Il nuovo disordine mondiale

Il nuovo disordine mondiale

Giunto alla 13° edizione, il Rapporto sui diritti globali è significativamente titolato Il nuovo disordine mondiale. Un disordine che fa perno attorno a quella “Prima guerra mondiale della finanza” documentata dal Rapporto negli ultimi anni, che nel 2015 ha visto una decisa accelerazione.

Una guerra articolata su più fronti, a partire da quello contro i lavoratori, i ceti meno abbienti e i Paesi recalcitranti alla dittatura della Troika e alla disciplina dell’austerity; come da ultimo abbiamo visto in Grecia, cui è dedicato il Focus del primo capitolo del volume.

A fianco di questa nuova forma di neo-colonialismo, solo apparentemente meno cruento di quello dei secoli scorsi, continuano e si ampliano le guerre tradizionali, calde e fredde, dentro una strategia di alterazione degli equilibri geopolitici.

I costi umani ed economici delle guerre

Una strategia assai scivolosa, che sta resuscitando anche fantasmi del secolo scorso, con il riarmo nucleare avviato dall’amministrazione Obama, che comporta una spesa di 1000 miliardi di dollari in dieci anni, di cui oltre 200 miliardi già stanziati. Dunque, una strategia anche assai costosa: basti dire che, attualmente, l’impatto complessivo delle guerre viene stimato in ben 14.300 miliardi di dollari. Al solito, costi per il pubblico, ma profitti stratosferici per il privato: l’indice Bloomberg, che traccia le aziende del settore aerospaziale e della difesa, è partito al rialzo con gli attentati di Parigi del 13 novembre scorso.

Ma i costi non sono solo economici: l’industria della guerra nel 2014 ha prodotto 180 mila vittime dirette, oltre a quelle indirette dovute alle migrazioni forzate. Vittime, peraltro, rispetto alle quali vige un cordoglio pubblico asimmetrico, essendo in grandissima parte nascoste alla vista e all’informazione.

Prossimo bersaglio: i BRICS

È una strategia volta, sul piano economico e geopolitico, a contrastare la crescita della Cina e il coagulo tra i paesi BRICS, a rallentare il declino americano, ad accaparrarsi e controllare le risorse strategiche e ad aprire ancora di più uno spazio globale e incontrollato ai mercati, vale a dire alle corporation, come si sta facendo anche con le trattative sul TTIP in corso tra USA e UE, cui è dedicato uno degli approfondimenti del Rapporto 2015.

Nel frattempo, e contemporaneamente, la gestione della crisi approfondisce la guerra contro le fasce sociali più vulnerabili, nelle aree meno sviluppate del mondo ma anche in occidente, dove è crescente e multiforme la criminalizzazione delle povertà, dove si ampliano a dismisura il lavoro povero e quello servile, il precariato e le forme di lavoro gratuito, dove la forbice delle diseguaglianze si è allargata a livelli inediti e intollerabili. Basti un solo esempio: la famiglia Walton, proprietaria della catena dei magazzini Walmart, possiede una ricchezza pari a quella di 2 milioni e 257 mila famiglie medie americane, vale a dire 172 miliardi di dollari.

L’ecocidio continua

La guerra mondiale in corso è rivolta anche contro il pianeta, con i cambiamenti climatici, la deforestazione (nel 2014 sono scomparsi 18 milioni di ettari di foreste, una superficie pari a quella della Siria), la perdita delle biodiversità, l’inquinamento, la cementificazione. Una rapina del presente, che uccide il futuro delle nuove generazioni.

È una guerra del cibo e dell’acqua, per l’accaparramento di risorse, con la speculazione finanziaria e la privatizzazione dei beni comuni, con le sovvenzioni all’agricoltura industriale intensiva e agli allevamenti snaturanti, con il monopolio della grande distribuzione alimentare, con il land grabbing (nei primi 12 anni di questo secolo sono stati acquistati o affittati per periodi sino a 99 anni circa 203 milioni di ettari di terre: una superficie pari alle dimensioni dell’Europa nord-occidentale).

Il quadro non induce certo a ottimismi, ma accresce la consapevolezza che conoscere la realtà è il primo passo per cambiarla; convinti, con Rosa Luxemburg e il compianto Luciano Gallino, che «Dire ciò che è rimane l’atto più rivoluzionario». Un impegno cui il Rapporto sui diritti globali, con le sue piccole forze, cerca di essere fedele da 13 anni.

Sergio Segio, * curatore del Rapporto



Related Articles

Il dramma del Sud, oltre i luoghi comuni

Rapporto Svimez. Il vero confronto tra Grecia e Sud d’Italia è sul piano socio-politico: qui è scomparsa la mobilitazione sociale

Newco “cuscinetto” per far entrare Poste in Alitalia-Etihad

Una settimana per l’accordo finale se si sfora c’è il rischio fallimento. Cai e il gruppo pubblico soci della nuova società che controllerà con gli emiri l’azienda operativa

«L’Europa all’Onu approvi una gestione democratica del debito »

Un gruppo di eco­no­mi­sti di fama inter­na­zio­nale ha fir­mato un appello affin­ché i Paesi Mem­bri dell’Unione Euro­pea votino a favore di una riso­lu­zione per la gestione demo­cra­tica dei debiti sovrani

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment