Memo­ran­dum letale

Memo­ran­dum letale

La Gre­cia si risve­glia con un terzo Memo­ran­dum che pro­lunga l’austerità e ingab­bia le vel­leità della sini­stra radi­cale al potere, senza una mag­gio­ranza di governo e con il suo prin­ci­pale par­tito, Syriza, sull’orlo dell’esplosione. La discus­sione not­turna e il voto in pri­mis­sima mat­ti­nata (in tempo per la riu­nione dell’Eurogruppo) dell’accordo con i cre­di­tori inter­na­zio­nali lascia die­tro di sé una distesa di mace­rie: passa, come nelle pre­ce­denti vota­zioni, gra­zie all’appoggio dell’opposizione del cen­tro­de­stra di Nea Demo­cra­tia, dei socia­li­sti del Pasok e dei cen­tri­sti di To Potami, ma nono­stante l’appello di Ale­xis Tsi­pras a evi­tare di «tor­nare a una crisi senza fine», quella che si apri­rebbe nel caso i cre­di­tori deci­des­sero di dare alla Gre­cia l’ennesimo prestito-ponte e non gli 86 miliardi del Mec­ca­ni­smo euro­peo di sta­bi­lità, il governo ottiene solo 118 voti dalla sua mag­gio­ranza, sotto la soglia minima di 120 oltre la quale man­cano i numeri per gover­nare. Per que­sto il primo mini­stro è costretto a chie­dere, già la pros­sima set­ti­mana, un voto di fidu­cia che si pre­an­nun­cia a dir poco com­pli­cato: se non rien­tra qual­cuno dei dis­sen­zienti, sarà crisi di governo e, con ogni pro­ba­bi­lità, saranno indette ele­zioni anticipate.

Nel frat­tempo Syriza esplode: in 32 votano con­tro il prov­ve­di­mento (la metà esatta dei 64 voti con­trari), 11 rispon­dono «pre­sente» al momento della chia­mata, altri tre dicono for­mal­mente sì ma non appro­vano i sin­goli prov­ve­di­menti, uno non si pre­senta alla vota­zione. Molti altri riman­gono inde­cisi fino all’ultimo e dicono sì turan­dosi il naso, men­tre i gio­vani del par­tito chia­mano alla mobi­li­ta­zione con­tro il Memo­ran­dum. Il quo­ti­diano Efe­me­ride ieri par­lava di una pro­fonda «crisi d’identità» di Syriza, arri­vata al governo con lo slo­gan «basta troika» e «stop Memo­ran­dum» e ora alle prese con una duris­sima real­po­li­tik che le impone di gestire ana­lo­ghe misure di auste­rità e nel segno del neo­li­be­ri­smo, in un Paese di fatto com­mis­sa­riato da Bruxelles.

Uno choc dal quale la Coa­li­zione della sini­stra radi­cale elle­nica potrebbe non ripren­dersi, se è vero che la situa­zione è cao­tica a tal punto che per­sino il pre­vi­sto con­gresso del par­tito, chie­sto dallo stesso Tsi­pras e annun­ciato per la fine di set­tem­bre, è in alto mare. Comun­que andrà a finire, la Syriza che abbiamo cono­sciuto finora, un sin­go­lare espe­ri­mento poli­tico di “new left” euro­pea, non sarà più la stessa. La Piat­ta­forma di sini­stra, la mino­ranza interna che fa capo all’ex mini­stro dell’Energia Pana­io­tis Lafa­za­nis, potrebbe addi­rit­tura diser­tare l’appuntamento. Ne sta discu­tendo in que­ste ore e, in tal caso, quasi mezzo par­tito (o forse più, dif­fi­cile fare cal­coli in que­sto momento) lascerà i vec­chi com­pa­gni senza nep­pure salu­tare. «Per­ché dovremmo andarci? Per discu­tere e deci­dere cosa, visto che tutto è già acca­duto? Que­sto Memo­ran­dum non ha nulla di sini­stra e il nostro com­pito ora è bat­terci, in Par­la­mento e fuori, per­ché non venga appli­cato», dice un auto­re­vole rap­pre­sen­tante dell’opposizione interna.

Le due anime del par­tito hanno imboc­cato due strade oppo­ste: den­tro le con­trad­di­zioni del Memo­ran­dum, ten­tando di miti­garne l’impatto con «com­pen­sa­zioni» sul piano sociale, gli uni; radi­cal­mente fuori e con­tro i secondi. L’obiettivo dei dis­sen­zienti è costruire un «fronte del no» ampio, «di sini­stra e patriot­tico», che potrebbe tirarsi die­tro anche il movi­mento gio­va­nile di Syriza, deci­sa­mente schie­rato con­tro Tsi­pras, non­ché for­ma­zioni ultra­ra­di­cali come Antar­sya, anche se, sosten­gono, «ci rivol­ge­remo alla società, a tutti coloro che hanno votato no al refe­ren­dum». Dodici espo­nenti della Piat­ta­forma di sini­stra, tra cui il lea­der Lafa­za­nis, hanno fir­mato una let­tera aperta in cui chie­dono la fon­da­zione di un «movi­mento che legit­ti­merà il desi­de­rio popo­lare di demo­cra­zia e giu­sti­zia sociale». Ma il dis­senso nella mag­gio­ranza di governo va ben oltre, reso evi­dente dalla spac­ca­tura a metà del comi­tato cen­trale di Syriza, dall’ «ostru­zio­ni­smo» della Pre­si­dente del Par­la­mento Zoe Kostan­to­pou­lou (vera spina nel fianco di Tsi­pras e per­so­nag­gio emer­gente del fronte più radi­cale) che ha ten­tato di tutto per far rin­viare la vota­zione a lunedì, non­ché dal no dell’ex mini­stro delle Finanze Yanis Varou­fa­kis, che però ha soste­nuto che se Tsi­pras glielo chie­desse lui abban­do­ne­rebbe il Par­la­mento e non è escluso che alla fine voti la fidu­cia. Per­fino dalle dif­fi­coltà degli alleati dell’Anel, ai quali non vanno giù i tagli alla Difesa e alle pen­sioni delle forze armate.

Ma è evi­dente a tutti che il para­dosso di una mag­gio­ranza di governo e allo stesso tempo di oppo­si­zione radi­cale non potrà durare ancora a lungo. La pro­spet­tiva della crisi di governo e delle ele­zioni anti­ci­pate si fa sem­pre più con­creta, nono­stante l’opposizione par­la­men­tare sia l’ultima a volerle e i cre­di­tori le vedano come il fumo negli occhi per­ché l’applicazione del Memo­ran­dum rischie­rebbe di sban­dare dalla par­tenza, con un Paese in preda all’instabilità poli­tica. Il vero garante dell’accordo a que­sto punto rimane Ale­xis Tsi­pras, fino a poco più di un mese fa inviso ai gover­nanti euro­pei e oggi, enne­simo para­dosso della ingar­bu­gliata vicenda greca, diven­tato l’uomo della prov­vi­denza. I son­daggi gli hanno sem­pre assi­cu­rato un tasso di popo­la­rità molto alto. Pro­ba­bil­mente rimane il poli­tico più popo­lare della Gre­cia, ma rimane il nodo delle alleanze, a meno che una Syriza 2.0 non rag­giunga da sola la mag­gio­ranza asso­luta. Sarà dispo­ni­bile a gui­dare even­tual­mente un ese­cu­tivo di unità nazio­nale, lui che ha già dichia­rato di non essere «un uomo per tutte le stagioni»?



Related Articles

Neve, lacrime e (soprattutto) divise: il lungo addio al Caro Leader

Neve allora, neve ora. Neve per la Natività  rivoluzionaria che si consumò in una baita sul monte Paektu, estremo Nord della Corea, dove la mitologia nazionale colloca l’inizio dell’avventura terrena di Kim Jong-il, 1942.

Caracas, dietro le quinte delle violenze di piazza

? Venezuela, il presidente Nicolas Maduro © Reuters

 Venezuela. Uno studente testimone, membro della Ong indipendente Anros, racconta gli scontri

Unione europea Non è il momento del federalismo

Hajo / Caglecartoons.com

In Germania diverse forze politiche sembrano favorevoli a cedere sovranità  a Bruxelles in nome degli Stati Uniti d’Europa. Ma prima di parlare di grandi progetti bisognerebbe superare l’emergenza della crisi.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment