Giovane ballerina: il tribunale ordina l’uso della forza

Giovane ballerina: il tribunale ordina l’uso della forza

Ferrara. Il tribunale autorizza il servizio Socio Assistenziale […] ad eseguire coattivamente il presente decreto avvalendosi del personale specializzato della Questura di Roma, Servizio Minori. Questa la decisione della Presidente del Tribunale Dott.ssa Franca Mangano riunita in sede collegiale con il dott. Vittorio Contento e la dott.ssa Monica Velletti.

Si è deciso quindi di ricorrere alla forza e di rifiutare la richiesta della ragazza di restare a vivere con la madre e di frequentare la scuola a Milano o eventualmente a Ferrara come richiesto dalla ragazza alla tutrice. Secondo il decreto l’allontanamento dalla famiglia e la collocazione a Roma è stato deciso in considerazione delle due CTU, in particolare dell’ultima, nella quale la “relazione tra madre e figlia è stata ritenuta disfunzionale”. Sempre in merito alla richiesta della ragazza, il tribunale non scrive esplicitamente che le sue parole non sono affidabili ma parla della “presenza di un legame madre figlia fonte di un potenziale rischio per la ragazza e frutto di condizionamenti materni”. Ricordiamo che la minore ha chiesto di essere sentita direttamente dal giudice e che tale richiesta non è stata accolta.

«E’ inammissibile che la volontà di una minore venga ritenuta inaffidabile sulla base di valutazioni soggettive psicologiche/psichiatriche.
Nel recente convegno “Effetti del coinvolgimento strumentale dei figli nella separazione dei genitori” tenutosi a Trento il  9 ottobre 2015, un avvocato ha sostenuto che “spesso si sa in anticipo quale sarà la conclusione del CTU, certi professionisti danno sempre ragione a una parte e altri danno sempre ragione all’altra”, sollevando l’approvazione di molti degli avvocati e dei professionisti in sala.
I relatori hanno ammesso che spesso questo succede, criticando la professionalità di certi consulenti, ma in realtà il problema risiede nella discrezionalità e “facile strumentalizzazione” di discipline come la psicologia e la psichiatria. Nonostante la scarsa affidabilità delle perizie, i giudici sono purtroppo appiattiti su tali valutazioni.
Queste discipline non dovrebbero essere ammesse nelle aule di giustizia per evitare i drammi e gli “errori” commessi sui minori che abbiamo riscontrato e continuiamo a riscontrare in questi anni. Nel caso di specie la ragazza, fino a poco tempo fa ballerina di livello internazionale e ottima studentessa, viene ora implicitamente ritenuta mentalmente instabile, tanto da richiederne il collocamento in una struttura specializzata.

Lanciamo un appello a tutta la società civile perché si mobiliti contro questa decisione, in particolare agli artisti che, come denunciamo nella nostra mostra sulla psichiatria, sono le prime vittime della psichiatria. Ricordiamo ad esempio, Hernest Hemingway, Marylin Monroe, Whitney Houston e molti altri.

Sabato 21 novembre alle ore 11 davanti al municipio di Ferrara terremo una manifestazione a favore di questa piccola ballerina e contro le perizie psichiatriche nei tribunali. Invitiamo tutta la popolazione e in particolare il Sindaco di Ferrara.»

Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus



Related Articles

Plastica e staminali per organi biotech il trapianto senza donatore è made in Italy

 La procedura inventata da un chirurgo di Viareggio incrocia nanotecnologie e medicina rigenerativa. Usata per gli interventi alla trachea permette di evitare le liste d’attesa e azzera il rischio-rigetto Adesso si punta sulla capacità  di queste cellule di umanizzare tessuti artificiali 

Il ricordo di Gorbaciov “Venticinque anni fa provai a salvare l’Urss ma Eltsin mi tradì”

L’intervista. Il 31 dicembre del 1991 l’Unione Sovietica cessò di esistere. “Fu una giornata terribile”, racconta l’ex presidente ottantacinquenne “Mi aspettavo una reazione del paese, ma non ci fu”

Un dibattito pubblico sui saperi

L’attacco è alla natura dei saperi, alla loro capacità  di liberare intelligenze, energie, persone. In questi trent’anni a scuole, università , luoghi della cultura sono stati sottratti risorse, idee, reali processi di rinnovamento, innescando una fuga di cervelli senza precedenti. La privatizzazione di scuole e università  e la cancellazione degli spazi di democrazia ed espressione della creatività , il tentativo di chiusura di musei e teatri hanno determinato un impoverimento del Paese.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment