“A Roma serve un uomo di sinistra”

“A Roma serve un uomo di sinistra”

ROMA. Bisognerà tenere gli occhi bene aperti sul dream team che Matteo Renzi si prepara a varare per gestire il Giubileo e aiutare l’amministrazione commissariale di Roma. Perché l’intenzione del premier è usare quella squadra come un laboratorio politico, per testare la figura del prossimo candidato del Partito democratico al Campidoglio. I nomi sui quali accendere i riflettori sono soprattutto due, quando ancora la lista dei papabili non è stata ancora definita e lo sarà probabilmente la prossima settimana al momento in cui il consiglio dei ministri varerà il decreto straordinario per le risorse (300 milioni) e la norma che insedierà la cabina di regia a Palazzo Chigi. Quei nomi sono Carlo Fuortes e Alfonso Sabella, due tecnici, due uomini della società civile ma con un profilo dichiaratamente di sinistra. Che secondo il segretario dem è necessario per riconquistare i voti nella Capitale e per tenere unito il Pd per la sfida decisiva delle amministrative di giugno.
Renzi deve lavorare su due binari nel confronto con la minoranza. Roma e la stabilità. Un primo assaggio della discussione o di una resa dei conti se le cose dovessero andare male si avrà oggi alla riunione dei gruppi parlamentari con il premier. Riunione annunciata da Renzi durante il viaggio in Sudamerica per mettere fine alle polemiche e non avere un percorso accidentato in aula. Qualche intreccio tra manovra e Roma sembra evidente. L’identikit di sinistra diventa necessario nel momento in cui a Largo del Nazareno viene dato per scontato che il candidato sindaco della nuova Cosa rossa sarà l’ex bersaniano e feroce critico della Finanziaria di Renzi, Stefano Fassina. Un osso per niente facile, già votatissimo alla parlamentarie del Pd nel 2012 proprio a Roma, sempre vicino alla causa dei lavoratori e dei sindacati nelle mille vertenze che li contrappongono alle aziende municipalizzate romane. Fassina quindi può togliere voti al Pd e inverare lo spettro più temuto da Renzi, ovvero che il partito non sia capace di portare il suo concorrente nemmeno al ballottaggio, superato dai grillini e da Alfio Marchini, probabile competitor per il centrodestra.
Il dream team dunque come test, come cartina di tornasole delle capacità dei suoi componenti di entrare «in sintonia con la città», il deficit che Renzi rimproverava a Marino. Sabella ha un tratto umano che è stato molto apprezzato da Matteo Orfini. E ha già fatto lo scudo umano durante Mafia capitale con il suo curriculum da magistrato anti-criminalità, di paladino della legalità. Argomenti buoni per contrastare l’avanzata del Movimento 5stelle. L’altra scommessa, più difficile perché poco conosciuta dall’opinione pubblica, è quella di Fuortes. Renzi lo vuole nella squadra a tutti i costi, sebbene alla Cultura si rischi un conflitto di interessi visto che il manager gestisce sia l’auditorium Parco della Musica sia il Teatro dell’Opera. Ma la norma potrebbe essere cucita addosso a Fuortes ed è possibile che alla fine lasci uno dei incarichi per non aver fianchi scoperti. Alle capacità di Fuortes è affidato il compito di dimostrare che la sua candidatura possa essere simile a quella di Giulio Carlo Argan, lo storico dell’arte che inaugurò le giunte di sinistra nella capitale. Argan ovviamente era più un intelletuale mentre Fuortes è in particolare un manager della cultura, con una serie di clamorosi successi alle spalle. L’Auditorium è uno dei pochi fiori all’occhiello della Capitale, il Costanzi è stato salvato dal disastro, è stato recuperato il rapporto con l’orchestra e oggi i conti sono in attivo. Ecco, sebbene meno visibile, l’attività di Fuortes richiama il ruolo svolto all’Expo da Giuseppe Sala, non a caso favorito per la corsa Pd a Milano.


Related Articles

La Spagna contro Maduro

Venezuela. Anche a livello inter­na­zio­nale, l’atteggiamento nei con­fronti del governo socia­li­sta di Maduro evi­den­zia lo scon­tro di inte­ressi in corso nel paese. Piani di cooperazione «tra imprese del settore pubblico e privato» di Roma e Caracas

La trincea generazionale

ALTRO che rottamazione. L’assegno universale per chi perde il lavoro che Renzi propone nel suo Jobs Act lo obbliga ad affrontare un dilemma generazionale di ben più ampia portata: chi aiutare per primo, in tempi di risorse limitate?

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment