Tedeschi e inglesi sospendono i voli Ventimila turisti bloccati a Sharm

Anche Londra conferma: bomba a bordo del jet russo. L’Enac chiede maggiori controlli

NICOLA LOMBARDOZZI, la Repubblica redazione • 6/11/2015 • Copertina, Guerre, Armi & Terrorismi, Internazionale • 412 Viste

MOSCA. È stata una giornata di paura e grande confusione per almeno 180 passeggeri italiani rimasti bloccati, tra gli altri, all’aeroporto di Sharm el Sheik per la decisione della compagnia britannica EasyJet di sospendere i voli da uno scalo ritenuto ormai ad alto rischio terrorismo. Stessa situazione per quasi ventimila utenti della compagnia sparpagliati tra i resort turistici del Mar Rosso che hanno visto il loro biglietto di ritorno bloccato. È la conseguenza diretta della decisione imposta dal governo di Londra che sostiene di avere «forti elementi» per sostenere che la strage dell’Airbus russo precipitato sabato scorso con 224 passeggeri, sia stato provocato da una bomba piazzata nel bagagliaio.
Una decisione che ha aumentato le paure dei russi, che sin dal primo giorno hanno temuto che dietro la sciagura ci fosse una vendetta del Califfato per i bombardamenti dell’aviazione di Mosca sulla Siria. E che ha fatto infuriare il Cremlino, deciso invece a prendere tempo per non seminare il panico e ad appellarsi, come sempre avviene in questi casi, alla lunghissima attesa per “i risultati ufficiali” delle indagini. Vladimir Putin ne ha parlato, pare a muso duro, al telefono con il premier britannico David Cameron. Il comunicato ufficiale di poche righe lascia capire il pensiero di Mosca: «Il presidente ha sottolineato quanto sarebbe importante avere notizie più precise e sicure». A dire le cose come ci pensava invece la sanguigna Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri: «Siamo indignati. Non si può affermare una cosa del genere senza una prova». Ma i dubbi ormai sono arrivati anche alla Casa Bianca: «Non possiamo escludere la pista del terrorismo », ha ribadito il portavoce del presidente americano, dopo l’indicazione dello stesso tenore filtrata mercoledì dall’intelligence Usa.
A Sharm, intanto è il caos. Ogni compagnia prende decisioni diverse. EasyJet assicura che sta predisponendo «una soluzione per il rientro dei suoi passeggeri». Gli italiani rientrano a Malpensa oggi. Probabile l’uso di aerei da trasporto dell’aviazione britannica. Edelweiss ed Eurowings, filiali low cost di Lufthansa, hanno sospeso temporaneamente i voli «per precauzione». La Turkish Airlines, ha singolarmente deciso di continuare arrivi e partenze «ma solo in pieno giorno». La Sas, scandinava, sta invece «valutando con attenzione il da farsi». Il volo della Meridiana di ieri mattina da Milano è regolarmente partito. L’Enac, l’Ente nazionale pr l’aviazione civile, ha chiesto alle compagnie italiane che decideranno di volare da Sharm di fare controlli supplementari. E, particolare sconcertante, continuano i voli verso Sharm della russa Metrojet,anche se restano a terra i due Airbus gemelli di quello caduto. Il caos non fa altro che alimentare le preoccupazioni. Putin, che avrebbe chiesto alla sua intelligence «prove inconfutabili e definitive », starebbe attendendo il momento giusto per una dichiarazione che potrebbe annunciare un’ulteriore escalation nella guerra contro il Califfato in Siria. Una guerra che non ha avuto l’abituale consenso popolare e che adesso diventa sempre meno accettata. Per questo il Cremlino aveva preso tempo, puntando sulla complicità degli egiziani che vedono nell’ipotesi attentato una conseguente disastro economico per il loro turismo. Ma anche in Egitto le cose non sono del tutto chiare. Il governo esclude l’azione terrorstica ma ieri ha destituito il direttore dell’aeroporto di Sharm, responsabile della sicurezza. Un altro elemento a favore dell’ipotesi attentato.

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This