C’è uno Stato Islamico che ha già vinto: l’Arabia Saudita

C’è uno Stato Islamico che ha già vinto: l’Arabia Saudita

 Daesh nero, Daesh bianco. Il primo taglia le gole, uccide, lapida, taglia le mani, distrugge il patrimonio dell’umanità e disprezza l’archeologia, le donne e i non musulmani. Il secondo è vestito meglio ma fa le stesse cose. Lo Stato Islamico; l’Arabia Saudita. Nella sua lotta al terrorismo, l’Occidente fa la guerra con una mano e stringe le mani con l’altra. Questo è un meccanismo di negazione, che ha un prezzo: conservare la famosa alleanza strategica con l’Arabia Saudita rischiando di dimenticare che anche il Regno degli Emirati poggia su un’alleanza con il clero che produce, legittima, diffonde, predica e difende il wahabismo, la forma ultra-puritana dell’Islam a cui Daesh si ispira.
Il wahabismo, un radicalismo messianico nato nel Diciottesimo secolo, spera di ristabilire un fantomatico califfato basato sul deserto, un libro sacro e due luoghi santi, Mecca e Medina. Nato nel massacro e nel sangue, si caratterizza per un rapporto surreale con la donna, la preclusione dei territori sacri ai non musulmani e leggi religiose spietate. Ciò si traduce nell’odio ossessivo contro l’immagine e la rappresentazione, quindi l’arte, ma anche il corpo, la nudità e la libertà. L’Arabia Saudita è un Daesh riuscito. Colpisce come l’Occidente lo neghi: saluta la teocrazia come suo alleato, ma fa finta di non notare che è il principale sponsor ideologico della cultura islamica. Le generazioni estremiste più giovani del cosiddetto mondo arabo non erano nate come jihadiste. Erano incubate nella Fatwa Valley, una sorta di Vaticano islamico con un’industria immensa che produce teologi, leggi religiose, libri, politiche editoriali e campagne media aggressive.
Si potrebbe ribattere: l’Arabia Saudita stessa non è un possibile bersaglio di Daesh? Sì, focalizzarsi su questo significherebbe trascurare la forza dei legami tra la famiglia regnante e il clero da cui dipende la sua stabilità — e anche, sempre di più, la sua precarietà. I reali sauditi sono costretti in una trappola perfetta: indeboliti dalle leggi di successione che incoraggiano il ricambio, si aggrappano a legami ancestrali tra il re e i predicatori. Il clero saudita produce l’islamismo che minaccia il Paese legittimando al contempo il regime. Bisogna vivere nel mondo arabo per capire l’immenso potere dei canali televisivi religiosi di trasformare la società raggiungendo i suoi anelli più vulnerabili: famiglie, donne, aree rurali. La cultura islamica è diffusa in molti Paesi — Algeria, Marocco, Tunisia, Libia, Egitto, Mali, Mauritania. Ci sono migliaia di giornali islamici e autorità religiose che impongono una visione unitaria del mondo, le tradizioni e l’abbigliamento in pubblico, le leggi statali e i costumi sociali che ritengono contaminati.
Vale la pena leggere certi giornali islamici per constatare le loro reazioni agli attacchi di Parigi. L’Occidente è rappresentato come una terra di “infedeli”. Gli attacchi sono il risultato dei massacri contro l’islam. I musulmani e gli arabi sono diventati i nemici dei secolari e degli ebrei. La questione palestinese è associata alla devastazione dell’Iraq e al ricordo del trauma coloniale, ed è confezionata in un discorso messianico volto a sedurre la massa. Quei discorsi vengono diffusi all’interno della società mentre, esternamente, i leader politici mandano le loro condoglianze alla Francia e denunciano un crimine contro l’umanità. Questa situazione totalmente schizofrenica si accompagna alla negazione delle aree oscure dell’Arabia Saudita da parte dell’Occidente.
Questo ci fa diffidare delle altisonanti dichiarazioni delle democrazie occidentali sulla necessità di combattere il terrorismo. La loro guerra non può che essere miope, in quanto mira all’effetto piuttosto che alla causa. Dato che Daesh è anzitutto una cultura, non una milizia, come si fa a evitare che le generazioni future si uniscano al jihadismo se rimane intatta l’influenza della Fatwa Valley e del suo clero, della sua cultura e della sua immensa industria editoriale?
La cura della malattia è dunque semplice? È difficile. L’Arabia Saudita rimane un alleato dell’Occidente in numerosi scacchieri mediorientali. È preferita all’Iran, a quel triste Daesh. Ed è qui la trappola. La negazione crea l’illusione dell’equilibrio. Il jihadismo è denunciato come il flagello del secolo senza considerare cosa l’abbia creato o sostenuto. In questo modo si salvano le facce ma non le vite.
Daesh ha una madre: l’invasione dell’Iraq. Ma anche un padre: l’Arabia Saudita e il suo apparato religioso- industriale. Finché non si comprende questo, si possono vincere le battaglie, ma si perderà la guerra. I jihadisti saranno uccisi, solo per rinascere nelle generazioni future e crescere sugli stessi libri. Gli attacchi di Parigi hanno nuovamente evidenziato questa contraddizione, ma questa, come è accaduto dopo l’11 settembre, rischia di essere cancellata dalle nostre analisi e coscienze.
Traduzione Ettore C. Iannelli © The New York Times


Related Articles

Uruguay, il presidente povero che vive nella sua casetta

Vive in una piccola fattoria di periferia a mezz’ora di strada da Montevideo, senza personale di servizio, ama coltivare crisantemi per venderli ai mercati locali, unica concessione alla sicurezza i due agenti in borghese che sostano sulla strada sconnessa davanti alla casa. È il presidente dell’Uruguay José Mujica, l’unico capo di Stato al mondo che dopo la sua elezione nel 2009 non ha cambiato di un millimetro il suo stile di vita. Anzi. L’ex guerrigliero tupamaro, 77 anni suonati, predica il pauperismo come una filosofia di governo

Sì all’arresto di Galan: non è persecuzione A Forza Italia resta la carta voto segreto

Finisce 16 a 3 in Giunta, l’ex ministro Galan: io innocente. Martedì verdetto dell’Aula

Colombia. Il testo integrale dell’accordo generale per la cessazione del conflitto

L’accordo generale per la cessazione del conflitto in Colombia e per la costruzione di una pace stabile e duratura

1 comment

Write a comment
  1. pierluigi casalino
    pierluigi casalino 30 Novembre, 2015, 12:58

    Condivido il contenuto di questo accordo e soprattutto la scarsa considerazione di un Occidente imbelle che tratta con chi arma gli assassini…Il dragone rosso con cui hanno fornicato i re della terra continua a tenere la scena…Da filo americani e filo occidentali dalla nascita si diventa filo russi, Benedetto Iddio..Rinvio ai miei numerosi interventi sul web sul giusto rapporto tra Occidente ed Islam che va ricostruito sui presupposti culturali che poggiano sulla rivisitazione aristotelica e razionalista di Ibn Rushd (l’Averroè dei latini), che è alla radice dell’Europa laica e moderna: un patrimonio che l’Islam classico, quello dei veri Califfi e non di questi fanatici delinquenti, ci ha lasciato, mentre la logica della politica di oggi cancella.
    Laicità, democrazia e cultura contro questa cloaca del wahhabismo, che danneggia anche i musulmani moderati se esistono!
    Casalino Pierluigi, 30.11.2015

    Reply this comment

Write a Comment