AAA com­mis­sa­rio renziano cercasi

AAA com­mis­sa­rio renziano cercasi

Sul Tevere. Marino formalizza le dimissioni alla presidente dell’assemblea capitolina. E firma la costituzione di parte civile in Mafia capitale. Si apre ora la complicata partita tutta politica della governance commissariale che guiderà Roma fino alle prossime elezioni e condizionerà la scelta del candidato sindaco

Da una parte l’«amarezza» del sin­daco Igna­zio Marino che ieri ha for­ma­liz­zato le dimis­sioni, con­se­gnan­dole nelle mani della pre­si­dente dell’assemblea capi­to­lina Vale­ria Baglio, mal­grado molti di quei suoi sup­por­ter che il giorno prima ave­vano riem­pito piazza del Cam­pi­do­glio siano tor­nati in mat­ti­nata davanti al Naza­reno per gri­dare al premier/segretario che «uno non votato da nes­suno non dovrebbe per­met­tersi di sca­ri­care un sin­daco eletto» e per bru­ciare, in alcuni casi, le tes­sere del Pd.

Dall’altra, il com­pli­cato rom­pi­capo della gover­nance com­mis­sa­riale capi­to­lina che tra venti giorni, quando cioè le dimis­sioni di Marino saranno effet­tive e non più revo­ca­bili, dovrà por­tare la Capi­tale fino alle pros­sime ele­zioni, che a bocce ferme dovreb­bero tenersi a maggio.

Dun­que, come scrive Ste­fano Fas­sina nel suo blog, «la sta­gione Marino si è chiusa. In modo ingiu­sto, ma si è chiusa», con il sin­daco «sfi­du­ciato non dai cit­ta­dini, ma da Mat­teo Renzi». Il quale ai romani ha rac­co­man­dato di fare «bene atten­zione» a come sce­glie­ranno il pros­simo can­di­dato sin­daco alle pri­ma­rie. E sem­brava più una minac­cia di repli­care la deca­pi­ta­zione appena andata in scena, che un mite consiglio.

Il sin­daco dimis­sio­na­rio — che ha rice­vuto una tele­fo­nata di soli­da­rietà dal gover­na­tore del Lazio, Nicola Zin­ga­retti — ieri ha lavo­rato ai «prov­ve­di­menti più impor­tanti e urgenti» per­ché, spiega in una nota, «la crisi poli­tica in atto non influi­sca sull’andamento delle atti­vità della Città metro­po­li­tana». Per prima cosa ha siglato l’atto di costi­tu­zione di parte civile del Comune nel pro­ce­di­mento penale che ini­zierà il 20 otto­bre con­tro cin­que impu­tati dell’inchiesta Mafia capi­tale, tra cui l’ex diret­tore gene­rale dell’Ama, Gio­vanni Fiscon. Sarà l’unica tran­che del mega pro­cesso (che ini­zia il 5 novem­bre) a cui potrà pre­sen­ziare con la fascia tri­co­lore. Altre firme Marino le ha poi messe su tre ordi­nanze per l’avvio di altret­tante opere giu­bi­lari con una spesa com­ples­siva di 10 milioni; ha discusso con il vice­sin­daco della Città metro­po­li­tana, Mauro Ales­san­dri, e il dele­gato alla pia­ni­fi­ca­zione ter­ri­to­riale e al bilan­cio, Gianni Paris, delle opere pub­bli­che che rien­trano nella pro­gram­ma­zione di bilan­cio 2016–2018, degli inter­venti sulla mobi­lità da met­tere in campo subito e dei 38 plessi sco­la­stici da costruire quest’anno. Punto. Tutto il resto avviene fuori Palazzo Senatorio.

E sarà pur vero che «Roma è una città che sta in piedi da oltre due­mila anni» (come risponde sprez­zante il pre­fetto Franco Gabrielli a chi gli chiede quanto caos può pre­ve­dere nella com­bi­na­zione Giubileo/campagna elet­to­rale), ma c’è chi sta ten­tando l’impossibile. L’ultima con­tro­prova potrebbe arri­vare con l’incastro tutto poli­tico che sta impe­gnando più del pre­vi­sto gli uffici di via 4 Novem­bre, in con­ti­nuo con­tatto con Palazzo Chigi, nella scelta della com­mis­sione pre­fet­ti­zia che dal 2 novem­bre in poi, con l’Anno santo ai bloc­chi di par­tenza, gover­nerà Roma per i suc­ces­sivi tre mesi. Per poi pas­sare il testi­mone ad un com­mis­sa­rio straor­di­na­rio, pro­po­sto dal mini­stro degli Interni al capo dello Stato, che con ogni pro­ba­bi­lità sarà anche il can­di­dato sin­daco dei renziani.

Le ipo­tesi sul tavolo sono molte, ma i can­di­dati kami­kaze per l’operazione più rischiosa d’Italia non si tro­vano pro­prio die­tro l’angolo. In più, la par­tita si gio­cherà anche nel campo delle unioni civili, desti­nate a moneta di scam­bio tra Pd e Ncd. Il primo «no gra­zie» per il ruolo di com­mis­sa­rio straor­di­na­rio — che il Pd vor­rebbe attri­buire a colui che gui­derà la com­mis­sione pre­fet­ti­zia ma le oppo­si­zioni pro­te­stano per­ché «si tratta di una figura super par­tes» — è arri­vato pro­prio da colui che sem­brava incar­nare il “sin­daco della nazione”: Raf­fele Can­tone, pre­si­dente dell’Anac. L’altro papa­bile, l’assessore comu­nale alla Lega­lità, Alfonso Sabella, invece sem­bra più pos­si­bi­li­sta e ha già avviato le pro­ce­dure per rien­trare in magi­stra­tura (una delle con­di­zioni neces­sa­rie per essere nomi­nato), anche se poi rife­ri­sce di non aver ancora rice­vuto la pro­po­sta «da nes­suno». Nel toto­nomi c’è quello del pre­fetto Mario Mor­cone, dell’ex coman­dante gene­rale dei cara­bi­nieri Leo­nardo Gal­li­telli e per­fino quello — impor­tante per leg­gere gli ultimi avve­ni­menti — di Andrea Ric­cardi, ex mini­stro e fon­da­tore della Comu­nità di Sant’Egidio.

Della com­mis­sione pre­fet­ti­zia, invece, dovreb­bero far parte anche cin­que o sei sub-commissari: «Un uomo solo non può gestire Roma, la mac­china ammi­ni­stra­tiva è troppo dete­rio­rata», spiega Sabella, che pro­pone di nomi­nare, oltre alla squa­dra scelta da Gabrielli, «tutti o molti degli attuali 14 pre­si­denti dei muni­cipi», esclu­dendo Ostia che è già com­mis­sa­riata, in modo da costruire una rete su tutta la città metropolitana.

E se la patata bol­lente salta di mano in mano, e il rischio caos aumenta, la via più sem­plice è rin­viare le ele­zioni. Sem­bra che il premier/segretario ci stia facendo un pen­sie­rino. Tanto che il pre­si­dente dei Radi­cali ita­liani, Ric­cardo Magi, avverte: «La Capi­tale d’Italia è ostag­gio del Pd. E in nome della ragione di par­tito ora forse si ten­terà per­fino di rin­viare le ele­zioni, con la scusa del Giu­bi­leo: uno sce­na­rio ai limiti dell’eversivo».



Related Articles

Un missile sul disgelo così si è spezzato il fronte anti-terrore

Lo scenario. Le conseguenze dell’abbattimento del caccia vanno oltre la crisi siriana e frenano il riavvicinamento tra la Russia e l’Occidente e la grande coalizione contro il Califfato

La storia al contrario

Saggi. «Voci del popolo americano» di Howard Zinn, con il contributo di Anthony Arnove, pubblicato per Il Saggiatore. Gli schiavi, le donne e i nativi: una polifonia che ribalta i libri scritti dai dominatori

Bonus alle colf, anticipa il datore di lavoro

Padoan: anno di svolta per la crescita. Lettera alla Ue sul rinvio del pareggio Conti pubblici, Bankitalia avverte: i tagli della spending review non bastano

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment