La «scatola nera» del declino italiano

La «scatola nera» del declino italiano

L’Italia è un paese che mani­fe­sta segni di debo­lezza in tutti gli indi­ca­tori eco­no­mici. Il Paese, anno dopo anno, si allon­tana sem­pre di più dall’Unione Euro­pea, cumu­lando un ritardo che inter­roga la strut­tura pro­dut­tiva. Le cause sono molte, ma quella della spe­cia­liz­za­zione pro­dut­tiva è un nodo trat­tato male e, spesso, superficialmente.

La pub­bli­ci­stica denun­cia l’insufficiente domanda a soste­gno del sistema pro­dut­tivo, con una ridu­zione secca di lavoro, come prin­ci­pale effetto della crisi, ma qual­cosa di più pro­fondo si nasconde nella sca­tola nera della man­cata cre­scita. «Molti attri­bui­scono la bassa cre­scita del Pil alla carenza di domanda. Non è così. L’Istat dice che nel secondo tri­me­stre i con­sumi si sono risve­gliati con una cre­scita dello 0,4 per cento. Il guaio è che la mag­giore domanda è sod­di­sfatta più dalla pro­du­zione estera (le impor­ta­zioni) che da quella interna» (F. Daveri). Gli inve­sti­menti delle imprese ita­liane non sono la prin­ci­pale causa del declino ita­liano; indi­scu­ti­bil­mente hanno regi­strato un calo vistoso, come in tutti i paesi euro­pei, ma le imprese non inve­stono se le pro­spet­tive di pro­fitto sono negative.

In realtà, l’impossibilità delle imprese nazio­nali di sod­di­sfare la domanda interna, ha pie­gato un indi­ca­tore posi­tivo come l’investimento nel suo con­tra­rio. Se una com­po­nente attiva e per alcuni versi anti­ci­clica del Pil come gli inve­sti­menti non trova una cor­ri­spon­dente pro­du­zione, le risorse finan­zia­rie delle imprese, desti­nate al con­so­li­da­mento e raf­for­za­mento della pro­du­zione, diven­tano domanda di beni capi­tali esteri. In altri ter­mini, le imprese ita­liane hanno inve­stito in Ita­lia per con­so­li­dare la pro­du­zione di beni di con­sumo, ma creato lavoro buono nei beni capi­tali in altri Paesi, per­dendo l’occasione per modi­fi­care la pro­pria spe­cia­liz­za­zione pro­dut­tiva. Almeno la metà della diver­genza eco­no­mica ita­liana rispetto all’Europa è attri­bui­bile a que­sto ine­dito fenomeno.

La distanza che ci separa dai paesi euro­pei nel periodo 1996–2014 rag­giunge i 15 punti rispetto alla Ger­ma­nia, così come nel periodo della crisi (2008–2014), ancor­ché la cre­scita in que­sto caso diventa nega­tiva di 9 punti per­cen­tuali. L’impatto sulla pro­du­zione indu­striale ita­liana rispetto all’Europa è disar­mante. Non solo la pro­du­zione indu­striale tra il 2003 e il 2008 cre­sce poco più dello zero, con una dif­fe­renza (nega­tiva) dalla Ger­ma­nia di 18 punti, ma la spe­cia­liz­za­zione pro­dut­tiva del paese durante il periodo della crisi (2009–2014) deter­mina un calo della pro­du­zione di quasi 21 punti, con una dif­fe­renza da quella tede­sca di 24 punti.
Colpa degli inve­sti­menti insuf­fi­cienti o più bassi dalla media dei Paesi euro­pei? Non solo gli inve­sti­menti sono in linea con quelli euro­pei, ma sono anche molto più alti di quelli rea­liz­zati dalla Ger­ma­nia, che nel frat­tempo ha raf­for­zato la pro­du­zione indu­striale rispetto all’Italia.

Com­ples­si­va­mente gli inve­sti­menti euro­pei cre­scono del 17,2%, quelli dell’Italia del 16,2%. Quindi, la minore cre­scita del Pil ita­liano non è attri­bui­bile ai man­cati inve­sti­menti. Potrebbe essere diversa la let­tura se con­si­de­riamo il periodo della crisi (2008–2014). In effetti gli inve­sti­menti dell’Italia regi­strano un calo vistoso rispetto a tutti i com­pe­ti­tor euro­pei. Gli inve­sti­menti dimi­nui­scono del 34,2%, men­tre la Ger­ma­nia regi­stra una cre­scita del 5% e l’Europa una con­tra­zione del 17%.

In que­sto caso è pos­si­bile «denun­ciare» i man­cati inve­sti­menti delle imprese come respon­sa­bili del calo del Pil, ma qual­cosa non torna nel ragio­na­mento. Se con­si­de­riamo l’andamento della pro­du­zione dello stesso periodo, la con­tra­zione degli inve­sti­menti è coe­rente. Non sono dimi­nuiti gli inve­sti­menti in senso stretto, piut­to­sto il sistema pro­dut­tivo ha perso per strada una parte signi­fi­ca­tiva del suo sistema indu­striale. Infatti, il rap­porto investimenti-Pil, pur ridu­cen­dosi, rimane sal­da­mente al di sopra del 18%, non molto distante dal rap­porto tedesco.

Pos­siamo ten­tare di dare una rispo­sta al declino indu­striale dell’Italia? Per farlo dob­biamo intro­durre un tema com­plesso. Si tratta dell’intensità tec­no­lo­gica degli inve­sti­menti, cioè il rap­porto tra spesa BERD (ricerca e svi­luppo delle imprese) e inve­sti­menti, sem­pre in rap­porto al Pil.

In tutti i paesi è cre­sciuta l’intensità tec­no­lo­gica degli inve­sti­menti. L’Italia passa da 2,51% del 2005 a 3,90% del 2013; troppo poco per aggan­ciare l’Europa. L’area euro passa da 5,01% a 6,71%, la Ger­ma­nia da 8,81% a 9,66%, la Fran­cia da 5,85% a 6,52%.

Il ritardo del sistema eco­no­mico è pro­prio nell’intensità tec­no­lo­gica degli inve­sti­menti. Se non pro­duci beni capi­tali con certe carat­te­ri­sti­che sei costretto a importarli.

In molti denun­ce­ranno le ridotte risorse desti­nate a ricerca e svi­luppo delle imprese. Un argo­mento debole. Infatti, la ricerca e svi­luppo delle imprese è coe­rente con la pro­du­zione. Durante la con­fe­renza pro­gram­ma­tica della Cgil sarà con­se­gnato «Riforma del capi­ta­li­smo e demo­cra­zia eco­no­mica. Per un nuovo modello di svi­luppo», a cura di L. Pen­nac­chi e R. Sanna, Ediesse. Una buona occa­sione per avviare una discus­sione che non è mai par­tita seriamente.



Related Articles

Equitalia, ultimo assalto due mesi per pagare poi ti pignorano la casa

Nuove regole al via. Lo Stato vuole incassare 13 miliardi. Si deve saldare ancora prima di un processo che definisca chi ha ragione

Dalla Cassa depositi e prestiti un soccorso ai Comuni senza soldi

MILANO â€” Un aiuto finanziario ai Comuni in crisi di liquidità . Il senso del provvedimento che farà  di Cassa Depositi e Prestiti il nuovo perno attorno a cui ruotare il sistema dei servizi pubblici locali è tutto qui. Far arrivare con continuità  fondi freschi ai sindaci sempre più in difficoltà  nel far quadrare il bilancio. Sia portando la Cassa nel capitale delle aziende che distribuiscono luce, gas, acqua e gestiscono il servizi rifiuti; e sia aprendo all’ingresso di possibili investitori privati.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment