Nuova cultura e nuovo Stato, l’Isis teorizzato

Nuova cultura e nuovo Stato, l’Isis teorizzato

Lo chiamano sedicente Stato Islamico, dignità statuale non gli va riconosciuta. Eppure al-Baghdadi ha aspirazioni che vanno oltre la mera occupazione di territori.

L’errore dell’Occidente sta tutto qua: spacciarlo per un fenomeno estemporaneo, irrazionale. Nato nel 2006, ha approfittato di paesi compiacenti per proliferare. Strumento per destabilizzare il Medio Oriente, questo era l’Isis per i suoi sostenitori. Ma i suoi orizzonti sono più ampi: un progetto statuale, con confini definiti e successive relazioni esterne, una burocrazia interna, un’economia propria. Lo rivela un documento pubblicato dal The Guardian, “Principi nell’amministrazione dello Stato Islamico”: il teorico Abu Abdullah al-Masri descrive per capitoli i passi per fondare lo Stato.

Redatto tra luglio e ottobre 2014 e paragonato dall’ex generale Usa McChrystal alla teorizzazione maoista, analizza la storia del mondo arabo da Sykes-Picot, visto come mezzo di deprivazione dei sunniti. E ne individua la “soluzione”: fondere nella cultura islamica stranieri che abbracciano il califfato e nativi, ripuliti dalla presenza degli infedeli.

A seguire i bisogni tipici di ogni entità statuale: apertura di fabbriche, struttura militare, sfruttamento del petrolio, uso dei media, divisione del potere tra ministeri e enti locali. Ma soprattutto l’educazione: «Lo Stato richiede un sistema di vita islamico, una costituzione coranica e un sistema che lo implementi. Non si reprima il ruolo di capacità e qualifiche, l’addestramento dell’attuale generazione all’amministrazione dello Stato».



Related Articles

Diritti Globali: come precedenti, governo ignora poveri

“Sulle politiche di contrasto alla povertà il governo Renzi si é allineato, in negativo, con quelli precedenti. Vale a dire che, semplicemente ignora il problema”

Colombia. Ex combattente FARC:«Giustizia o le multinazionali avanzeranno»

L’ex Farc Pablo: «Dobbiamo prendere una posizione più forte, la mattanza dei nostri compagni deve fermarsi. Il processo di pace è la nostra occasione per poterlo mettere in pratica, prima che le multinazionali si mangino il nostro paese»

Libia, Bossi contro Berlusconi “Io dico no ai bombardamenti”

“Siamo una colonia francese”. Il Pd: la maggioranza non c’è più. Via libera di Napolitano ai raid “Sono lo sviluppo naturale della missione”. Le opposizioni potrebbero proporre un testo comune da votare alle Camere 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment