Il giuramento di Tsi­pras

Il giuramento di Tsi­pras

Grecia. Bassa affluenza ma voto storico in Grecia. Tsipras vince e conferma la maggioranza con Anel. Centristi e Pasok ininfluenti. Ex di Syriza fuori dal parlamento. Entro domani la lista dei ministri. Priorità lotta all’austerity e alla corruzione. Domenica vertice con Obama

Ale­xis Tsi­pras ha rice­vuto l’incarico di for­mare il nuovo governo dal pre­si­dente della Repub­blica Pro­ko­pis Pavlo­pou­los e ieri sera ha già giu­rato come primo ministro.

L’ufficializzazione dei nomi di tutti i mini­stri, con il giu­ra­mento di prassi, avverrà tra oggi e domani mat­tina. Tempi velo­cis­simi, diretta con­se­guenza del trionfo elet­to­rale di Syriza e del suo lea­der. La Coa­li­zione della Sini­stra Radi­cale greca è riu­scita a rag­giun­gere, dun­que, il 35,4% dei voti, per­dendo meno di un punto per­cen­tuale rispetto alle ele­zioni di gen­naio e con­qui­stando 145 depu­tati su un totale di tre­cento. La mag­gio­ranza di governo è assi­cu­rata gra­zie alla con­ferma dell’alleanza con i Greci Indi­pen­denti di Panos Kam­me­nos, che pur avendo tutti i son­daggi con­tro, son arri­vati al 3,7%, supe­rando il quo­rum e gua­da­gnan­dosi 10 deputati.

Il cen­tro­de­stra di Nuova Demo­cra­zia si è fer­mato ben al di sotto delle aspet­ta­tive del suo nuovo pre­si­dente, Van­ghè­lis Mei­ma­ra­kis. Non è andato oltre il 28,1% , con l’elezione di 75 rap­pre­sen­tanti in parlamento.

Mal­grado i forti attac­chi a Tsi­pras, le accuse a Syriza di aver con­tra­stato troppo i cre­di­tori e le pro­messe di sta­bi­lità con governi di unità nazio­nale, i con­ser­va­tori non hanno con­vinto.

I neo­na­zi­sti di Alba Dorata, nono­stante il pro­cesso a cui è sot­to­po­sta la quasi tota­lità della sua diri­genza, si con­ferma –con la reto­rica dell’odio e sfrut­tando anche la tra­ge­dia uma­ni­ta­ria dei pro­fu­ghi– terzo par­tito del paese, con il 6,9% dei voti.

Ale­xis Tsi­pras sa bene che i neo­na­zi­sti si com­bat­tono tutti i giorni, soprat­tutto sul piano poli­tico e sociale. E il primo impe­gno di carat­tere inter­na­zio­nale dopo la sua rie­le­zione, è, appunto, la par­te­ci­pa­zione al ver­tice euro­peo di domani sull’immigrazione, dove riba­dirà con forza che Atene chiede il reale supe­ra­mento di «Dublino 2» e una poli­tica comune di tutta l’Unione. Una poli­tica che non può certo limi­tarsi alla crea­zione di cen­tri di iden­ti­fi­ca­zione e riconoscimento.

Sabato, il lea­der di Syriza sarà a New York per par­te­ci­pare all’assemblea gene­rale dell’Onu, men­tre dome­nica avrà un incon­tro infor­male con il pre­si­dente ame­ri­cano Barack Obama. Col­lo­quio nel quale, secondo fonti vicine al qua­ran­tu­nenne lea­der della sini­stra greca, si par­lerà della realtà geo­po­li­tica del Medi­ter­ra­neo e delle for­tis­sime ten­sioni in corso, ma anche del biso­gno che l’Europa entri real­mente in una nuova fase, orien­tata allo svi­luppo e al supe­ra­mento della cieca austerità.

Il governo Tsi­pras gestirà il pac­chetto Junc­ker per lo svi­luppo e la trat­ta­tiva per l’alleggerimento del debito che dovrebbe par­tire tra poche set­ti­mane. I rap­porti con Washing­ton, sono quindi con­si­de­rati di note­vole impor­tanza, così come la neces­sità di ren­dere chiaro che non si tratta di uno «Tsi­pras due» prono all’austerity, ma di un primo mini­stro di sini­stra –più esperto e forse meno inge­nuo– che intende con­ti­nuare a lavo­rare «e se neces­sa­rio a san­gui­nare, per fare in modo che il suo popolo non san­guini più», come ha dichia­rato lo stesso nuovo primo mini­stro ieri, dopo l’incontro con Kammenos.

Quanto al gioco delle alleanze, ne esce defi­ni­ti­va­mente il par­tito del Fiume, creato dal gior­na­li­sta Sta­vros Theo­do­ra­kis, che tanto pia­ceva a gran parte dei cre­di­tori: il suo 4,1%, con undici depu­tati, è inin­fluente per la soli­dità del governo. Come inin­fluenti e non neces­sari sono, arit­me­ti­ca­mente, i dicias­sette depu­tati del Pasok, che ha rag­giunto il 6,2% .

Riguardo ai socia­li­sti, tut­ta­via, potrebbe non essere stato ancora tutto deciso: il pre­si­dente di Anel, dopo aver riba­dito che il governo avrà una linea pro­gres­si­sta, ha invi­tato il Pasok, con a capo Fofi Jen­ni­matà, a rom­pere con il pas­sato e con per­so­naggi cor­rotti che fanno ancora parte delle sue liste. Ver­rebbe ipo­tiz­zata, cioè, in caso di un forte rin­no­va­mento, una pos­si­bile col­la­bo­ra­zione. Ma le rispo­ste, per ora, dalle file dei socia­li­sti, sono, almeno uffi­cial­mente, total­mente nega­tive. Smen­ti­scono, anche, di avere rice­vuto pro­po­ste uffi­ciali per soste­nere o par­te­ci­pare al governo–

Quanto ai ven­ti­cin­que ex depu­tati di Syriza e nume­rosi altri diri­genti che in segno di pro­te­sta per la firma del com­pro­messo con i cre­di­tori, hanno dato vita a Unità Popo­lare, per la pros­sima legi­sla­tura non par­te­ci­pe­ranno alla vita par­la­men­tare. Hanno sfio­rato il quo­rum del 3%, ma si sono fer­mati a un passo dal risul­tato utile, al 2,9%. Mal­grado i nomi di spicco, tra cui quello della ex mini­stra aggiunta delle finanze Nadia Vala­vani, che aveva fatto appro­vare la legge che per­mette l’importante rateiz­za­zione dei debiti con lo stato, i greci non hanno voluto seguire la pro­spet­tiva di un pos­si­bile ritorno alla dracma. Il mes­sag­gio del par­tito è stato, in sostanza, «con il memo­ran­dum siamo un paese inca­pace di auto­de­ter­mi­narsi», ma non ha fatto abba­stanza presa. A quel punto molti hanno deciso di sce­gliere, come sem­pre, il par­tito comu­ni­sta orto­dosso del Kke (5,5% dei voti) che dice da sem­pre no all’euro e a que­sta Unione europea.

Tempi rapidi, quindi, per la for­ma­zione del nuovo governo Tsi­pras, con la ricon­ferma, a quanto fil­tra, di mini­stri– chiave come Nikos Pap­pàs alla presidenza, Nikos Kotziàs agli esteri e lo stesso Panos Kam­me­nos alla difesa. L’esecutivo di Syriza, non sarà, dun­que, una paren­tesi sto­rica, come molti con­ser­va­tori avreb­bero desi­de­rato. Ini­zia una nuova sfida, con lo sguardo di Ale­xis rivolto, innan­zi­tutto, all’Europa pos­si­bile e alle classi popo­lari che hanno deciso di ridar­gli fiducia.



Related Articles

Yarmuk, la strage dell’Is l’Onu lancia l’allarme “È un’altra Srebrenica”

“Mille morti, giocavano con le teste mozzate” Tra i civili nel campo profughi anche 3.500 bambini

Quattro anni all’ombra del grande cra, il verdetto degli USA alla cura Obama

La crisi economica ha dominato le elezioni del 2008, alla più grave emergenza dell’America dagli Anni Trenta. ecco il terreno di sfida dei Repubblicani. Ma alle politiche della Casa Bianca arrivano critiche anche da sinistra: che risultati hanno dato i 787 miliardi della maxi manovra di spesa pubblica varata tre anni fa? Tasse, lavoro, investimenti e diseguaglianze sociali: La destra attacca e dipinge un Paese che sta scivolando verso lo statalismo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment