Così l’Ue lotta contro la povertà

Così l’Ue lotta contro la povertà

Nell’Unione europea vi sono 122,6 milioni di persone a rischio di povertà ed esclusione, vale a dire quasi un europeo su quattro; all’inizio della crisi erano 116 milioni. È uno dei dati più forti che emergono da Il nuovo disordine mondiale – Rapporto sui diritti globali 2015, presentato a Roma nella sede nazionale della Cgil. Il rapporto è stato curato da Associazione Società Informazione Onlus, promosso da Cgil con la partecipazione di Action Aid, Antigone, Arci, Cnca, Fondazione Basso-Sezione Internazionale, Forum Ambientalista, Gruppo Abele e Legambiente.

Secondo l’indagine, “la ‘lotta di classe dall’alto’ nell’ultimo anno, in diverse aree geografiche, ha preso la forma di una guerra contro i poveri e di un divorzio progressivo tra capitalismo globale e democrazia”. Secondo le statistiche europee, sottolinea il Rapporto, alcuni Stati membri hanno percentuali ancor più drammatiche, come la Bulgaria (48%), la Romania (40,4%), la Grecia (35,7%), l’Ungheria (33,5%), a fronte di percentuali tra il 15 e il 16% di Paesi come Svezia, Finlandia, Olanda e Repubblica Ceca. L’Italia registra il 28,4%, dato dunque superiore alla media europea, per un totale di 17 milioni e 330mila persone.

Ma, a fronte di questo drammatico ed eloquente quadro, nel quadriennio 2008-2012 – complessivamente, sebbene in modo molto differenziato tra i diversi Stati membri – l’Europa, si legge nel Rapporto, “ha disinvestito nel welfare, in ossequio agli imperativi dell’austerità e del ‘Fiscal compact’, con un taglio sulla spesa sociale europea per un ammontare totale di circa 230 miliardi di euro”.

“Disinvestire nel welfare ha, tra gli altri, anche l’esito – spiega il Rapporto – di distribuire i rischi di impoverimento in modo selettivo e diseguale, gravando soprattutto sui più deboli, e questo è uno dei meccanismi che porta a condizioni di povertà stabili, prolungate e difficilmente reversibili. Anziché essere contrastata, insomma, la crescente povertà, che riguarda sempre più anche chi possiede un lavoro e un reddito, viene perpetuata, diviene una condizione non transitoria, una sorta di buco nero sociale dove le povertà diventano a bassissima reversibilità, nel quale è sempre più facile scivolare e da cui è, e sarà, praticamente impossibile uscire”.

“Sempre più – spiega il rapporto – la povertà, specie se estrema, nelle risposte istituzionali, ma anche nel senso comune, è vista e trattata come crimine, anziché come situazione necessitante sostegno. Un processo presente da tempo negli Stati Uniti, che sta andando avanti in modo deciso in tutta Europa, a livello legislativo, amministrativo, del governo delle città, mediatico”.



Related Articles

Difesa, ecco il libro nero della ministra Pinotti

Dopo aver rice­vuto l’imprimatur del Con­si­glio supremo di difesa, con­vo­cato dal pre­si­dente Napo­li­tano, la mini­stra Pinotti ha pub­bli­cato le linee guida del futuro «Libro bianco per la sicu­rezza inter­na­zio­nale e la difesa»

L’orizzonte perduto della trasformazione

Le parole della polis. «Democrazia cercasi» di Stefano G. Azzarà per Imprimatur editore. Bonapartismo, esaltazione acritica dell’individualismo. Quanto la sinistra aderisce al liberismo

Gaza, pista egiziana per negoziare il cessate il fuoco

L’Egitto propone un cessate il fuoco a partire dalle 9 di oggi (le 8 in Italia), mentre John Kerry, segretario di Stato americano, arriva al Cairo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment