Una libertà contagiosa

Una libertà contagiosa

Adele Cambria

Una gior­na­li­sta ribelle. Così si legge nel sot­to­ti­tolo della sua auto­bio­gra­fia, iro­ni­ca­mente inti­to­lata Nove dimis­sioni e mezzo (Don­zelli, 2010), dove rac­conta la sua sto­ria di gior­na­li­sta e le sue bat­ta­glie di libertà. Adele Cam­bria ha attra­ver­sato un pezzo della sto­ria d’Italia e della sua infor­ma­zione, ha fre­quen­tato i suoi intel­let­tuali, ha scritto da pro­ta­go­ni­sta pagine del nostro fem­mi­ni­smo. Ha lavo­rato per Paese Sera, La Stampa, L’Europeo e L’’Unità, Noi donne, di cui è stata una fon­da­trice, ha diretto Effe negli anni settanta.Era una minuta ed ele­gante donna del sud, nata a Reg­gio Cala­bria nel 1931. Si era lau­reata in giu­ri­spru­denza a Mes­sina per poi sbar­care a Roma, gio­va­nis­sima. Obiet­tivo, scri­vere: voleva capar­bia­mente essere una testi­mone attiva del mondo a lei con­tem­po­ra­neo. Era, in realtà, una donna di una forza straor­di­na­ria, quanto di più vicino posso imma­gi­nare all’aggettivo vivace. Ho avuto la for­tuna di cono­scerla e di poterla coin­vol­gere nel mio impe­gno di ammi­ni­stra­trice locale a Roma. Era una gior­na­li­sta amica, non per­ché facesse sconti o omet­tesse le cri­ti­che, ma per­ché era real­mente curiosa di quello che stavi facendo e di ciò che si muo­veva attorno al tuo lavoro. E aveva il senso delle gene­ra­zioni e della rela­zione tra donne. Era soprat­tutto una per­sona libera, e que­sto ti contagiava.

In nome della libertà e della verità era capace di inve­sti­gare la realtà e rom­pere il muro dell’omertà e del con­for­mi­smo. Come quando «scese» nella sua Reg­gio: era il 1970, la rivolta ormai pla­cata, ma lei voleva capire dav­vero come erano andate le cose, non accon­ten­tan­dosi della let­tura pre­va­lente. La sua inter­vi­sta a Sofri, mai pub­bli­cata dall’Europeo, fu la causa delle sue quinte dimis­sioni da un gior­nale, e quella rivolta, così rac­con­tava, fu insieme al fem­mi­ni­smo, uno spar­tiac­que nella sua vita. Per lei era stata una moder­nis­sima rivolta popo­lare che la sini­stra non aveva capito. Diven­terà diret­trice respon­sa­bile di Lotta con­ti­nua, da cui ancora una volta si dimet­terà (le seste dimis­sioni) dopo essersi ritro­vata in guai giu­di­ziari ai tempi dell’assassinio del com­mis­sa­rio Calabresi.

Adele Cam­bria è stata un’intellettuale, una scrit­trice di romanzi e di opere di tea­tro. Arri­vata a Roma negli anni 50 aveva cono­sciuto Pier Paolo Paso­lini, di cui era diven­tata amica. Aveva inter­pre­tato il ruolo di «Nan­nina la napo­le­tana» in Accat­tone (1961), e poi in seguito anche par­te­ci­pato a Comizi d’amore (1965) e Teo­rema (1968). È stata tra le fon­da­trici del tea­tro La Mad­da­lena, a Roma. Ha scritto su Isa­bella Morra, sulle donne di casa Gram­sci. Una dei suoi ultimi libri è dedi­cato a Istan­bul, città dove era tor­nata dopo un viag­gio fatto molti anni prima (Istan­bul. Il dop­pio viag­gio, Don­zelli Edi­tore, 2012).

Nel 2008 aveva anche aperto un blog, accanto alla sua foto, solo una frase, quasi un ritratto: «a me non piace pia­cere a molti, ma solo ai pochi a cui piac­cio». Pia­ceva in effetti a molti, sicu­ra­mente a molte, per quel suo sor­riso e quel suo modo irri­ve­rente di dire la verità e mostrare il re nudo. Ciao Adele. Ci mancherai.


Tags assigned to this article:
Adele Cambriafemminismogiornalismo

Related Articles

Margarethe von Trotta: “Troppi pregiudizi influenzano i tedeschi Ora cresce il rischio del nazionalismo”

Margarethe von Trotta. Protagonista della rinascita del cinema in Germania, la regista legge il cambiamento del suo Paese: profondamente cambiato il senso di solidarietà

“Noi di Podemos insieme ai socialisti per la nuova Spagna”

Pablo Iglesias: “Senza il Psoe non ce la faremo. Lavoriamo già insieme nelle città. Dopo il voto del 26 i nostri rapporti miglioreranno”

Autunno caldo in fabbrica, oltre mille le vertenze aperte

Autunno caldo? Sì, per la crisi delle aziende. «Chi si immagina una stagione fatta di guerre ideologiche su questo o quel punto di una delle riforme annunciate dal governo, si sbaglia di grosso», dicono in Cgil

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment