Tur­chia al voto, sfida al Sultano atlantico

Tur­chia al voto, sfida al Sultano atlantico

Gior­nata di voto oggi in Tur­chia. Un voto segnato dalla stan­chezza degli elet­tori, chia­mati per la seconda volta in cin­que mesi a rin­no­vare la com­po­si­zione del par­la­mento, ma non per que­sto meno cru­ciale per il futuro del Paese.

Una sfida, soprat­tutto, che riguArda il sug­gel­la­mento del «sistema pre­si­den­ziale di fatto» del capo di Stato Recep Tayyip Erdo­gan, i cui esiti sono tutt’altro che scon­tati. Molto dipende dalla pos­si­bi­lità o meno dell’Akp (Par­tito della giu­sti­zia e dello svi­luppo) di otte­nere la mag­gio­ranza (276 su 550 seggi) neces­sa­ria per gover­nare da solo.

Lo scorso 7 giu­gno il par­tito, che ha otte­nuto il 40,8% regi­strando la per­cen­tuale più bassa della sua «para­bola ascen­dente», non è più riu­scito, per la prima volta in 13 anni, a for­mare un governo monocolore.

La «scon­fitta» del’Akp, ha fatto anche in modo che il pro­getto pre­si­den­zia­li­sta di Erdo­gan, per l’approvazione del quale sareb­bero stati neces­sari almeno 330 depu­tati, venisse messo nel cassetto.

Ciò tut­ta­via, non ha impe­dito al capo di Stato di dichia­rare che in Tur­chia il sistema era diven­tato «pre­si­den­zia­li­sta di fatto», dal momento che lui era il primo pre­si­dente eletto a suf­fra­gio uni­ver­sale. Per que­sto motivo, secondo molti ana­li­sti, una pos­si­bile vit­to­ria dell’Akp, cree­rebbe un avval­la­mento di que­sta situa­zione, ossia del rico­no­sci­mento della con­cen­tra­zione di tutti i poteri nelle mani di un solo uomo.

Nei mesi scorsi l’Akp, gra­zie agli inter­venti del pre­si­dente Erdo­gan e alle discor­danze emerse tra gli altri tre par­titi par­la­men­tari, è riu­scito a evi­tare la for­ma­zione di una coa­li­zione. In tal modo è stato messo in piedi un governo ad inte­rim, che ha con­ti­nuato a tenere in mano le redini del Paese. Pochi mesi in cui sono rico­min­ciati (dopo oltre due anni di tre­gua) gli scon­tri armati tra il Pkk (Par­tito dei lavo­ra­tori del Kur­di­stan) e l’esercito turco e si sono veri­fi­cati gli atten­tati più san­gui­nosi della sto­ria turca (Suruc e Ankara). Inol­tre, soprat­tutto nel sudest a mag­gio­ranza curda, si sono ripre­sen­tate situa­zioni dove i copri­fuoco, misure straor­di­na­rie di sicu­rezza e morti quo­ti­diane sono tor­nate all’ordine del giorno.

Tut­ta­via, seb­bene il pre­si­dente Erdo­gan si sia da subito dichia­rato a favore di ele­zioni anti­ci­pate e del ritorno di «un par­tito unico» per «dare seguito alla sta­bi­lità» nel Paese, tutti gli ultimi son­daggi indi­cano un risul­tato molto simile a quello già regi­strato nelle ele­zioni del 7 giu­gno scorso.

I son­daggi danno ormai quasi per certo che il Par­tito filo-curdo demo­cra­tico dei popoli (Hdp), prin­ci­pale respon­sa­bile della «scon­fitta» dell’Akp nelle ele­zioni pre­ce­denti, ripe­terà il suc­cesso ripor­tato a giu­gno, dove è riu­scito per la prima volta a supe­rare lo sbar­ra­mento elet­to­rale del 10%, regi­strando un sonoro 13%.

Una «vit­to­ria» che ha cau­sato all’Hdp costanti attac­chi da parte dei diri­genti Akp. La cam­pa­gna elet­to­rale dell’Hdp ha dovuto fare i conti con con­ti­nua man­canza di fondi, nume­rosi attac­chi alle sedi di par­tito, e il bando da diversi canali televisivi.

Ma la man­canza di fondi e la limi­tata pre­senza tele­vi­siva ha carat­te­riz­zato anche gli altri par­titi d’opposizione, come il Chp, (Par­tito repub­bli­cano del popolo) prin­ci­pale par­tito d’opposizione che ha ripor­tato il 25% nelle ele­zioni pre­ce­denti, e che secondo gli stessi son­daggi potrebbe aumen­tare di qual­che punto per­cen­tuale i suoi voti. I «lupi grigi» del Par­tito di azione nazio­na­li­sta (Mhp), che la scorsa volta ha avuto il 16% delle pre­fe­renze, potreb­bero dal loro canto per­dere qual­che punto, a favore dell’Akp.

Una pro­ba­bile con­se­guenza del «con­ge­la­mento» da parte del governo Akp delle trat­ta­tive di pace con i curdi, aspi­ra­zione, quest’ultima, fon­da­men­tale per il Mhp che con­ce­pi­sce la riso­lu­zione del pro­blema curdo solo in ter­mini militaristici.

Ma per l’opinione pub­blica, pro­fon­da­mente pro­vata dallo stato di ten­sione isti­tu­zio­nale e sociale, non­ché dalle cre­scenti pres­sioni sulla libertà dei media e di espres­sione, la ripe­ti­zione del risul­tato elet­to­rale potrebbe tra­sfor­marsi in uno stato di ulte­riore inde­fi­ni­tezza. Se alcuni osser­va­tori auspi­cano la for­ma­zione di una grande coa­li­zione tra l’Akp e il Chp, altri sot­to­li­neano che que­sta opzione risulta inve­ro­si­mile, per­ché il Chp insi­ste affin­ché venga ria­perto il fasci­colo di cor­ru­zione, che ha coin­volto diversi nomi illu­stri dell’Akp nel 2013, per poi essere «archi­viato». La stessa con­di­zione è posta anche dal Mhp, che però è indi­cato da molti, come il can­di­dato numero uno per una coa­li­zione for­mata dall’Akp, per l’affinità socio-culturale degli elet­tori delle due formazioni.

Un’altra pos­si­bi­lità, accen­nata negli ultimi giorni, sarebbe una «scis­sione» interna all’Akp, dove si uni­reb­bero le voci cri­ti­che alla nuova linea «intran­si­gente» del par­tito (e del pre­si­dente Erdo­gan). Un ven­ta­glio com­po­sto da figure come l’ex capo di Stato Abdul­lah Gül, l’ex vice mini­stro Bülent Arinç e l’ex mini­stro dell’economia Ali Baba­can che for­me­reb­bero un nuovo par­tito, allo stesso modo in cui nel 2001 si formò lo stesso Akp, stac­can­dosi dal par­tito isla­mi­sta Refah.

«Non trovo con­vin­centi simili tesi», com­menta l’ipotesi Kür­sat Bumin docente alla Uni­ver­sità Bilgi, «l’Akp ha rag­giunto il potere che pos­siede oggi appro­prian­dosi di tutti i qua­dri dello Stato. Dalla buro­cra­zia all’esercito, dalla poli­zia alla magi­stra­tura e al Con­si­glio supe­riore della magi­stra­tura, tutte le isti­tu­zioni stanno con Erdo­gan. Un Akp così adden­tro allo Stato, non può dare ori­gine ad un nuovo Akp».

Seb­bene il pre­mier Davu­to­glu tende ad esclu­derlo – senza troppa con­vin­zione – l’opinione pub­blica si chiede se in caso di man­cato rag­giun­gi­mento di una mag­gio­ranza gover­na­tiva il pre­si­dente Erdo­gan, insi­ste­rebbe per andare ad una terza tor­nata elet­to­rale. Una situa­zione di inde­fi­ni­tezza che nume­rosi ana­li­sti defi­ni­scono vele­nosa per il Paese. Il 2 novem­bre si vedrà quali di que­sti sce­nari pren­de­ranno forma.



Related Articles

C’è il convegno No Expo, il rettore chiude l’ateneo

Milano. Statale chiusa per motivi di ordine pubblico. Colpa di un’assemblea. Tutti a casa per tre giorni

Alarm Phone: «Dodici migranti morti per colpa dell’Europa»

Un dossier di Alarm Phone. I 146 migranti della Alan Kurdi trasferiti oggi su una nave per la quarantena. Vari paesi tra cui l’Italia accusati di aver lasciato naufragare un’imbarcazione con persone a bordo.

Irlanda del Nord. New Ira si scusa per l’omicidio della giornalista

In un comunicato spedito all’«Irish News», l’organizzazione si attribuisce l’omicidio della giornalista Lyra McKee, uccisa mentre stazionava accanto alle «forze nemiche»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment