“Not in my name”: comunità in piazza a Roma e Milano. “Ma lasciateci costruire le moschee ”

“Not in my name”: comunità in piazza a Roma e Milano. “Ma lasciateci costruire le moschee ”

ROMA. Un migliaio a Roma in piazza Santi Apostoli, altrettanti a Milano in piazza San Babila. L’Islam italiano scende in strada con i rappresentanti delle sue comunità, con gli imam, con i fedeli ma la partecipazione ai sit-in (complice il maltempo) non raggiunge i grandi numeri. La voce dei musulmani che vivono nel nostro Paese (oltre un milione e duecentomila persone) si alza per dire “Not in my name”, lo slogan del movimento per la pace contro i bombardamenti in Iraq del 2003, utilizzato ora dall’Islam per prendere le distanze dalle stragi del Venerdì 13. In piazza si urlano tanti “no”: «No al terrorismo», «No alla paura» e «No Isis» sono gli slogan di quella romana. Mentre da Milano si chiede il «riconoscimento delle moschee — scandisce al megafono Davide Piccardo, del coordinamento associazioni islamiche — perché così ci sarebbe maggiore sicurezza per tutti». Il piccolo palco a Santi Apostoli è affollato di oratori, tutti uomini, a partire da Abdellah Radouane, segretario della Grande Moschea di Roma: «Il terrorismo non può continuare a colpire ovunque in nome dei musulmani — dice — e da qui vogliamo che il mondo ci ascolti». Viene letto il messaggio del presidente della Repubblica Sergio Mattarella: «Gli assassini vogliono piegarci facendoci rinunciare ai valori di solidarietà e al nostro umanesimo. Noi non ci piegheremo — scrive il capo dello Stato — I tanti cittadini italiani di fede musulmana che in voi si riconoscono, insieme ad altri fedeli che vivono e lavorano nel nostro paese, sono e devono sentirsi parte di questa comune battaglia contro il terrore». In mattinata Mattarella, dalle colonne del Foglio, aveva anche ricordato come «la strage di Parigi è il diretto risultato della predicazione dell’odio contro il diverso e delle persecuzioni che le minoranze religiose e, in particolare, i cristiani, soffrono nel mondo». Sotto la pioggia che bagna la capitale, le uniche bandiere sono quelle della pace e della comunità di Sant’Egidio che col suo presidente, Marco Impagliazzo, ricorda che «nessuna guerra è santa, solo la pace è santa». Ci sono anche i politici, da Pier Ferdinando Casini a Fabrizio Cicchitto, dal segretario dei Radicali Riccardo Magi a una delegazione di Sinistra Italia, capeggiata da Stefano Fassina, fino alla segretaria della Cgil Susanna Camusso e al leader della Fiom Maurizio Landini. Gli occhi, però, sono puntati sui tanti rappresentanti delle comunità islamiche, sui numerosi giovani, anche, sulle tante ragazze musulmane, con velo e senza. Ai giovani si rivolge l’imam di Verona, Mohamed Guerfi, portavoce dell’Associazione nazionale degli imam: «Non dovete ascoltare quello che vi dicono su internet, il male arriva anche da lì». «Noi faremo la nostra parte — dice Abdallah Massimo Cozzolino, segretario della confederazione che raccoglie 300 moschee — ma una parte della popolazione italiana e della stampa non deve soffiare sul fuoco descrivendoci come responsabili del terrorismo». E mentre la piazza si svuota, l’imam di Terni, kefiah al collo, Corano in tasca, sventola la bandiera dell’Europa.


Related Articles

LA ASAMBLEA GENERAL DE LA ONU CONDENA DE NUEVO EL BLOQUEO A CUBA, MIENTRAS LOS  EE.UU SE ABSTINENEN POR PRIMERA VEZ

El pasado miércoles, 26 de octubre, la Asamblea General de la ONU aprobó la resolución presentada por el Gobierno cubano contra el bloqueo económico, comercial y financiero que las autoridades de los EE.UU mantienen contra el país caribeño desde hace cinco décadas y media

Libia, ribelli: 10 morti in raid Nato, colpita anche un’ambulanza

Libia, ribelli: 10 morti in raid Nato

Le forze anti-Gheddafi affermano di aver riconquistato Marsa el Brega, il terminal petrolifero a sudest di Bengasi

Intesa globale Vaticano-Palestina Israele esprime la sua delusione

La Santa Sede rilancia la soluzione «due popoli, due Paesi». «Cristiani tutelati»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment