Ue, un accordo di emergenza

Ue, un accordo di emergenza

A sbloc­care la situa­zione, scon­giu­rando all’Unione euro­pea una nuova figu­rac­cia, è stata la Gre­cia. Quando ormai l’ennesimo ver­tice sulla crisi dei pro­fu­ghi nei Bal­cani era a un passo dalla rot­tura, Atene ha accet­tato di aumen­tare le sue capa­cità di acco­glienza rispetto ai die­ci­mila posti attuali. Era quello che aspet­ta­vano tutti, un sì che ha per­messo al mini­ver­tice con­vo­cato dome­nica dal pre­si­dente della com­mis­sione euro­pea Jean Claude Junc­ker di chiu­dersi potendo affer­mare di aver tro­vato un accordo.
Quella rag­giunta è un’intesa di emer­genza, in tutti i sensi. Sia per­ché con­qui­stata men­tre a Bru­xel­les arri­vava già l’eco della vit­to­ria otte­nuta in Polo­nia della destra anti-Ue e anti-immigrati del PiS di Jaro­slaw Kac­zyn­ski. Ma soprat­tutto per­ché decine di migliaia di uomini, donne e bam­bini in mar­cia lungo la rotta bal­ca­nica si tro­vano già da set­ti­mane espo­sti al freddo e alla piog­gia. Sono sotto gli occhi di tutti le imma­gini dei set­te­mila pro­fu­ghi che in Slo­ve­nia mar­ciano inco­lon­nati attra­verso i campi, diretti verso il con­fine con l’Austria. Tro­vare loro una siste­ma­zione decente era quindi il minimo che l’Europa potesse fare. «E’ inac­cet­ta­bile che nel 2015 la gente sia lasciata dor­mire nei campi e attra­ver­sare fiumi con l’acqua sino al petto in tem­pe­ra­ture gla­ciali» ha spie­gato Junc­ker.
L’accoglienza dei pro­fu­ghi è dun­que uno dei 17 punti del piano appro­vato. E’ pre­vi­sta la rea­liz­za­zione di 100 mila nuovi posti dove allog­giare i migranti, 50 mila dei quali in Gre­cia e altret­tanti nei Bal­cani. I det­ta­gli del piano sono ancora in via di defi­ni­zione, ma già si sa che di coloro che si fer­me­ranno in Gre­cia 20 mila saranno gestiti dall’Unhcr, l’Alto com­mis­sa­riato dell’Onu per rifu­giati, che pren­derà in affitto da pri­vati alber­ghi e case vacanze, ma uti­liz­zerà anche scuole, pale­stre, caserme e tende riscal­date.
Pro­prio la Gre­cia è stata a lungo sul banco degli impu­tati, accu­sata dagli altri par­te­ci­panti al ver­tice di non fare nulla per fer­mare i migranti diretti verso il nord Europa. Un’accusa alla quale Atene ha repli­cato ricor­dando come la vera porta dei Bal­cani sia la Tur­chia, che però non è stata nean­che invi­tata a Bru­xel­les. Non a caso il con­trollo dei con­fini esterni dell’Unione è un altro dei punti car­dine dell’accordo di dome­nica. Per tutti i par­te­ci­panti (Ger­ma­nia, Slo­ve­nia, repub­blica Ceca, Polo­nia, Austria, Olanda, Lus­sem­burgo, Croa­zia, Unghe­ria, Roma­nia e Bul­ga­ria più Ser­bia, Mace­do­nia e Alba­nia) se infatti è impor­tante offrire un riparo ai pro­fu­ghi, altret­tanto lo è fer­marli impe­den­do­gli di pro­se­guire nella loro mar­cia. E per que­sto è neces­sa­ria una gestione più rigida dei flussi. Ver­ranno quindi raf­for­zate tutte le mis­sioni di Fron­tex già in atto ai con­fini sia marit­timi che ter­re­stri, ma verrà anche atti­vato uno scam­bio di infor­ma­zioni tra tutti i paesi sul numero di migranti in entrata e in uscita. Nes­suno potrà quindi per­met­tere ai migranti di diri­gersi verso il con­fine di uno Stato vicino senza un accordo pre­ven­tivo. E nes­suna acco­glienza, infine, per chi rifiuta di farsi iden­ti­fi­care. «Senza regi­stra­zione, nes­sun diritto», ha sen­ten­ziato Junc­ker. Sarà la stessa Com­mis­sione Ue a veri­fi­care ogni set­ti­mana il fun­zio­na­mento dell’accordo.
L’idea che Bru­xel­les sta cer­cando di met­tere nuo­va­mente in campi è di impe­dire che alle fron­tiere interne si vedano scene come quelle dei giorni scorsi, con i migranti bloc­cati dalla poli­zia e costretti a ore, se non a giorni di attesa. Fer­marli negli hotspot, secondo Junc­ker, per­met­te­rebbe poi di pro­ce­dere ai ricol­lo­ca­menti diret­ta­mente da dove si tro­vano. Adesso resta però da vedere se e come i paesi dell’est daranno seguito agli impe­gni presi. Gre­cia a parte, dove si sa che i migranti saranno divisi tra isole e ter­ra­ferma, fino a ieri sera non era ancora chiaro dove, lungo la rotta bal­ca­nica, tro­ve­ranno posto le nuove strut­ture. E con l’aria che tira in Europa, le brutte sor­prese sono sem­pre possibili.



Related Articles

La compagna Liu prima donna al potere nella fortezza rossa

Potrebbe essere l’unica presenza femminile nel Comitato permanente del Politburo attualmente composto da nove uomini. Una mossa per svecchiare una dirigenza imbalsamata e presentare un’immagine più aperta ai vertici internazionali Cina  

Equità, welfare e Keynes la ricetta della Svezia felice dove solo il 2% è più povero

Nel rapporto McKinsey che ha certificato il crollo dei redditi delle nuove generazioni italiane, la fotografia del modello scandinavo come antidoto alla crisi economica e al regresso del tenore di vita

Processo alla Germania. Perché l’Europa ha paura di Berlino

Aperta un’inchiesta sui surplus tedeschi, l’Europa richiama il governo Merkel al principio di solidarietà, quello che ha salvato i tedeschi dopo il ’45. Dopo il ’45 la Germania fu riaccolta dalle democrazie e cominciò un’ascesa che ha toccato l’acme in questi anni di grande crisi. Oggi dimentica quella solidarietà e impone agli altri Paesi dogmi economici insopportabili

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment