Una sobria decrescita di qua­lità

Una sobria decrescita di qua­lità

Agli ita­liani piace bio. E cre­sce l’attenzione per l’ambiente, la natura e il buon cibo. Lo dice il rap­porto Ismea Bio-Retail sul mer­cato al con­sumo dei pro­dotti bio­lo­gici, pre­sen­tato al Sana, il salone inter­na­zio­nale del bio­lo­gico e del natu­rale che si è chiuso ieri a Bolo­gna. Si tratta di un auten­tico boom per un giro d’affari al con­sumo supe­riore ai 2,1 miliardi di euro nel solo canale dome­stico, senza con­si­de­rare quindi tutto quello che passa attra­verso la risto­ra­zione, i bar, le mense e in gene­rale il food service.

Secondo le cifre, ai primi posti la Distri­bu­zione moderna (iper­mer­cati, super­mer­cati, discount, libero ser­vi­zio) con un fat­tu­rato nel seg­mento di circa 855 milioni (il 40% del valore del bio-retail) e le super­fici spe­cia­liz­zate nella ven­dita di pro­dotti bio­lo­gici che muo­vono più di 760 milioni di euro (il 35% del totale). Ai restanti canali le stime Ismea attri­bui­scono un’incidenza com­ples­siva di quasi il 25%, rap­pre­sen­tata per il 10% da mer­ca­tini, ven­dite dirette, gruppi di acqui­sto soli­dali (Gas) e e-commerce, per l’8,9% dai negozi tra­di­zio­nali e per il 5,1% dalle far­ma­cie. Segnale evi­dente che la cul­tura del buon cibo col­ti­vato nel rispetto dell’ambiente e della salute è par­ti­co­lar­mente apprez­zata dai consumatori .

«In Ita­lia la domanda di pro­dotti natu­rali è molto alta – rac­conta Fran­ce­sco Cecere, diret­tore mar­ke­ting e comu­ni­ca­zione Coop – il pro­blema dell’alimentazione, la ricerca della buona qua­lità nel cibo è al primo posto per il con­su­ma­tore. La crisi eco­no­mica del 2008 ha por­tato a una ride­fi­ni­zione dei con­sumi, a una mag­giore con­sa­pe­vo­lezza del pub­blico, a una spesa più sobria e ragio­nata, a un mag­giore ricorso al rici­clo e al riu­ti­lizzo degli oggetti. Così la linea di pro­dotti Vivi­verde è stata rea­liz­zata da diversi anni come uno stile di vita, un modello di con­sumo che sia rispet­toso dell’ambiente e con un ele­vato livello di bio­di­ver­sità, fatto di pro­dotti cer­ti­fi­cati e con­trol­lati, veri­fi­cati da noi come pro­dut­tori. L’idea del pro­dotto bio­lo­gico ed eco­lo­gico risponde anche ad altre richie­ste del con­su­ma­tore (dalle scelte die­te­ti­che a quelle di evi­tare intol­le­ranze e aller­gie). Sotto que­sto grande ombrello Vivi­verde tro­viamo i pro­dotti ali­men­tari, quelli fre­schi dell’ortofrutta, i pro­dotti per la casa e i cosme­tici. Abbiamo pri­vi­le­giato le aziende ita­liane e la pro­du­zione coo­pe­ra­tiva, entrando in nuovi mer­cati, andando anche da pro­dut­tori molto pic­coli ma di buona qua­lità. E siamo così riu­sciti a fare in modo che il nostro bio­lo­gico abbia un prezzo con­te­nuto, almeno il 20% in meno di altre catene».

I con­sumi di ali­menti bio­lo­gici presso la Gdo, spiega ancora il report dell’Ismea, espri­mono tassi di cre­scita molto soste­nuti, in evi­dente con­tro­ten­denza rispetto alle ven­dite di pro­dotti ali­men­tari con­ven­zio­nali. Dopo aver chiuso il 2014 con un incre­mento dell’11%, gli acqui­sti di food bio hanno spic­cato il volo nei primi sei mesi dell’anno in corso, facendo regi­strare un aumento in valore vicino al 20%, che allarga ulte­rior­mente il diva­rio con il trend dell’agroalimentare nel com­plesso, fermo nello stesso periodo a un +0,1%. I com­parti più dina­mici si con­fer­mano i deri­vati dei cereali (+28% nella prima metà del 2015) e gli ortaggi fre­schi e tra­sfor­mati (+21,8%). La domanda bio cre­sce per­ché i pro­dotti ven­gono rite­nuti più sicuri per la salute e più gustosi e di migliore qua­lità.
Impor­tante anche la cer­ti­fi­ca­zione sul modo di pro­durre per con­su­ma­tori evo­luti come vege­ta­riani e vegani. Nel com­parto bio si acqui­stano non solo pro­dotti ali­men­tari ma sem­pre più pro­dotti per la casa e l’igiene e più di recente anche abbi­glia­mento e tes­sile casa. Presso il canale spe­cia­liz­zato le ven­dite sono costi­tuite per circa l’88% da pro­dotti ali­men­tari e per il restante 12% da mer­ceo­lo­gie non food.

Tra que­ste ultime, pre­pon­de­rante è il peso dei pro­dotti per la cura della per­sona (10%), men­tre risulta ancora limi­tato il con­tri­buto dei pro­dotti per l’igiene della casa (1,4%) e il pet-care (0,3%). Negli ultimi cin­que anni i negozi bio sono aumen­tati del 16%: erano 1.163 nel 2010, sono arri­vati quasi a 1.400 nel 2015.



Related Articles

IS, MOSTRO CHE GLI STATI (NON)TEMONO

LO STATO Islamico è un mostro provvidenziale. Una entità pirata da cui nessuno, salvo al-Assad, si sente vitalmente minacciato, contro la quale si possono dichiarare grandi coalizioni salvo poi tollerarne o financo eccitarne le scorrerie

L’inciviltà della cella

Carcere. «Ancora oggi, la sanzione per il reato è soprattutto corporale. Va superato un diritto così tanto imputatocentrico». Un’intervista con il magistrato Silvia Cecchi, che ha collaborato con un saggio al volume «Sulla pena. Al di là del carcere»

Junc­ker: «Bisogna trovare un’alternativa alla troika

Juncker potrebbe accettare la fine della trojka. Varoufakis e Tsipras in viaggio, per trovare alleati in Europa. Italia e Francia corteggiate

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment