Monsignor Galan­tino: «Oggi la politica è solo un puzzle di ambizioni»

Monsignor Galan­tino: «Oggi la politica è solo un puzzle di ambizioni»

Dall’intervista a Fami­glia cri­stiana alla lec­tio sulla figura di Alcide De Gasperi. Mon­si­gnor Nun­zio Galan­tino, segre­ta­rio gene­rale della Con­fe­renza epi­sco­pale ita­liana, non fa un passo indie­tro. Anzi. Dopo le pole­mi­che (con Lega e governo Renzi) sui migranti, ha solo evi­tato di pre­sen­ziare fisi­ca­mente al con­ve­gno di Pieve Tesino. Ma l’intervento scritto è duris­simo, soprat­tutto se si legge in con­tro­luce il para­gone fra il primo pre­si­dente del con­si­glio dell’Italia uscita dalla guerra e l’attuale sce­na­rio «demo­cra­tico» della sup­po­sta nuova Repubblica.

Galan­tino evi­den­zia come la poli­tica di De Gasperi lea­der della Dc «non è quella che siamo stati abi­tuati a vedere oggi, vale a dire un puzzle di ambi­zioni per­so­nali all’interno di un pic­colo harem di coop­tati e di furbi». E ancora un pas­sag­gio espli­cito che rende la misura fra sta­ti­sti di cara­tura insin­da­ca­bile e gover­nanti della quo­ti­dia­nità media­tica: «I veri poli­tici segnano la sto­ria ed è con la sto­ria che vanno giu­di­cati, per­ché solo da quella pro­spet­tiva che non è mai comoda, si pos­sono per­ce­pire gran­dezze e mise­rie dell’umanità».

Scarsa diplo­ma­zia? Il segre­ta­rio della Cei risponde per via indi­retta: «La chiesa non ha biso­gno di diplo­ma­zie esclu­sive, ma di uno spi­rito evan­ge­lico, come papa Fran­ce­sco non si stanca di ricor­darci». E, di nuovo, al lai­ci­smo leghi­sta risponde così: «Che cosa saremmo noi vescovi ita­liani senza l’Italia? La nostra mis­sione non può essere disgiunta dal destino di que­sto nostro Paese, a cui siamo non solo fedeli, ma ser­vi­tori. Ciò signi­fica allora che il Papa, i vescovi e i pre­sbi­teri hanno biso­gno di essere inse­riti in una comu­nità impe­gnata e solida che li ascolti, certo, ma anche che li aiuti e li sostenga».

Tant’è che Galan­tino sot­to­li­nea anche il pro­filo dei cre­denti, a bene­fi­cio dei cri­tici: «Pen­siamo che un cat­to­lico sia un uomo con il freno a mano, che non possa godere del suc­cesso della scienza o dei frutti della ric­chezza. Ma sono bestem­mie per­ché non c’è nes­sun motivo che ci spinga a rinun­ciare ad offrire al signore il meglio dell’intelligenza e dello svi­luppo eco­no­mico e tecnologico». .



Related Articles

«Forse siamo scivolati»: l’esame di coscienza di Cl

Il movimento e la riflessione sul rapporto con la politica Amicone: ci viene meglio altro…

Chi ha paura della psicoanalisi

Quella “cura speciale” contro le terapie brevi  Dopo il “Manifesto” dei quattro autorevoli esponenti delle scuole principali, ecco un’altra riflessione sul temaSi parla di uno statuto diverso, ma non si invoca una sorta di riserva indiana per chi è incapace di “essere scientifico”È vero però che c’è un rischio di declino e di emarginazione culturale dovuti a certi irrigidimenti dottrinaliLe accuse non considerano come la disciplina abbia una sua specificità  rispetto al soggetto

I SEI PILASTRI DELLA CONVERSIONE

Misurarsi con il governo Monti sul suo terreno non è saggio. Monti comanda ma non governa. Comanda perché i partiti che lo sostengono (sempre più infelici) glielo lasciano fare e gli elettori che essi pretendono di rappresentare non hanno forze né strumenti per fermarlo.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment