All’Onu due anni di confronto per «17 obiet­tivi », ora bisogna realizzarli

All’Onu due anni di confronto per «17 obiet­tivi », ora bisogna realizzarli

I capi di Stato e di governo, le dele­ga­zioni diplo­ma­ti­che, l’alta buro­cra­zia del Palazzo di Vetro hanno for­mal­mente ini­ziato ieri la discus­sione sui nuovi Obiet­tivi di svi­luppo soste­ni­bile (SDG), eredi di quelle Mete del Mil­len­nio (MDG) annun­ciate e sot­to­scritte 15 anni fa e che ora sono al capo­li­nea. Tra luci e ombre.

Ma i nuovi obiet­tivi, ben 17, che entro dome­nica saranno carta scritta e sot­to­scritta dai governi del pia­neta hanno rispetto al pas­sato una novità.

Sono il frutto di una con­cer­ta­zione durata due anni che ha coin­volto due milioni di per­sone in 40 Paesi cer­cando, per la prima volta, di met­tere in piedi un pro­cesso nego­ziale che tenesse in conto anche le mino­ranze, le asso­cia­zioni della società civile, cit­ta­dini e sindaci.

Que­sti ultimi sono invi­tati a Torino a metà otto­bre per ten­tare, con un Forum sullo svi­luppo eco­no­mico locale, di decli­nare a livello di ter­ri­to­rio (ci saranno decine di sin­daci) quelli che que­sta volta non dovreb­bero essere obiet­tivi calati dall’alto e figli solo di un nego­ziato tra la diplo­ma­zia dell’Onu e i col­letti bian­chi dei governi.

Fin qui le luci di obiet­tivi molto con­di­vi­si­bili che vanno dall’azzeramento della fame, alla salute per tutti, dalla pro­te­zione dell’ambiente al con­sumo respon­sa­bile o alla parità di genere.

Ma le ombre sono in agguato in quella che è una sfida epo­cale tra qui e il 2030 e che in parte rie­cheg­gia le parole del papa ma anche le bat­ta­glie dei movi­menti sociali.

Le ombre stanno almeno in due sog­getti: il set­tore pri­vato, il cui ingresso tra i pro­ta­go­ni­sti del cam­bia­mento viene salu­tato dall’Onu come un passo avanti, e i governi che, nel bene e nel male, hanno nego­ziato in molti casi al ribasso spe­rando che gli obiet­tivi restino più dichia­ra­zioni d’intenti che vere e pro­prie poli­ti­che da met­tere in pratica.

Il pri­vato non è in sé il male asso­luto ma solo se il sociale sarà in grado di con­te­nerne la spinta per forza di cose libe­ri­sta. Il grande esem­pio è Bill Gates e la fon­da­zione che gesti­sce con sua moglie. C’è chi lo bene­dice per i fondi dati alla ricerca sulla mala­ria o l’Aids ma anche chi ne teme l’influenza nefa­sta quando, in molti casi, si sosti­tui­sce ai governi in nome del vec­chio refrain «pri­vato è bello ed effi­ciente», che ora è di gran moda.

E’ un timore che si riflette nell’allarme di un’organizzazione come Medici senza fron­tiere: «Siamo pre­oc­cu­pati che i nuovi obiet­tivi, se pur lode­voli, siano un’illusione – dichia­rano – per­ché siamo testi­moni di quanto l’accesso ine­guale alle cure, le regole com­mer­ciali sem­pre più severe, la ridu­zione dei fondi per la ricerca e lo svi­luppo e la man­canza di volontà poli­tica con­ti­nuino a spez­zare vite e para­liz­zare intere comu­nità». Secondo Msf negli ultimi 15 anni, sono state inve­stite grandi risorse per affron­tare le epi­de­mie e miglio­rare la salute materna e infan­tile ma «que­sti risul­tati oggi sono a rischio. I paesi a medio red­dito – dove oggi vive il 70% delle per­sone più povere al mondo – stanno per­dendo il soste­gno inter­na­zio­nale e sono costretti a sce­gliere fra sanità e altri settori».

Insomma in un momento in cui si tagliano i tra­sfe­ri­menti alla ricerca, alla salute, agli enti locali, alla scuola, come si fa a pen­sare che in 15 anni salute, istru­zione, decen­tra­mento fun­zio­ne­ranno meglio?

E’ que­sta la sfida vera cui l’Onu dovrà rispon­dere, immer­gendo nella realtà quel che si decide nelle alate stanze del Palazzo di Vetro e facendo i conti con le poli­ti­che dei governi.

A Torino tra due set­ti­mane ci pro­verà: secondo il Pro­gramma per lo svi­luppo – l’Undp, il brac­cio poli­tico dell’Onu – la vera svolta può infatti arri­vare solo da un rap­porto vir­tuoso tra cen­tro e peri­fe­rie e dalla valo­riz­za­zione dei ter­ri­tori, delle reti asso­cia­tive locali, della pro­du­zione inno­va­tiva e soste­ni­bile, a por­tata di cittadino.

C’è chi ci sta pro­vando. Resta da vedere se, come dice Ban Ki moon, il mondo saprà dav­vero non esclu­dere più nessuno.



Related Articles

Risparmio e consumi delle famiglie, 1.367 miliardi fermi in banca

I consumi restano bassi ma i risparmi non vanno a finanziare la produzione Solo nell’ultimo anno i depositi sono aumentati di 83 miliardi

Boom della cassa integrazione

A febbraio +49,1%. E il 19,4% dei laureati non trova lavoro   La Cgil: “Il sistema produttivo è bloccato, non ci sono né crescita né sviluppo” 

Sul reddito minimo un’occasione per Grillo

L’ iter parlamentare della legge di Stabilità si sta trasformando in un disordinato attacco alla diligenza. Come ai tempi della Prima Repubblica, vi è il rischio che il provvedimento finisca per premiare gli interessi dei più forti, a spese dei più deboli.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment