Cli­mate change, le città cinesi e americane si coordinano

Cli­mate change, le città cinesi e americane si coordinano

Gli atti finali della pre­si­denza Obama pas­sano anche per la lotta ai cam­bia­menti cli­ma­tici. Dopo aver visi­tato l’Alaska, con­se­gnando al mondo un mea culpa sul ruolo dell’economia ame­ri­cana nello scem­pio ambien­tale che si sta con­su­mando nell’Artico, gli Stati Uniti met­tono un nuovo tas­sello in vista della visita del pre­si­dente cinese Xi Jin­ping, atteso negli Usa la pros­sima settimana.

A scan­dire il tempo è anche il Sum­mit Onu sul clima in pro­gramma a Parigi a dicem­bre che intende giun­gere a un nuovo accordo in mate­ria di ridu­zione delle emis­sioni glo­bali di gas serra a sosti­tu­zione del Pro­to­collo di Kyoto, uffi­cial­mente sca­duto nel 2012.

Riprende così un dia­logo avviato lo scorso novem­bre con la Cina, quando, in occa­sione della sua visita, Obama giocò a carte sco­perte, annun­ciando l’impegno ame­ri­cano a ridurre le emis­sioni del 26–28% entro il 2025, rispetto ai livelli del 2005, e incassò una rispo­sta cinese che fis­sava al 2030 la data per il rag­giun­gi­mento del picco delle emis­sioni. Gli Stati uniti hanno, que­sta set­ti­mana, ospi­tato una due giorni di incon­tri ad alto livello sul clima.

Tea­tro del Us-China Cli­mate Lea­der Sum­mit è stata la città di Los Ange­les, che da tempo ha messo in atto un sistema di cup and trade per le emis­sioni che i cinesi stanno pro­vando a imi­tare. A latere delle discus­sioni sui rispet­tivi impe­gni in seno al Cli­mate Change Wor­king Group, creato nel 2013 per raf­for­zare la coo­pe­ra­zione bila­te­rale in vista del Cop21 di Parigi, gli incon­tri cali­for­niani sono stati anche l’occasione per uno scam­bio di buone pra­ti­che e l’assunzione di impe­gni a livello di aree urbane, pro­vince e contee.

Pro­ta­go­ni­sti, oltre ai nego­zia­tori sul clima, sono stati infatti anche i cli­mate majors, i primi cit­ta­dini e i gover­na­tori di metro­poli come Washing­ton, Pechino, Seat­tle, Guang­z­hou, Atlanta e Shen­z­hen e delle mag­giori pro­vince cinesi che, come ha ricor­dato Eric Gar­cetti, sin­daco di LA «rap­pre­sen­tano la prima fonte di inqui­na­mento da emis­sioni e si tro­vano in prima linea nell’affrontare le con­se­guenze dei cam­bia­menti climatici».

Una prova di buona volontà prima degli atti finali di Parigi?

Quel che è certo è che il sum­mit si è chiuso con una dichia­ra­zione con­giunta in cui le due parti si impe­gnano a rispet­tare gli impe­gni presi nei rispet­tivi «con­tri­buti pro­gram­mati e defi­niti a livello nazio­nale», già pre­sen­tati da altri 40 paesi con l’eccezione di Bra­sile e India, allar­gando gli impe­gni alle muni­ci­pa­lità e alle aree urbane.

Nel docu­mento Pechino e Guang­z­hou si impe­gnano a rag­giun­gere il picco delle pro­prie emis­sioni entro il 2020, con dieci anni di anti­cipo sul tar­get nazio­nale, segue Shen­zen che fissa nel 2022 la data di ini­zio della curva discen­dente. Per Los Ange­les si parla del 2025. Le città si sono impre­gnate a ren­dere pub­blici i pro­pri pro­gressi e a con­di­vi­dere buone pra­ti­che in una piat­ta­forma urbana alla lotta ai cam­bia­menti climatici.



Related Articles

Grandi dighe, è revival

La costruzione delle grandi dighe idroelettriche raggiunse il picco mondiale negli anni 1970. Allora nascevano come funghi, al ritmo di mille all’anno in media, secondo la Commissione mondiale sulle dighe (Wcd), creata nel 1998 dalla Banca Mondiale e dalla International Union for the Conservation of Nature (Iucn).

Tasi, in oltre 2 mila città si paga a giugno

Tasi. Ieri è scaduto il termine per le prime delibere: il 42% dei capoluoghi ha deciso, a cominciare da Napoli, Torino, Genova e Bologna

Staffan de Mistura: “Se la tregua non regge il Califfato si allargherà e sarà fuga verso la Ue”

Parla l’inviato delle Nazioni Unite Staffan de Mistura: “Serve una svolta entro luglio o agosto”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment