Tra Usa e Russia la guerra è fatta di parole

Tra Usa e Russia la guerra è fatta di parole

Quarto giorno di bom­bar­da­menti russi in Siria: nel mirino c’è Raqqa, la “capi­tale” dell’autoproclamato calif­fato. Secondo il Mini­stero della Difesa russo, ieri sono state col­pite 9 posta­zioni dello Stato Isla­mico intorno alla città e sareb­bero stati distrutti depo­siti di car­bu­rante e muni­zioni e equi­pag­gia­mento militare.

In 72 ore, fa sapere Mosca, oltre 60 bom­bar­da­menti hanno signi­fi­ca­ti­va­mente ridotto il poten­ziale mili­tare degli isla­mi­sti e pro­vo­cato «il panico, costrin­gendo 600 mili­ziani stra­nieri a diser­tare e cer­care di fug­gire in Europa».

«Nes­suna bomba con­tro infra­strut­ture civili e edi­fici che avreb­bero potuto con­te­nere civili», ha com­men­tato il Mini­stero della Difesa russo in rispo­sta alla piog­gia di cri­ti­che del fronte occi­den­tale. Che ha dato una ver­sione diversa: in un comu­ni­cato con­giunto Stati uniti, Gran Bre­ta­gna, Tur­chia, Fran­cia, Ger­ma­nia, Ara­bia sau­dita e Qatar hanno accu­sato Mosca di aver avuto come obiet­tivo non i mili­ziani di al-Baghdadi ma le oppo­si­zioni mode­rate al pre­si­dente Assad. E la popo­la­zione civile: il segre­ta­rio alla Difesa bri­tan­nico Fal­lon ha affer­mato, dati dell’intelligence di Lon­dra alla mano, che solo il 5% dei raid ha cen­trato posta­zioni Isis, il resto l’Esercito Libero Siriano e i civili.

Il fronte anti-Assad cerca di scre­di­tare l’operazione mili­tare russa: mai, in un anno di azioni da parte della coa­li­zione gui­data dagli Usa, si era voluto cal­co­lare quanti siriani fos­sero rima­sti uccisi nei bom­bar­da­menti aerei (que­gli stessi civili che quando a pio­vere sono bombe con­si­de­rate “legit­time” ven­gono clas­si­fi­cati come meri “danni col­la­te­rali”). Ora è una prio­rità, con­di­visa anche dalle oppo­si­zioni siriane a Dama­sco: secondo l’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, almeno 39 civili tra cui 8 donne e 8 bam­bini sono morti a causa di Mosca negli ultimi 4 giorni, tra Aleppo, Idlib, Hama e Raqqa.

Inter­viene anche al-Jazeera, media qata­riota che un ruolo cen­trale ha avuto nel mano­vrare a livello media­tico le pri­ma­vere arabe e la guerra civile siriana. Ieri ripor­tava di raid russi al con­fine con la Tur­chia, con­tro un ospe­dale. Nes­suna vit­tima. A cor­redo dell’articolo una foto che mostrava del fumo alzarsi da un luogo non pre­ci­sato tra le col­line. Un’altra foto­gra­fia, invece, rac­con­tava un’altra sto­ria: un raid russo al con­fine tra Siria e Tur­chia ci sarebbe stato ma con un tar­get diverso. La noti­zia e l’immagine sono state pub­bli­cate da Iraqi NewsPress Iraq: un lungo con­vo­glio di auto­ci­sterne sarebbe stato col­pito men­tre viag­giava dalla Siria alla Tur­chia. Tra­spor­tava petro­lio di con­trab­bando ven­duto dall’Isis fuori dal paese, tra le prin­ci­pali fonti di finan­zia­mento del gruppo. Se la noti­zia venisse con­fer­mata, ancora una volta nell’occhio del ciclone fini­rebbe Ankara, da tempo accu­sata di soste­nere pale­se­mente il calif­fato, garan­ten­do­gli libertà di movi­mento e acqui­stando sotto banco greggio.

In tale con­te­sto di accuse e smen­tite si gioca il brac­cio di ferro tra Washing­ton e Mosca: la Casa Bianca accusa il Crem­lino di ope­rare senza coor­di­narsi con la coa­li­zione, il Crem­lino risponde di averla avver­tita. Ma al di là dei bat­ti­bec­chi, sul campo la situa­zione appare diversa: men­tre la Rus­sia bom­barda le posta­zioni Isis nei gover­na­to­rati dove Assad man­tiene par­zial­mente il con­trollo, gli Stati uniti pro­se­guono nel col­pire le aree del tutto occu­pate dal calif­fato. Il nemico, di fatto, è lo stesso anche se Obama ieri ha ripe­tuto che il soste­gno alle oppo­si­zioni mode­rate non cesserà.

Venerdì il pre­si­dente Usa defi­niva l’intervento russo «la ricetta per il disa­stro» per­ché Mosca «non distin­gue tra Isis e oppo­si­zioni sun­nite mode­rate». Come se la ricetta finora adot­tata da Washing­ton e dagli alleati del Golfo fosse vin­cente: prima hanno inve­stito su gruppi isla­mi­sti radi­cali per far cadere il pre­si­dente Assad, poi hanno ten­tato di met­tere una pezza lan­ciando un’operazione aerea poco effi­cace (a cui l’Isis si è pre­sto adat­tato) e forag­giando ribelli inca­paci di combattere.

Que­sta è la realtà e Obama, che non è stu­pido, lo sa. Venerdì ha detto che la Siria non tra­sci­nerà gli Usa in uno scon­tro mili­tare con la Rus­sia. E se a parole l’attacca, poi manda Kerry a defi­nire i det­ta­gli della coo­pe­ra­zione mili­tare in Siria con il mini­stro degli Esteri russo Lavrov. Sul campo la coo­pe­ra­zione c’è già: i russi bom­bar­dano dove non lo fanno gli sta­tu­ni­tensi. Non si pestano i piedi, in attesa di defi­nire la miglior tran­si­zione poli­tica per entrambi. A sen­tirli par­lare, Assad è intoc­ca­bile per Putin ed è il primo degli osta­coli per Obama. Alla fine si tro­verà un accordo che non minacci gli inte­ressi delle due super potenze: Mosca vuole un accesso sul Medi­ter­ra­neo e influenza sulla regione; Washing­ton man­te­nere il con­trollo delle alleanze ener­ge­ti­che e mili­tari, senza scon­ten­tare Tel Aviv e Riyadh.



Related Articles

El Paso. Il suprematismo fa strage a volto scoperto

Patrick Crusius, supporter di Trump, aveva target preciso: gli elettori ispanici della città più meticcia, lo ha scritto in un post-manifesto sul sito dell’Alt right ispirato a Steve Bannon: 8chan

Ttip, socialisti e destra approvano risoluzione

Ieri, nel silen­zio gene­rale, la Com­mis­sione Com­mer­cio inter­na­zio­nale del Par­la­mento euro­peo ha appro­vato (a larga mag­gio­ranza, 28 si e 3 no) il pro­getto di rela­zione sul Ttip

Ucciso lo scienziato siriano delle armi, sospetti sul Mossad

L’uomo era un alto ufficiale vicino al presidente Bashar el Assad, guidava il sito di ricerche accusato di produrre armi chimiche

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment