri il temi­bile jiha­di­sta di Ansar al-Sharia, Abu Faruq Al-Libi sarebbe stato ucciso a Souk el Hout. Secondo il colon­nello della bri­gata 21, Jamal al Zahawi, alleato di Haf­tar, i mili­tari di Tobruk avan­zano a Ben­gasi. Dopo mesi di com­bat­ti­menti e una città ormai distrutta, i mili­tari avreb­bero ripreso il con­trollo della tomba di Omar al-Mukhtar (eroe libico della resi­stenza con­tro l’occupazione ita­liana), la strada Amr Ibn al-Aas, la piazza al-Shagara, la sede della Banca cen­trale e il prin­ci­pale porto della città. Tut­ta­via, 18 sol­dati sareb­bero stati rapiti, dopo gli scon­tri avve­nuti ieri a Ajda­biya sulla strada per Tobruk. Nei com­bat­ti­menti sono morti cin­que militari.



Related Articles

Lotta al terrorismo gli intellettuali contro Hollande

Da Piketty a Cohn-Bendit appello su “Le Monde” “Parlamentari, non cambiate la Costituzione”

Pogrom di Stato contro i rom in Ucraina

Kiev. Un’altra azione di pulizia etnica, nel parco Goloseyevsky, della squadraccia di veterani neonazisti della Guardia Nazionale

Business militare. Egitto paese povero, ma terzo importatore mondiale d’armi

Nuovo prestito dell’Fmi. Gli acquisti li coprono i venditori, sul piatto ci sarebbero 500 milioni di Cassa Depositi e Prestiti. Al-Sisi, senza un partito, si legittima rafforzando l’esercito, mentre agli egiziani chiede altri sacrifici

1 comment

Write a comment
  1. giuda nobelio
    giuda nobelio 7 Agosto, 2015, 16:46

    L’italia ha una costituzione che non prevede la guerra di offesa e continua a violarla. Ogni governo catto-comunista si butta in una “missione” al buio solo perche’ i padroni omosessuali (americani) vogliono. Prima andranno i professionisti, la folgore e altri paramilitari (mercenari), poi visto che sbatteranno contro un muro (come in siria) manderanno tutti quelli che vogliono andare tra quelli che han messo firma. E sara’ un macello. Gli italiani non sono fatti per andare in guerra. Hanno i peggiori comandanti al mondo (leggasi Renzi) e guidati dagli americani che non ne azzeccano una …. poveri noi.

    Reply this comment

Write a Comment