Traffico intenso nel Medi­ter­ra­neo listato a lutto

Traffico intenso nel Medi­ter­ra­neo listato a lutto

Immigrazione. Ancora un naufragio, questa volta al largo dell’isola greca di Lesbo: muoiono un bambino di due anni e una donna. Risultano disperse altre undici persone. Nel frattempo continuano gli sbarchi sulle nostre coste: 351 migranti a Reggio Calabria e 667 ad Augusta

“E in que­sto momento in cui vediamo tanti pic­coli che ten­tano i viaggi della spe­ranza il Papa vi chiede di pre­gare per loro la Madonna di Lour­des”, così ieri Fran­ce­sco si è rivolto ai bam­bini in pel­le­gri­nag­gio di pace. E in quel momento, davanti all’isola greca di Lesbo, un bam­bino di due anni è morto anne­gato insieme ad una donna di tren­ta­cin­que anni. Forse sua madre, forse no. Viag­giava su un gom­mone par­tito dalla Tur­chia e diretto in Europa che si è ribal­tato per il forte vento, raf­fi­che a forza sei. I super­stiti sono stati sal­vati dalla guar­dia costiera greca, qua­ran­ta­sette per­sone. All’appello però ne man­ca­vano altre undici. Stando così le cose, l’aggiornamento è pre­sto fatto: secondo l’Organizzazione inter­na­zio­nale delle migra­zioni (Oim) dall’inizio del 2015 fino al 29 set­tem­bre nel mar Medi­ter­ra­neo sono morte 2.892 per­sone, da ieri sono 2.905. Poco dopo quest’ultimo nau­fra­gio un’altra barca in dif­fi­coltà è stata aggan­ciata nello stesso spic­chio di mare e per for­tuna tutte e qua­ranta le per­sone a bordo sono state tratte in salvo da un’altra imbar­ca­zione della guar­dia costiera.

In que­sti giorni c’è un grande traf­fico anche al largo delle coste tur­che. Ieri novan­ta­sette per­sone sono state sal­vate al largo della costa della pro­vin­cia nord occi­den­tale di Canak­kale. Tutti siriani tranne un con­go­lese. Erano saliti a bordo di un’imbarcazione che al mas­simo avrebbe potuto con­te­nere venti per­sone. Sono salvi per caso. Secondo l’ufficio del gover­na­tore di Izmir solo negli ultimi dieci giorni le navi della marina hanno soc­corso 3.500 rifu­giati in 134 ope­ra­zioni di sal­va­tag­gio. Tra quelli che ieri non ce l’hanno fatta a rag­giun­gere l’Europa biso­gna segna­lare anche gli otto tuni­sini bloc­cati al largo di Keli­bia (sud di Tunisi) su un’imbarcazione con due motori fuo­ri­bordo. Sem­pre ieri il mini­stro degli Interni tuni­sino ha annun­ciato di aver “sven­tato” un altro ten­ta­tivo di tra­ver­sata con qua­ranta per­sone a bordo (due gli sca­fi­sti arrestati).

Il bol­let­tino delle migra­zioni, come ogni giorno, ci riguarda molto da vicino. Non se ne accor­ge­ranno in molti, ma oggi nel porto di Reg­gio Cala­bria attracca la nave Bour­bon Argos con a bordo 351 per­sone (263 uomini, 85 donne di cui una incinta e tre mino­renni). Numeri che ormai non impres­sio­nano più (forse meno male) cui biso­gna aggiun­gere lo sbarco avve­nuto l’altro ieri ad Augu­sta, nel sira­cu­sano (667 migranti, tra cui due fer­mati con l’accusa di aver orga­niz­zato il viag­gio). Ce n’è abba­stanza allora per aggior­nare anche il dato for­nito ieri dal mini­stro degli Interni Ange­lino Alfano secondo cui dall’inizio dell’anno ad oggi sono sbar­cati in Ita­lia 130.577 migranti, 8 mila in meno dell’anno scorso (ad oggi però sono già diven­tati 131.595).

A que­sto flusso costante — l’anno scorso gli sbar­chi sono stati di più — l’opinione pub­blica e la poli­tica ci hanno fatto l’abitudine. Il punto adesso sarà gestire al meglio l’accoglienza nel pieno rispetto dei diritti umani. Il mini­stro Alfano, sen­tito dalla com­mis­sione Shen­gen, ieri ha fatto il punto pro­prio sull’accoglienza. L’obiettivo sarebbe orga­niz­zarla in pic­cole realtà in ogni comune ita­liano, ma fino ad ora solo 500 comuni ita­liani su 8.100 hanno dato la loro dispo­ni­bi­lità ad ospi­tare pro­fu­ghi. L’idea sarebbe quella di riu­scire ad allog­giarne almeno 40 mila entro la fine del 2016. Ma c’è un’altra sca­denza molto più pre­oc­cu­pante desti­nata pro­ba­bil­mente a mostrare il vero volto dell’Europa: entro fine novem­bre, ha annun­ciato il mini­stro, apri­ranno i cosid­detti “hotspots”. Sono nuove strut­ture con­cen­tra­zio­na­rie desti­nate a con­te­nere — non si sa per quanto tempo e con quali regole — molti migranti che prima o poi ver­ranno rispe­diti a forza nei paesi di pro­ve­nienza in base all’insensato cri­te­rio che distin­gue i migranti “eco­no­mici” da coloro che fug­gono da paesi in guerra. Que­sta, pro­ba­bil­mente, è la brutta sto­ria ancora tutta da scrivere.

Quest’altra, invece, farà pia­cere anche a Papa Fran­ce­sco. La rac­conta la Marina Mili­tare ita­liana per smen­tire alcune mal­di­cenze, invo­cando l’articolo 203 del codice della navi­ga­zione: il Coman­dante dell’Unità ha rego­lar­mente cer­ti­fi­cato la nascita della bam­bina nata lo scorso 4 mag­gio a bordo del pat­tu­glia­tore Bet­tica. La pic­cola Fran­ce­sca Marina è dei nostri.



Related Articles

Tortura, Italia condannata

Diritti umani. Lo Stato dovrà risarcire un uomo picchiato dai carabinieri. Alla vigilia della presidenza del semestre europeo, Roma incassa un’altra sanzione per violazione delle leggi internazionali che tutelano l’Uomo. La Corte europea di Strasburgo bacchetta anche la magistratura: non ha aperto alcuna «inchiesta effettiva»

Il 14 luglio tutti a Ventimiglia per “tornare a respirare”

È la prima manifestazione attorno a un confine in Italia nel tempo del “governo Salvini”. È una formidabile occasione per cominciare a mettere in campo le forze che, dobbiamo crederlo, rovesceranno quel governo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment