La pierre tra bilanci e pettegolezzi «Qui c’è un clima da lunghi coltelli»

La pierre tra bilanci e pettegolezzi «Qui c’è un clima da lunghi coltelli»

CITTÀ DEL VATICANO «Io? Ma io sto benissimo. Com-ple-ta-men-te estranea ai fatti. È il monsignore che ha cercato di tirarmi in ballo, capirà, c’è un clima molto brutto…». Risposta al secondo squillo, crepitio sulla linea, ma Francesca Immacolata Chaouqui ha la voce sicura, da pierre navigata, «mi raccomando è tutto off the record », dice che non può parlare e parla velocissimo, «devo sentire la Santa Sede, consultarmi col mio avvocato, Giulia Bongiorno, la situazione è delicata» . In effetti, l’hanno arrestata…«Un momento: io mi sono presentata spontaneamente». Spontaneamente? «Mi ha chiamato sabato la Gendarmeria vaticana: dottoressa, c’è bisogno che lei venga. E io dopo venti minuti stavo là. Gentilissimi, i gendarmi, un comportamento esemplare da grandi professionisti, questo va detto. Ho dato tutta la mia collaborazione e mi hanno scarcerata. Tra l’altro: non sono mai stata in cella». E fino a lunedì dove ha dormito scusi? «In comunità dai salesiani».
Nessuna esitazione, nulla da rimproverarsi. «È il monsignore che se l’è presa con me, io non c’entro nulla», scandisce. «Del resto è solo la punta dell’iceberg: c’è anche la storia del computer violato di Milone… C’è un clima da lunghi coltelli, vede, anche per via delle due nomine mancate: prima il monsignore sperava di diventare segretario della Segreteria per l’Economia, poi di essere nominato Revisore generale della Santa Sede». Così lo chiama, «il monsignore». Eppure, nell’ascesa di questa giovane donna di San Sosti (Cosenza) – sposata con un ingegnere informatico, è figlia di un’italiana e un egiziano che la abbandonò alla nascita – la protezione di monsignor Lucio Ángel Vallejo Balda è stata determinante. Fu lui, Segretario della Prefettura per gli affari economici, a chiamarla a far parte della Cosea, la «Commissione referente per lo studio dei problemi economici e amministrativi della Santa Sede» che Francesco nominò nei primi mesi del suo pontificato,il 18 luglio 2013. L’aveva raccontato lei stessa all’ Espresso , nel settembre del 2013, «lo conoscevo, è il miglior economo che la Chiesa abbia mai avuto in tutto il mondo».
Già allora la nomina appariva bizzarra. Chaouqui aveva fatto la sua comparsa nel sottobosco vaticano fin dal 2012, anno di Vatileaks . Anche i sampietrini sapevano ciò che si diceva, in quella zona grigia che a Roma pullula di gente pronta a millantare agganci in Curia: che quella giovane pierre faceva da «fonte» di alcuni giornali e siti di pettegolezzi, delineando scenari da spy story tra «servizi segreti vaticani» e squadre di «corvi», un polverone che accompagnò l’inchiesta fino all’arresto di Paolo Gabriele, maggiordomo di Ratzinger
E poi c’era la storia dei messaggi lanciati dal profilo Twitter di Francesca Chaouqui in quei mesi: «#paologabriele non è il corvo», «le lettere continueranno ad uscire e sacrificare Paolo non sarà servito a niente», «Il #papa addolorato per l’arresto del cameriere», fino alla stima per il giornalista Nuzzi, autore del libro con i documenti del corvo: «Hai fottutamente ragione».
Chaouqui negò tutto, anche ora dice che con quei messaggi non c’entra nulla: «È stato tutto acclarato con Twitter e la polizia, erano degli screenshot , degli hacker entrarono nel mio profilo». Scomparvero dopo la nomina, lei ammise solo di aver scritto il tweet in cui diceva di Ratzinger: «Confermo: il Papa è affetto da leucemia da oltre un anno», una delle tante menzogne che giravano: «Ho riportato quello che si diceva in Vaticano». Una sua mail con l’atto di nomina vaticana arrivò allo studio Orrick e a Ernst&Young, dove lavorava: disse che era uno «sciacallaggio» e «sconosciuti» le erano entrai nella posta. Fatto sta che nella «Cosea» continuò a lavorare per mesi con documenti riservati e in Vaticano non accadde nulla.
Le cose cominciarono ad andare male l’anno scorso, dopo lo scandalo del buffet da 18 mila euro durante la canonizzazione di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II, un ricevimento «vip» sulla terrazza della Prefettura degli Affari Economici mentre un milione di fedeli stava pigiato in piazza: si disse di inviti fatti da Vallejo e Chaouqui e lei parlò di calunnie e «nemici che vogliono screditarmi agli occhi del Papa».
E ora, ancora tutto falso? «Ho in mano il documento che parla della mia collaborazione e dispone la scarcerazione. Ho dato la mia massima disponibilità, ho portato documenti, farò una dichiarazione con il mio avvocato. Non so se ci sarà un processo, ma sono certa sia emerso che io non c’entro nulla. Sono serena, spero che andrà tutto bene».
Gian Guido Vecchi


Related Articles

«La magistratura è sana, il suo vertice molto meno»

Mafia e politica, in Sicilia, hanno intessuto relazioni grazie alle quali mafiosi e politici hanno visto accrescere e cementare il loro potere. Ma all’inizio degli anni Ottanta il gruppo dei Corleonesi decapitò la classe dirigente di Cosa nostra, che teneva le redini di quelle relazioni, e con una guerra da trecento morti all’anno provocò «un forte indebolimento dei tradizionali e saldi rapporti: i referenti politici erano lì, quelli mafiosi non più». 

Il Parlamento? Tiene sul conto un tesoretto da 719 milioni di euro

ROMA — «Rompi il salvadanaio». Così rispondono i genitori ai bambini che esagerano coi capricci: «Hai i tuoi risparmi, usa quelli». Anche la Camera e il Senato hanno il salvadanaio pieno. Tengono da parte addirittura 719 milioni di euro. Ma non vogliono toccarli. Neppure in questi momenti in cui il governo ha detto agli italiani che «non ci sono alternative ai sacrifici».

Il piano europeo per non far partire i migranti

La Commissione Ue propone iniziative di sviluppo nei Paesi d’origine in cambio del blocco dei flussi. Ma per l’opposizione dei premier non si è ancora riusciti a trovare i 60 miliardi per la fase iniziale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment