Usa, la strage è terrorismo islamico La killer giurò fede all’Is su Facebook

Usa, la strage è terrorismo islamico La killer giurò fede all’Is su Facebook

NEW YORK. Adesso è ufficiale: la strage di San Bernardino è un atto di terrorismo islamico. Per l’Fbi non ci sono più dubbi, l’analisi dei dati sui cellulari e il computer usati da Syed Farook e Tashfeen Malik nei giorni precedenti il massacro — e anche poche ore prima di salire armati di tutto punto sul Suv scuro dove poi sono stati uccisi tentando una fuga impossibile — conferma che la giovane coppia di terroristi ha agito per conto (o almeno in nome) dello Stato Islamico. Hanno tentato di distruggere le prove, ma i cellulari di Syed a Tashfeen, schiacciati e gettati in un cesto della spazzatura, sono stati ritrovati dagli investigatori del Bureau. «Continuiamo a ricavarne dati, con le impronte “digitali” che hanno lasciato siamo riusciti a ricostruire le loro motivazioni. Da oggi indaghiamo sul caso come un atto di terrorismo».
Diversi dettagli e una serie di piccole indizi (legami di Syed con Shebab somali e un militante del gruppo qaedista Al Nusra) che alla fine hanno rimesso in sesto un “puzzle” che per due giorni risultava incomprensibile anche a navigati detective come gli agenti federali delle squadri speciali anti-terrorismo. La cosiddetta “pistola fumante”, la prova decisiva, l’hanno trovata nel computer abbandonato nella casa della coppia a Redland. I due fanatici islamici avevano distrutto l’hard disk, ma gli specialisti del Fbi sono riusciti comunque a risalire a un post su Facebook che Tashfeen aveva postato (sotto falso nome): un testo inneggiante allo Stato Islamico dove la giovane donna (27 anni) dichiarava la sua «completa fedeltà» al cosiddetto Califfo. Il messaggio è stato poi cancellato, ma l’Fbi ha deciso di non rivelare ulteriori dettagli su questo punto, né ha voluto spiegare ai media il modo in cui avevano ricostruito la vicenda del post su Facebook. Gli agenti hanno solo precisato che la coppia potrebbe essere stata “ispirata” dallo Stato Islamico, ma non “diretta” da militanti del Califfato. Solo una conferma che Syed e Tashfeen si erano “radicalizzati” negli ultimi mesi senza che (al momento) siano stati trovati legami diretti — i due non hanno lasciato alcuna rivendicazione e non c’è traccia anche nelle impronte “digitali” — con l’organizzazione terroristica di Al Baghdadi.
Nelle stesse ore in cui l’America aveva la certezza che l’ultima strage era opera di terroristi islamici è arrivata anche la prima rivendicazione ufficiale di Daesh. In un comunicato trasmesso da Aamaq, il network di propaganda dello Stato Islamico, si legge che «due sostenitori dell’Is» sono gli autori della strage. Nel rivendicare l’attacco l’organizzazione terrorista sostiene che «è arrivato dopo la dichiarazione degli americani che gli Usa non erano a rischio di attentati terroristici » e dopo «i sanguinosi attacchi a Parigi e Tunisi».
Nella casa di Redlands dove la coppia aveva vissuto negli ultimi mesi, ieri aperta a cameramen e fotografi, oltre all’arsenale (fucili, pistole e dodici “tubi- bomba”) gli agenti hanno recuperato una serie di copie di istruzioni per fabbricare una bomba. Sarebbero state prese (e anche questa è una prova a favore dell’atto di terrorismo premeditato) dalla rivista online di Al Qaeda, Inspire. Dopo i dettagli emersi su Farook e il suo passato (più di un viaggio in Arabia Saudita, l’ultimo durato oltre un mese) gli agenti del Bureau stanno ora setacciando la vita della moglie. Malik, nata in Pakistan, era arrivata negli Stati Uniti solo l’anno scorso grazie a un “visto da fidanzata”, un documento non facile da ottenere anche per chi è da tempo il partner di cittadini americani. Solo quest’anno, poco prima che nascesse la bimba di sei mesi (affidata alla nonna paterna poco prima di andare a compiere la strage) si erano sposati.


Related Articles

Libano. Dopo il disastro, la polizia e poteri speciali all’esercito

I militari potranno ora reprimere libertà di parola, stampa e assemblea, irrompere senza mandato in abitazioni private, arrestare arbitrariamente chiunque sia ritenuto pericolo pubblico. Votano sì tutti i parlamentari, tranne uno. E i casi di Covid-19 aumentano ancora

Il superpoliziotto americano a Scotland Yard

Dopo le rivolte Cameron ingaggia Bratton, l’uomo della “tolleranza zero” di Giuliani. “Non si risolvono i problemi a suon di arresti. Servono strategie e tecniche di prevenzione”

Il razzismo e le armi insanguinano la mia America ma ecco perché spero

“Molti poliziotti temono i neri e allo stesso tempo li vedono come un facile bersaglio” scrive Toni Morrison, la scrittrice afro-americana premio Nobel per la letteratura nel ’93. “Le nuove generazioni però sono diverse. Le proteste diffuse lo dimostrano”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment