“Distruggeremo l’Is Assad si faccia da parte” Obama chiama gli alleati anche Londra farà i raid

“Distruggeremo l’Is Assad si faccia da parte” Obama chiama gli alleati anche Londra farà i raid

 NEW YORK. «Distruggeremo lo Stato Islamico». Prima di lasciare la Malesia, ultima tappa del suo viaggio asiatico, Barack Obama torna a parlare di terrorismo promettendo una vittoria totale contro Daesh e l’esercito del sedicente califfato. «Li distruggeremo, li cacceremo dalle terre in cui si trovano, taglieremo le loro fonti di finanziamento e le linee di rifornimento, decapiteremo i loro vertici e smantelleremo le loro reti». Nessun dettaglio (ovviamente) su come questo accadrà, ma il presidente Usa – criticato sia in patria che all’estero per una politica diplomatico- militare fin qui piuttosto fallimentare – dopo i massacri di Parigi e del Mali rilancia la “guerra al terrorismo” con alla guida la Casa Bianca («tutti faremo la nostra parte, noi continueremo a guidare la coalizione, stiamo rafforzando la collaborazione con la Francia e altri partner »).
Un appello agli alleati per un maggiore impegno nella coalizione e una critica aperta a Putin per le operazioni militari russe in Siria, mirate a colpire più gli avversari del dittatore Assad che le roccaforti dello Stato Islamico. Sarebbe «molto utile», sostiene Obama, se con il Cremlino siarrivasse in tempi brevi (il Segretario di Stato John Kerry aveva parlato di inizio “trattative” a gennaio) a un accordo sull’uscita di scena di Assad e sulla transizione verso un nuovo governo in cui coinvolgere l’opposizione moderata. «Il terrorismo non è la nuova normalità, il mondo non accetterà ancora attacchi del terrore ai ristora ti e ai cinema. Lo strumento più potente che abbiamo per combattere lo Stato Islamico è affermare che non abbiamo paura. Distruggere Daesh non soltanto è un obiettivo realistico, ma sarà fatto». Per il presidente Usa visto che «non riescono a batterci sul campo» i terroristi cercano di seminare la paura: «Non ci riusciranno, non inizieremo ad avere paura, non inizieremo a discriminare per la religione, dobbiamo rifiutare la loro ideologia, non siamo in guerra contro una religione. L’America non lo è ed è contraria a qualsiasi discriminazione».
Obama ha già ottenuto un primo risultato. Il premier britannico Cameron è pronto a raggiungere l’alleato Usa sul campo di battaglia, mandando i suoi caccia per i raid aerei contro lo Stato Islamico in Siria. Dovrà avere il via libera dal Parlamento, ma dopo Parigi il sì sembra più scontato.


Related Articles

«La minaccia più seria dall’11 settembre»

Nella notte paura per un attacco a Islamabad. La chiusura delle ambasciate 

Ocse vede nero sulla ripresa europea mentre vola il Pil Usa: più 3,9%

Proprio quando il Pil Usa segna una crescita record del 3,9%, l’Ocse lancia l’allarme sulla ripresa di Eurolandia

In Sardegna la guerra è un disastro ambientale

Capo Frasca. Mobilitazione straordinara il prossimo 13 settembre contro le esercitazioni Nato. Esplode la protesta. Giovedì, un proiettile d’artiglieria ha incendiato e distrutto 35 ettari di macchia mediterranea di grande pregio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment