Terza sva­lu­ta­zione, i «quattro complessivi» e i dissidi interni al Partito

Terza sva­lu­ta­zione, i «quattro complessivi» e i dissidi interni al Partito

Ieri la Banca del popolo cinese (Bpc), che ha deciso per una terza sva­lu­ta­zione dello yuan (1%), in una con­fe­renza stampa a Pechino ha con­fer­mato quanto soste­nuto dai media nazio­nali il giorno pre­ce­dente. Lo scopo delle mano­vre sarebbe di «lasciare che sia il mer­cato a deci­dere il tasso di cam­bio» e la Bpc si asterrà «da inter­venti rego­lari sul mer­cato dei cambi».

Lo ha soste­nuto Yi Gang, vice gover­na­tore della Bpc aggiun­gendo che il cam­bio dello yuan verrà man­te­nuto ad un livello «più o meno sta­bile e ragio­ne­vole». Le borse, dopo un tonfo istin­tivo dei giorni pre­ce­denti, hanno rim­bal­zato, finendo per dige­rire il boc­cone amaro lan­ciato da Pechino. È pre­su­mi­bile che nei pros­simi giorni le oscil­la­zioni avranno fine e tutto tor­nerà alla «nuova normalità».

Que­ste due parole sono anche lo slo­gan con cui la lea­der­ship cinese ha annun­ciato il pros­simo periodo sto­rico: una «nuova nor­ma­lità» fatta di cre­scita più con­te­nuta ma più qua­li­ta­tiva. E per fare in modo che que­sto avvenga Xi Jin­ping oltre alle riforme ha lan­ciato una vio­lenta cam­pa­gna anticorruzione.

Ma l’azione di Xi non è solo costruita allo scopo di scar­di­nare mec­ca­ni­smi malati (che fini­scono per far morire molti inve­sti­menti), per­ché nasconde anche una bat­ta­glia poli­tica all’interno del Par­tito, da cui potreb­bero non essere esenti gli ultimi scos­soni, da quelli della borsa di Shan­ghai e le ripa­ra­zioni al danno, fino ad arri­vare alla scelta di tor­nare a favo­rire le esportazioni.

Ci sono due ragio­na­menti da fare al riguardo. Xi Jin­ping è giunto al potere dopo una furiosa bat­ta­glia, alla fine della quale è stato sra­di­cato quel grup­petto all’interno del Par­tito che poteva essere col­le­gato alla cosid­detta «nuova sini­stra» cinese (Bo Xilai e poi Zhou Yon­g­kang, che gestiva sicu­rezza e petro­lio). Un mix di maoi­smo e diri­gi­smo che mal vedeva le aper­ture richie­ste dai libe­rali. Xi Jin­ping, per quanto ambi­guo nelle sue posi­zioni eco­no­mi­che, ha aval­lato que­sta bat­ta­glia, finendo però per ritro­varsi con i libe­rali agguer­riti in seno al Partito.

Uno di que­sti è sicu­ra­mente il pre­mier Li Keqiang, che in que­ste set­ti­mane non viene dato in par­ti­co­lare sin­to­nia con il pre­si­dente (tanto che si parla di screzi e della pos­si­bi­lità di un nuovo team ad hoc per la gestione eco­no­mica). Xi, però, ben­ché si sia amman­tato di un’aura da rifor­ma­tore (che deriva anche dal padre, uno degli eroi della Repub­blica popo­lare) ha finito per pro­vo­care una ster­zata in seno al Par­tito: da una gestione col­let­tiva si è pas­sati ad una auto­ri­ta­ria e indi­vi­duale. Ha lan­ciato i cosid­detti «quat­tro com­ples­sivi», per una «com­ples­siva costru­zione di una società mode­ra­ta­mente pro­spera, il com­ples­sivo appro­fon­di­mento delle riforme, il com­ples­sivo Stato di diritto, la com­ples­siva rea­liz­za­zione della disci­plina di Par­tito» met­ten­dosi al di sopra di tutto e lasciando inten­dere di poter rima­nere alla guida oltre i dieci anni canonici.

Xi Jin­ping, e veniamo al secondo ragio­na­mento, ha con­tras­se­gnato la pro­pria lea­der­ship con un richiamo al maoi­smo nella gestione del rap­porto tra Par­tito e popo­la­zione, al con­fu­cia­ne­simo nel ten­ta­tivo di resti­tuire un’identità ai cinesi e con un forte auto­ri­ta­ri­smo in mate­ria di sicu­rezza e di eco­no­mia. Ma ha finito, pre­su­mi­bil­mente, per farsi dei nemici, com­presi, forse, i sodali di tanti fun­zio­nari finiti nella rete dell’anti corruzione.

Ora pro­ba­bil­mente qual­che nodo è giunto al pet­tine e non è detto che le deci­sioni della banca cen­trale non rien­trino in un gioco poli­tico in corso all’interno del Par­tito. Non a caso al tra­di­zio­nale incon­tro di Bei­dahe, un sum­mit di ver­tice, Xi Jin­ping non ha pre­sen­ziato, ricor­dando quelle lun­ghe assenze di Mao pro­prio a ridosso e in pre­pa­ra­zione di azioni con­tro i pro­pri nemici.



Related Articles

“Così Mps ha manipolato il mercato”

Il rapporto Consob ai pm di Siena: ecco le bugie dei vertici della banca per truffare gli investitori   

Spunta la mediazione della Cisl sui licenziamenti economici

Bonanni apre ad una “robusta manutenzione” dell’articolo 18. Cgil perplessa  

Ha riaperto solo mezza Fiat. È la crisi a scaldare l’autunno

MELFI Oggi presidio e (forse) assemblea con Landini. Azienda ambigua fino all’ultimo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment