Arrestati i nuovi corvi del Vaticano “Tradita la fiducia di Francesco”

Arrestati i nuovi corvi del Vaticano “Tradita la fiducia di Francesco”

CITTÀ DEL VATICANO. C’è chi lo definisce il ritorno dei corvi in Vaticano. Ma questa volta la Santa Sede ha chiuso subito il recinto, cercando di impedire che la possibile ondata di un nuovo scandalo per la diffusione di documenti segreti possa erompere in una seconda, imbarazzante Vatileaks.
Un monsignore in cella, Lucio Angel Vallejo Balda, spagnolo, 54 anni, già segretario della Prefettura degli Affari economici della Santa Sede. Una ex collaboratrice laica del Vaticano, Francesca Immacolata Chaouqui, 32 anni, calabrese di padre franco-marocchino, esperta in pubbliche relazioni ed ex membro della Commissione referente sulle strutture economico-amministrative della Santa Sede, anch’essa arrestata, poi rilasciata perché ha collaborato con le indagini. Sono i contorni della nuova bufera giudiziaria scoppiata Oltretevere per la fuga di notizie e di carte finite in inchieste giornalistiche, e ora anche in due libri in uscita.
L’indagine, condotta dal comandante della Gendarmeria vaticana Domenico Giani, era partita lo scorso maggio e si è concretizzata nella notte di Halloween, fra sabato e domenica scorsi, quando le due persone convocate dalle autorità vaticane per essere interrogate, sono state trattenute in stato d’arresto. Papa Francesco è stato subito informato dei provvedimenti.
L’indagine di Giani aveva preso le mosse dalla pubblicazione di documenti riferitisi alla Commissione economica, presenti già in inchieste firmate sull’ Espresso dal giornalista Emiliano Fittipaldi. Poi si è accelerata per l’uscita, il prossimo 5 novembre, del volume di Fittipaldi “Avarizia” (Feltrinelli) e anche di “Via Crucis” di Gianluigi Nuzzi (Chiarelettere), quest’ultimo autore di quel “Sua Santità” con le carte fornite dal maggiordomo di Benedetto XVI, Paolo Gabriele, nella Vatileaks che aveva portato a un inedito processo nel piccolo Stato.
Ieri la Santa Sede ha rilasciato un comunicato duro. «Pubblicazioni di questo genere non concorrono a stabilire verità, ma a generare confusione e interpretazioni parziali e tendenziose. Bisogna evitare l’equivoco di pensare che ciò sia un modo per aiutare la missione del Papa». Il Vaticano sostiene che i libri annunciati, di cui potrebbe essere anche chiesto il ritiro, «anche questa volta, come già in passato, sono frutto di un grave tradimento della fiducia accordata dal Papa».
Il libro “Avarizia” è un’inchiesta che partendo da documenti originali (verbali, bilanci, relazioni) intende svelare la ricchezza della Chiesa, dove il Papa sperimenta la resistenza a un cambiamento nella gestione del denaro. “Via Crucis” è un’analisi in cui si parte da registrazioni e documenti inediti per raccontare la difficile lotta di Jorge Bergoglio per cambiare la Chiesa. Con intercettazioni di Papa Francesco mentre sferra un attacco contro la nomenclatura a capo delle finanze, denunciando: “I costi sono fuori controllo. Ci sono trappole…”. Ora monsignor Balda resta in cella, la stessa nel Palazzo della Gendarmeria dove per cinque mesi fu rinchiuso Paolo Gabriele. Non si sa ancora se per lui partirà anche un procedimento canonico. Francesca Chaouqui invece, come ha confermato il suo avvocato Giulia Bongiorno, «ha depositato documenti a supporto delle dichiarazioni rese», ed è già rientrata a casa. «Confido di uscire innocente dalla vicenda », ha detto. Nella Santa Sede la divulgazione di notizie e documenti riservati è un reato rafforzato da una legge adottata dopo il caso Vatileaks, che lo punisce con la reclusione fino a otto anni. L’Opus Dei ha preso le distanze dai due, accostati alla Prelatura, manifestando “sorpresa e dolore per queste notizie”, e affermando che «gli unici superiori di monsignor Vallejo sono quelli della Santa Sede e il vescovo della diocesi spagnola dove è incardinato», mentre la Chaouqui «non è né è mai stata membro né cooperatrice dell’Opus Dei».
Ma in Vaticano ci si chiede, a distanza di tre anni e mezzo dallo scandalo del maggiordomo, se questi nuovi casi rischino di macchiare l’azione riformista di Francesco. Le tre settimane di Sinodo, con ben tre casi eclatanti ( l’ammissione di omosessualità di monsignor Charamsa, la diffusione della lettera dei 13 cardinali critici con Bergoglio, la falsa malattia del Papa) hanno fatto pensare a un possibile ritorno dei corvi. Per ora, ogni eventuale mossa è stata adesso neutralizzata.


Related Articles

La bonifica della Terra dei Fuochi a un condannato per reati ambientali

L’allarme di Cantone: scelte sbagliate, l’appalto per la discarica va annullato

Quando imparavamo dagli animali

Storia di un rapporto interrotto che per secoli ha chiarito molti aspetti della nostra evoluzione

Un errore punito con la ghigliottina

Mentre il presidente della regione Puglia attende di essere ascoltato dal magistrato sulle vicende dell’Ilva di Taranto, Il Fattoquotidiano.it pubblica l’intercettazione di una conversazione tra Nichi Vendola e Girolamo Archinà, il famigerato capo delle relazioni istituzionali del siderurgico tarantino.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment