«Ma l’Onu cosa fa?»

«Ma l’Onu cosa fa?»

Sull’emergenza immi­gra­zione la chiesa torna ancora una volta all’attacco ma que­sta volta nel mirino non fini­scono i «poli­tici piaz­zi­sti» o il governo Renzi, ma diret­ta­mente l’Onu. A por­tare l’affondo è mon­si­gnor Angelo Bagna­sco, arci­ve­scovo di Genova e pre­si­dente della Con­fe­renza epi­sco­pale ita­liana che si chiede se le Nazioni unite si stiano muo­vendo nel modo gusto per fron­teg­giare la crisi, «Mi chiedo — ha detto il car­di­nale — se que­sti orga­ni­smi inter­na­zio­nali come l’Onu in modo par­ti­co­lare che rac­co­glie il potere poli­tico ma anche il potere finan­zia­rio, hanno mai affron­tato in modo serio e deciso que­sta tra­ge­dia umana». Parole che rac­col­gono l’adesione del gover­na­tore della Lom­bar­dia Roberto Maroni.
Bagna­sco parla nel corso di una visita al semi­na­rio arci­ve­sco­vile che si trova sulle alture di Genova e dove su richie­sta della pre­fet­tura ven­gono ospi­tati 50 pro­fu­ghi pro­ve­nienti da Nige­ria, Sene­gal, Afgha­ni­stan e Ban­gla­desh. «Quando vediamo cen­ti­naia, migliaia di per­sone, esseri umani, di donne, uomini e bam­bini che affron­tano i viaggi della morte per arri­vare in Paesi lon­tani dai pro­pri per motivi che ben sap­piamo — dice — non pos­siamo non con­clu­dere che que­sto pro­blema è un’emergenza vera­mente uma­ni­ta­ria, una tra­ge­dia dell’uomo».
Una crisi uma­ni­ta­ria che ogni anno coin­volge nel mondo quasi 60 milioni di per­sone in fuga dalle pro­prie case. E forse è pro­prio pen­sando a loro che Bagna­sco usa parole dure nei con­fronti delle Nazioni unite alle quali si appella per un inter­vento più inci­sivo.
In realtà tra gli orga­ni­smi inter­na­zio­nali l’Onu è tutt’altro che insen­si­bile al pro­blema dei pro­fu­ghi, al punto che attra­verso le sue agen­zie, Unhcr e Uni­cef, non c’è set­tore di crisi in cui non inter­viene diret­ta­mente: in Medio oriente come in Africa e in Asia, alle­stendo campi e assi­stendo i pro­fu­ghi con cibo e vestiti. Ma anche inter­ve­nendo e facendo pres­sione su governi.
Nei mesi scorsi, ad esem­pio, quando in Europa infu­ria­vano le pole­mi­che su come agire per met­tere fine alle tra­ge­die del Medi­ter­ra­neo e sulla divi­sione tra gli Stati mem­bri di poche decine di migliaia di pro­fu­ghi, dal palazzo di vetro sono par­tite sol­le­ci­ta­zioni all’Unione euro­pea per­ché met­tesse da parte egoi­smi e inte­ressi locali. Sol­le­ci­ta­zioni che, come si è visto, sono rima­ste ina­scol­tate.
Al punto che l’Unione euro­pea ancora stenta a farsi carico del pro­blema. Tra pochi giorni, i primi di set­tem­bre, a Bru­xel­les i capi di Stato e di governo si vedranno per met­tere a punto i mec­ca­ni­smi di divi­sione di circa 35mila pro­fu­ghi arri­vati in Ita­lia e Gre­cia, ma nono­stante le con­ti­nue tra­ge­die del mare e le imma­gini degli ingenti sbar­chi che arri­vano dalle isole gre­che, a oggi sem­bra dav­vero dif­fi­cile che sia è pos­si­bile supe­rare le divi­sioni viste finora. «Il tema dell’immigrazione è ed è stato una prio­rità per il pre­si­dente Junc­ker», ha detto ieri con otti­mi­smo una por­ta­voce della com­mis­sione, che ha ricor­dato come lo stesso Junc­ker sia stato «inco­rag­giato» da una tele­fo­nata rice­vuta gio­vedì scorso dalla can­cel­liera Mer­kel. «Ita­lia e Gre­cia non reste­ranno sole» ha invece pro­messo di nuovo il com­mis­sa­rio Ue all’Immigrazione Dimi­tris Avra­mo­pou­los appena tor­nato dalla Gre­cia.
Lecito dubi­tare che a set­tem­bre vedremo una Ue più soli­dale rispetto al pas­sato, anche per­ché le ele­zioni sono immi­nenti in Spa­gna e Polo­nia e le forze popu­li­ste sof­fiano sull’immigrazione per rac­co­gliere voti. Intanto — ed è già qual­cosa — arri­vano soldi per l’accoglienza: 7 miliardi di euro fino al 2020, dei quali 558 milioni sono desti­nati all’Italia e 474 alla Gre­cia. Ser­vi­ranno a allog­giare e iden­ti­fi­care i migranti, a valu­tare la loro posi­zione di richie­denti asilo e, in caso di respin­gi­mento, il loro even­tuale rim­pa­trio.
Nella con­sa­pe­vo­lezza, ormai una­nime, che quella legata all’immigrazione potrebbe diven­tare la que­stione più impor­tante con cui l’Europa dovrà fare i conti molto pre­sto: «Una sfida più grande del debito greco», ha avver­tito dome­nica scorsa la Mer­kel. Un con­cetto riba­dito ieri anche dal Wall street jour­nal, secondo il quale sarebbe a rischio l’integrazione euro­pea. «C’è biso­gno di un approc­cio su più fronti, incluse misure che creino fidu­cia nel pro­cesso di asilo nei Paesi dove i migranti arri­vano in cam­bio di un fermo impe­gno euro­peo a ricol­lo­care i migranti fra i vari paesi euro­pei. Una solu­zione come que­sta appare lon­tana», afferma il Wsj. La con­se­guenza è che la crisi «sta già avve­le­nando la poli­tica in Europa, ali­men­tando l’ascesa del nazio­na­li­smo e dei par­titi di destra». Un pro­cesso che –dice il Wsj — finirà con l’erodere l’integrazione europea».



Related Articles

Immigrazione.Il ritorno degli egoismi nazionali

“Considerare gli immigrati sbarcati a Lampedusa come un affare strettamente italiano è stato un errore da parte degli stati membri. Lasciando gli immigrati liberi di circolare in Europa, soprattutto in Francia, l’Italia ha gettato benzina sul fuoco”, scrive Nrc Handelsblad, sottolineando la mancanza di solidarietà  dimostrata dai ventisette di fronte al problema dei migranti provenienti dal Nordafrica.

CPR di Torino: «L’urlo di Moussa Balde ha superato mura e sbarre»

In parlamento arriva il «Il Libro nero del Cpr di Torino», scritto dopo la morte del ragazzo. L’autopsia ha confermato l’ipotesi del suicidio, ma nel corso delle indagini il capo di accusa è cambiato: da istigazione al suicidio a omicidio colposo. Nel registro degli indagati, per ora, la direttrice e il responsabile medico del Cpr

Armi a Riyadh, le cene all’Hilton tra Londra e le compagnie militari

Yemen. Si muove il parlamento: un gruppo di deputati chiede al governo di interrompere i rapporti con l’Arabia saudita. Nel paese massacrato dal conflitto avanza ancora al Qaeda: conquistata un’altra città

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment