Syriza prima, Unione popolare oltre il quorum

Syriza prima, Unione popolare oltre il quorum

Gli ultimi son­daggi, a due giorni dalle ele­zioni, regi­strano un van­tag­gio di Syriza, con un mar­gine piut­to­sto ras­si­cu­rante. Ieri pome­rig­gio è stata resa nota l’indagine demo­sco­pica della società E Voice, secondo la quale Syriza rac­co­glie­rebbe il 29% delle inten­zioni di voto, men­tre il cen­tro­de­stra di Nuova Demo­cra­zia non supe­re­rebbe il 25,4%. Alba Dorata viene data al 7,2%, men­tre il par­tito cen­tri­sta del Fiume è al 5,1%. Seguono i comu­ni­sti del Kke e il Pasok al 5%, Unità Popo­lare di Pana­jo­tis Lafa­za­nis al 4,2% e i Greci Indi­pen­denti, che hanno gover­nato insieme a Syriza, al 3,1%. Un altro son­dag­gio, della società Pro­rata, stima La Coa­li­zione della Sini­stra Radi­cale elle­nica, al 28% e Nuova Demo­cra­zia al 24%. Dal momento che molti elet­tori sono ten­tati dall’astensionismo, la par­tita è ancora com­ple­ta­mente aperta, ma que­sti ultimi dati per­met­tono al par­tito di Ale­xis Tsi­pras di affron­tare la sfida elet­to­rale con mag­gior otti­mi­smo ed ener­gia. Nel frat­tempo, la sini­stra anti –euro di Unità Popo­lare ha con­cluso la sua cam­pa­gna elet­to­rale con una mani­fe­sta­zione nella cen­trale piazza Omo­nia. Oltre a Lafa­za­nis, hanno preso la parola la pre­si­dente uscente del par­la­mento greco, Zoi Kon­stan­to­pou­lou e il par­ti­giano, sim­bolo della sini­stra elle­nica, Mano­lis Gle­zos. La par­te­ci­pa­zione non è stata ecce­zio­nal­mente vasta, ma molti osser­va­tori hanno fatto notare la pre­senza di molti gio­vani, che hanno seguito con atten­zione l’intervento della Kon­stan­to­pou­lou. La ex pasio­na­ria di Syriza, ha voluto alzare i toni, pun­tando il dito con­tro le scelte del governo di Ale­xis Tsi­pras: «C’è chi ha deciso in modo tar­divo di pas­sare il Rubi­cone, di coa­liz­zarsi con i tiranni del popolo, che hanno tra­dito sogni e spe­ranze, con coloro che con­se­gnano le pros­sime gene­ra­zioni al Mino­tauro del memo­ran­dum di auste­rità» ha sottolineato.

Il lea­der della sini­stra greca, in una inter­vi­sta al quo­ti­diano Efi­me­rida ton Syn­dak­ton, (Quo­ti­diano dei Redat­tori), ha rispo­sto che «Syriza è l’unico par­tito con un pro­gramma che garan­ti­sce al paese di poter uscire dalla crisi rima­nendo in piedi» e ha pro­messo che alla fine dei quat­tro anni di legi­sla­tura pre­vi­sti Syriza avrà rea­liz­zato il 100% del suo pro­gramma pre­sen­tato lo scorso autunno a Salo­nicco. Per quanto riguarda, poi, le col­la­bo­ra­zioni post elet­to­rali, l’ex mini­stro e can­di­dato nelle liste del par­tito di Tsi­pras, Ale­kos Flam­bou­ra­ris, ha escluso qua­lun­que ipo­tesi di alleanza di governo con il cen­tro­de­stra, lasciando aperto uno spi­ra­glio per una even­tuale col­la­bo­ra­zione con il Pasok o, even­tual­mente, con il Fiume: se ne par­lerà «solo se il popolo greco dovesse dare una indi­ca­zione in que­sto senso» e nell’eventualità che «que­sti due par­titi deci­dano di abban­do­nare le posi­zioni e le alleanze che sosten­gono le poli­ti­che neo­li­be­ri­ste». Tutto il mondo poli­tico greco, infine, ha con­dan­nato con forza le ultime dichia­ra­zioni del capo dei neo­na­zi­sti di Alba Dorata, Nikos Micha­lo­lia­kos, che ha dichia­rato che il suo par­tito «assume la respon­sa­bi­lità poli­tica di que­sto omi­ci­dio, ma non penale».



Related Articles

“Caos sulle cifre regole non seguite E dal Jobs Act un effetto nullo”

L’ex presidente dell’Istat ed ex ministro Enrico Giovannini: “Ogni ente deve rispettare le procedure per il controllo di qualità delle rilevazioni . Il ministero non ha spiegato quale errore è stato commesso”

La mutazione del capitalismo

Ecco il testo di una intercettazione impossibile. Si tratta di una lezione agli studenti che sarà  svolta da un ignoto docente di storia economica contemporanea verso la fine del ventunesimo secolo. Riguarda “la mutazione del capitalismo nel ventesimo secolo”.

Malnutrizione infatile, una mostra di Msf: “Il cibo non basta”

Dopo il lancio a New York nei giorni scorsi di “Starved for attention: il cibo non basta”, la mostra fotografica di Medici Senza Frontiere (MSF) e dell’Agenzia fotografica VII (Seven), giunge dal 24 giugno in Italia presso la Fondazione FORMA per la Fotografia di Milano (Piazza Tito Lucrezio Caro 1 – Milano).

L’esposizione rappresenta il lancio in Europa della campagna multimediale di MSF che presenta un nuovo approccio sulla malnutrizione infantile, una malattia che si può prevenire e curare, ma che tuttavia uccide milioni di bambini ogni anno. La mostra sarà  aperta dal 24 giugno al 10 luglio (tutti i giorni dalle ore 11 alle 21; giovedì e venerdì dalle ore 11 alle 23; lunedì chiuso).

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment