Orbàn accelera sul muro

Orbàn accelera sul muro

Dopo cin­que anni di lavoro il mini­stro della Difesa unghe­rese Csaba Hende si è dovuto dimet­tere. La bar­riera voluta dal governo al con­fine ungaro-serbo per pro­vare a creare un argine con­tro il feno­meno dell’immigrazione nel paese non ha rispo­sto finora alle aspet­ta­tive dell’esecutivo in quanto i migranti entrano lo stesso. Il primo mini­stro Vik­tor Orbán insi­ste sulla neces­sità di man­te­nere una linea dura per fron­teg­giare ade­gua­ta­mente l’emergenza e la pro­spet­tiva della mili­ta­riz­za­zione del con­fine appare sem­pre più pros­sima.
In una riu­nione con gli amba­scia­tori il pre­mier ha detto che forse un giorno si potrà par­lare di quote «ma ora – ha aggiunto – il pro­blema è la difesa dei con­fini dell’Unione euro­pea». Orbán ha sot­to­li­neato il fatto che la mag­gior parte dei migranti viene in Europa non per motivi legati alla guerra o a per­se­cu­zioni da parte di stati tota­li­tari, ma per cer­care una vita migliore in un paese forte dal punto di vista eco­no­mico. Il capo del governo e lea­der del par­tito Fidesz è poi tor­nato sul pro­blema della con­vi­venza con popoli molto diversi. «Noi in Unghe­ria con­vi­viamo da secoli con i Rom – ha aggiunto – non vogliamo vivere con i musul­mani per­ché la loro è un’altra cul­tura e gli unghe­resi non vogliono que­sta pre­senza».
Il con­cetto è chiaro e non nuovo: da tempo «l’uomo forte» d’Ungheria descrive quello dell’immigrazione come un feno­meno nega­tivo e minac­cioso per i valori euro­pei e in quanto poten­ziale vei­colo di ter­ro­ri­smo. Per que­sto sente come prin­ci­pale com­pito la difesa dei con­fini nazio­nali. Quello del sud è diven­tato la porta d’accesso dei nume­rosi migranti che pas­sando per la rotta bal­ca­nica giun­gono in Unghe­ria con l’intento di andare nei paesi dell’Europa più ricca e sta­bile. Così il governo ha voluto una bar­riera desti­nata a per­cor­rere la linea di con­fine con la Ser­bia in tutta la sua lun­ghezza: 175 chi­lo­me­tri di metallo e filo spi­nato per pro­teg­gere un valico poroso e quindi l’Europa. Ma l’opera non è stata ancora com­ple­tata. La strut­tura fon­da­men­tale c’è ma va irro­bu­stita e resa più adatta alla situa­zione aggiu­stan­done l’altezza che, secondo i piani, deve essere di quat­tro metri. È quindi neces­sa­ria una seconda fase di lavori ma il tempo stringe e Orbán chiede che ven­gano ingag­giati più ope­rai per ter­mi­nare l’opera al più pre­sto. Per la metà del mese è pre­vi­sta l’adozione di misure più severe per pro­teg­gere la fron­tiera, il governo ha anche avviato una cam­pa­gna infor­ma­tiva sull’immigrazione con volan­tini che da dome­nica scorsa, secondo quanto rife­rito dalle auto­rità di Buda­pest, ven­gono distri­buiti lungo il per­corso meri­dio­nale che porta all’Ungheria.
In que­sto modo i migranti ven­gono avvi­sati che la vio­la­zione delle fron­tiere è un cri­mine per il quale è pre­vi­sta la pri­gione.
Lunedì sera a Röszke un folto gruppo di migranti è riu­scito a sfon­dare le linee della poli­zia per cer­care di rag­giun­gere in qual­che modo Buda­pest e da lì l’Austria o la Ger­ma­nia, le mete più ambite dalla mag­gio­ranza. Nel cen­tro di iden­ti­fi­ca­zione alle­stito sul posto a titolo prov­vi­so­rio gruppi di volon­tari unghe­resi e austriaci por­tano medi­ci­nali e beni di prima neces­sità e temono che ci sia tra i migranti anche qual­che caso di tuber­co­losi. Da dome­nica alla sta­zione di Sze­ged, città situata anch’essa nel sud del paese, nes­suno può allon­ta­narsi dal posto senza il docu­mento di iden­ti­fi­ca­zione della poli­zia. La situa­zione quindi con­ti­nua a essere molto deli­cata e per il pre­mier Orbán è sem­pre più vero che se non si chiu­dono le fron­tiere l’Europa sarà invasa da milioni di migranti. La poli­zia sor­ve­glia i punti nevral­gici della crisi e cerca di impe­dire altre fughe e disor­dini dai cen­tri. Quella stessa poli­zia cri­ti­cata dai migranti, giu­di­cata da loro troppo dura e pronta a cari­care subito. Un arti­colo uscito sulla ver­sione online del set­ti­ma­nale unghe­rese di poli­tica HVG afferma che l’Onu è in pena per l’Ungheria ma elo­gia il com­por­ta­mento delle sue forze dell’ordine. Alla sta­zione Keleti il clima è cam­biato nei giorni scorsi ma ieri le auto­rità hanno regi­strato lun­ghe code for­mate da migranti che cer­cano di pren­dere un treno per l’Austria.
Intanto si è saputo che la Com­mis­sione euro­pea ha stan­ziato quat­tro milioni di euro per l’Ungheria. Si tratta di fondi allo­cati per aiu­tare lo Stato danu­biano a fron­teg­giare l’emergenza pro­fu­ghi. Lo stan­zia­mento ha avuto luogo a seguito della richie­sta pre­sen­tata dalle auto­rità unghe­resi a metà ago­sto. La somma sarà messa a dispo­si­zione per miglio­rare e raf­for­zare il sistema di acco­glienza del paese ed entro il mese di set­tem­bre il com­mis­sa­rio euro­peo all’Immigrazione Dimi­tris Avra­mo­pou­los sarà in visita a Budapest.



Related Articles

L’occasione clamorosa che ci offre Tsi­pras

La sinistra è a un bivio storico: restare ognuno nella propria «piccola casa» non è più possibile. Spagna e Grecia stanno indicando una strada. In Italia bisogna prendere atto che la strada imboccata dal «renzismo» è irreversibile. Ma per vincere anche da noi, bisogna rompere con discussioni, modalità di organizzazione e pratiche vecchio stile

Lampedusa, Maroni fa dietrofront

IMMIGRAZIONE Riapre il centro di detenzione sull’isola, le prigioni galleggianti illegali sono troppo costose
Fallisce il piano del Viminale di bypassare l’isola, considerandola «porto non sicuro»

Riyadh e Ankara usano le opposizioni per boicottare la tregua

Siria . La Turchia si auto-esclude dalla cessazione delle ostilità per proseguire i raid contro i kurdi, attaccati anche dall’Esercito Libero Siriano che gli preferisce i qaedisti di al-Nusra. Il parlamento europeo vota a favore dell’embargo militare contro l’Arabia Saudita

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment