Tsipras, dopo la vittoria prove di dialogo con il «nuovo» Pasok

Tsipras, dopo la vittoria prove di dialogo con il «nuovo» Pasok

La nuova vit­to­ria di Ale­xis Tsi­pras non segna solo l’affermazione di un lea­der e di un par­tito che gio­cano ora­mai un ruolo di asso­luto pro­ta­go­ni­smo nella scena poli­tica greca e — poten­zial­mente — anche euro­pea. Segnano ancor di più l’emergere di una nuova cul­tura della sini­stra: una cul­tura di governo.

E’ pro­prio su que­sto che si è con­su­mata la tri­ste scis­sione di Syriza ed è quello che hanno pre­miato gli elet­tori greci.

E’ que­sta la sfida più impe­gna­tiva che attende il gio­vane pre­mier: dovrà mostrarsi molto più accorto e pre­pa­rato di prima nell’affrontare la piog­gia di misure reces­sive e anti­po­po­lari con­cor­date a luglio con i cre­di­tori. Dovrà appli­carle con grande capa­cità poli­tica, cer­cando sem­pre misure equi­va­lenti: non tagliare le pen­sioni ma magari decur­tare ancor di più i pri­vi­legi del Palazzo. Non aumen­tare l’Iva ma far pagare le tasse a chi non le ha mai pagate, per esem­pio le emit­tenti Tv pri­vate. Qual­cosa è stato già fatto: men­tre pro­cede l’inchiesta sui nomi­na­tivi greci della famosa «lista Fal­ciani», si viene a sapere che già l’erario riven­dica più di un miliardo di euro, men­tre si avvi­ci­nano ai 400 milioni gli arre­trati e multe già versate.

E’ que­sto il segreto del suc­cesso di Tsi­pras. I suoi elet­tori sanno che farà di tutto per distri­buire in maniera equa il peso dell’austerità, una volta fal­lito il ten­ta­tivo di ribal­tarla del tutto.

Tra poche set­ti­mane inol­tre ci sarà la rica­pi­ta­liz­za­zione delle ban­che e comin­cerà la dura trat­ta­tiva sul debito greco, che veleg­gia «alle­gra­mente» verso il 200% del Pil, e anche que­sto darà un enorme sol­lievo all’esausta eco­no­mia greca.

Certo, in que­sto per­corso, Tsi­pras ha avuto delle per­dite. La più impor­tante è quel 15% dell’elettorato in più che ha deciso di aste­nersi. E’ una chiara deci­sione poli­tica, inso­lita per la Gre­cia, dove un 25–30% di asten­sione è rite­nuto fisio­lo­gico: emi­grati, mari­nai, cit­ta­dini che non hanno voglia o i mezzi per tor­nare al pae­sello per votare. Per la mag­gior parte, gli asten­sio­ni­sti erano gio­vani e anche ex elet­tori di Syriza. Delusi dal dolo­roso com­pro­messo con i cre­di­tori e non con­vinti dai dis­si­denti di Unità Popolare.

Quest’ultima for­ma­zione, peral­tro, ha subito una duris­sima scon­fitta: segno che l’elettorato di sini­stra vuole solu­zioni con­crete, non dichia­ra­zioni ideo­lo­gi­che né ricette con­trad­dit­to­rie o con­fuse. Ora Tsi­pras si dovrà impe­gnare a recu­pe­rare dis­si­denti e astensionisti.

Ma i veri scon­fitti sono le forze neo­li­be­ri­ste distri­buite nei vari par­titi di destra (Nuova Demo­cra­zia) e di cen­tro­si­ni­stra (To Potami). Il lea­der del par­tito di cen­tro­de­stra Mei­ma­ra­kis è riu­scito a ricom­pat­tare il suo par­tito ma non a con­vin­cere gli incerti. La sua pro­po­sta di un governo di unità nazio­nale era sfac­cia­ta­mente alli­neata con i desi­de­rata di Bru­xel­les e Ber­lino, che non vede­vano l’ora di inglo­bare e neu­tra­liz­zare il «peri­co­loso popu­li­sta greco». Pro­prio per que­sto gli elet­tori hanno invece scelto di con­ti­nuare la sfida con l’Europa, sep­pure in ter­mini diversi rispetto a prima.

E’ signi­fi­ca­tivo anche il crollo della for­ma­zione di pla­stica To Potami (Il Fiume), creata un anno fa per dare una patina di novità al vec­chio sistema poli­tico, senza cam­biare nulla nella sostanza. La Gre­cia non è il paese in cui un oli­garca può creare la ver­sione locale di Forza Ita­lia e vin­cere subito le ele­zioni. Potami è crol­lato sotto il peso della sua incon­si­stenza poli­tica e gli elet­tori con­ser­va­tori hanno pre­fe­rito tor­nare a casa, lasciando solo l’improbabile lea­der, il per­so­nag­gio tele­vi­sivo Theodorakis.

Oggi Tsi­pras pre­sen­terà il suo nuovo governo, foto­co­pia di quello pre­ce­dente, accanto ai Greci Indi­pen­denti. Gli scan­da­losi son­dag­gi­sti greci (la Pro­cura di Atene ha aperto ieri un’indagine sul loro ope­rato) davano il par­tito di Panos Kam­me­nos in via di estin­zione ma anche in que­sto caso non ci hanno azzeccato.

Anche Tsi­pras temeva di rima­nere solo in Par­la­mento e aveva ini­ziato un discreto dia­logo a distanza con il par­tito socia­li­sta Pasok. Sol­le­ci­tato da una parte non tra­scu­ra­bile del Par­tito socia­li­sta euro­peo, si era mostrato dispo­sto a un’alleanza gover­na­tiva con la nuova lea­der dei socia­li­sti Fofi Gen­ni­matà, a con­di­zione che met­tesse da parte i vec­chi nota­bili. Ora non ne ha biso­gno ma il pro­getto di recu­pero del Pasok a posi­zioni meno appiat­tite sulla destra libe­ri­sta non è stato abbandonato.

Non è impro­ba­bile che oggi, nel pre­sen­tare il nuovo governo, ci sia anche qual­che tec­no­crate di area socia­li­sta, ovvia­mente valido e incon­ta­mi­nato. Tanto più che, a sor­presa, il Pasok ha visto le sue per­cen­tuali aumentare.

Infine i nazi­sti, che si sono con­fer­mati terzo par­tito, pur con­so­li­dan­dosi sui livelli del 2012, quando Alba Dorata entrò, a passo di mar­cia, in Par­la­mento. Con l’intera lea­der­ship sotto pro­cesso con accuse da codice penale e il capo Micha­lo­lia­kos a riven­di­care la «respon­sa­bi­lità poli­tica» dell’assassinio del rap­per Fys­sas, non si può più par­lare di elet­tori inconsapevoli.

C’è un 7% di greci che crede nella «bontà» del Terzo Reich. Sarà un pro­blema far­gli cam­biare idea.



Related Articles

Scandalo Facebook: anche Bolton, consigliere della sicurezza Usa, tra i clienti di Cambridge Analytica

Nuove rivelazioni sul caso che fa tremare Facebook. Tutto inizia nel 2014. Come funziona il sistema dei nuovi persuasori occulti digitali che hanno lavorato per portare Trump alla Casa Bianca e hanno supportato i fautori della Brexit

Zwara, spiaggia di morte

Libia. 117 cadaveri di migranti rinvenuti sulle spiagge di Zwara, a 102 km da Tripoli, area controllata dal premier Serraj. Per «Migrant Report» i corpi sono parte dei 700 dispersi del naufragio della scorsa settimana: si erano salvate 400 persone

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment