Marek Halter: “Questa è una guerra globale Ora la democrazia è in pericolo”

Marek Halter: “Questa è una guerra globale Ora la democrazia è in pericolo”

 MAREK Halter ha vissuto gli orrori del nazismo, è fuggito dal ghetto di Varsavia, è scampato alla repressione sovietica. Ma al telefono dalla sua casa di Parigi, a pochi passi dal Bataclan, sembra far fatica ad afferrare quello che sta succedendo nella sua stessa città.
Riesce a capire che cosa sta succedendo?
«È una nuova guerra, l’ho scritto appena due settimane fa sul Journal de Dimanche. Il mondo sta cambiando. E cambia la forma della guerra. Nel ’39 si mandavano aerei e carri armati, oggi ci sono persone pronte a morire pur di uccidere in nome di Dio. E opporvisi è difficilissimo».
Che succederà adesso?
«Ho una paura, che è quasi una certezza: quello che sta succedendo aiuterà la destra estrema, alle prossime elezioni guadagnerà milioni di voti. La chiamano già la guerra con l’islam. E stanno lanciando la guerra contro i rifugiati, perché i figli di quelli che scappano da Iraq e Siria vengono in Francia per uccidere. È la democrazia a essere in pericolo. La gente ha paura, e apre agli estremismi. Non è impossibile che domani ci siano attacchi contro i musulmani in Francia, o attentati alle moschee».
Come si può evitare che questa profezia di sventura si realizzi?
«Per la gente semplice siamo già in una guerra di religione. Ed è difficile trovare una via d’uscita. Già tempo fa ho chiesto ai musulmani di Francia di mobilitarsi per dire che sono solidali con le vittime degli attentati e prendere le distanze dai jihadisti, altrimenti la popolazione francese penserà che sono complici o conniventi. Il pericolo è una guerra di religione. Non possiamo spiegare alla maggioranza della gente che reagire è sbagliato. I nostri vicini sono musulmani, in Francia sono sette milioni, io mi raccomando con loro, perché si muovano a protestare contro questi assassini. E la gran parte della comunità è d’accordo» Secondo lei ci sono collegamenti con la politica estera del governo di François Hollande, che ha proseguito sulla linea interventista di Nicolas Sarkozy?
«Sicuramente ci sono collegamenti con la politica estera di Hollande e l’intervento in Iraq. I jihadisti stanno colpendo le nazioni che stanno opponendosi allo Stato Islamico. Hanno colpito in Russia, hanno colpito in Egitto, hanno colpito i libanesi di Hezbollah perché stanno aiutando il regime di Damasco, oggi hanno colpito la Francia e domani potrebbe toccare a tutti i Paesi coinvolti nelle operazioni».
Come si può reagire?
«È difficile fare qualsiasi cosa. Se ci fosse stato da affrontare un esercito regolare, in una guerra tradizionale, un paese da sessanta milioni di abitanti avrebbe reagito adeguatamente. Ma così? Non possiamo certo schierare cento poliziotti per ogni stazione della metropolitana. E una risposta politica non c’è».
Si è fatto un’idea di chi possano essere questi attentatori?
«Di sicuro c’è che erano ben organizzati. Sono certo che molti di loro abbiano la cittadinanza francese. Non vengono dall’Iraq, ma sono nati in Francia e uccidono invocando Allah. Ed è molto difficile proteggersi contro il vicino che parla la tua lingua e conosce la tua città».
E adesso, le possibili conseguenze politiche sono inquietanti.
«Vincerà Martine Le Pen. E in realtà bisogna darle ragione, quando dice che gli islamici non sono buoni francesi: non sono pronti a morire per la democrazia, ma per Allah sì».
Crede che questi avvenimenti possano spingere l’Occidente a far pressione su Israele per raggiungere finalmente una soluzione al problema palestinese?
«No, per i jihadisti il problema non c’è, non parlano nemmeno più dei palestinesi. Alla soluzione dei due Stati pensano le persone per bene. Ma sempre di più in Occidente si sentiranno vicini a Netanyahu, perché adesso comprendono i sentimenti degli israeliani davanti al terrorismo».


Related Articles

De Luca parte subito all’attacco: denuncio Bindi, cambiate la Severino

Il vincitore delle elezioni campane: ha commesso un abuso d’ufficio Querela anche da Sandra Lonardo

Ho imparato dalle afgane l’arte della metamorfosi

Teatri di guerra. Bin Laden non c’è più. Ma a dieci anni dall’invasione per sopravvivere a Kabul o sui monti del Wakhan non basta indossare un burqa. Ogni giorno ha il suo costume di scena, fatto anche di gesti, di sguardi e di andatura, e che cambia continuamente di zona in zona. Come racconta una fotoreporter polacca che così è riuscita a rendersi invisibile 

«Nuove armi contro lo scudo », Putin risponde a Usa e Nato

Russia. Decisione di Mosca attesa da tempo contro l’insistenza del progetto americano

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment