Le nuove partite Iva hanno più di cinquant’anni

Le nuove partite Iva hanno più di cinquant’anni

Le nuove partite Iva hanno i capelli grigi. Secondo l’Osservatorio sul lavoro autonomo del ministero dell’Economia, le partite Iva aperte da italiani tra i 51 e i 64 anni sono aumentate del 7,5% a ottobre 2015 rispetto allo stesso mese del 2014. Il tutto mentre le partite Iva «giovani» subivano una leggera flessione. Va rilevato che gli under 35 restano pur sempre il 48% delle nuove partite Iva. Ma tant’è: i cinquanta-sessantenni sembrano interessati a colmare il divario.
Esperti e debuttanti nello stesso tempo: chi sono queste nuove partite Iva nate negli anni 50? Mancando dati ufficiali, bisogna affidarsi alle osservazioni sul campo. «Dal nostro osservatorio le partite Iva over 50 sono certamente in aumento e appartengono soprattutto a due categorie — spiega Anna Soru, presidente di Acta, associazione dei lavoratori autonomi del terziario avanzato —. La prima: gente che ha perso il posto da dipendente, ha una buona professionalità ma fatica a ricollocarsi da lavoratore subordinato. La seconda: pensionati che si offrono per vari lavori di consulenza».
Quanto la quota dei pensionati sia ampia è difficile dire. Certo, qui si apre una questione delicata. «Con il nuovo regime dei minimi in vigore l’anno scorso i pensionati potevano cumulare una pensione fino a 30 mila euro con un fatturato da partita Iva che poi veniva tassato soltanto al 5% — fa notare Soru —. Questa situazione andrà avanti quest’anno con il nuovo regime forfettario. E senza nemmeno il limite precedente che riservava il trattamento di favore ai primi cinque anni di attività. Di fatto in questo modo si premia chi può già contare su una ricca pensione con il sistema retributivo. Pensione che nessun giovane potrà mai nemmeno sognare».
Da qui a recriminare rispetto al fatto che i pensionati con partita Iva «rubino» il posto a giovani il passo è breve. «È chiaro, l’idea “pensionato al lavoro uguale a giovane disoccupato” è tra le più immediate. Ma potrebbe essere sbagliata», fa riflettere Guido Carella, presidente di ManagerItalia, il sindacato dei dirigenti dei servizi. «Nella nostra categoria circa il 50% degli over 50 che perdono il posto si ricolloca con partita Iva. Conosciamo quindi il fenomeno. Ed è vero che tra le partite Iva ci sono anche molti pensionati. Ma se le aziende li scelgono spesso è perché non trovano professionalità simili tra i giovani».
La questione è di quelle che fanno discutere. Ma una certezza c’è: dopo la riforma Fornero delle pensioni, con partita Iva o senza, ai cinquantenni non resta che inventarsi un modo per restare al lavoro .
Rita Querzé


Related Articles

Camusso contro mister Tod’s “Dov’era la classe dirigente mentre l’Italia affondava?”

Così Della Valle alimenta l’illusione che si possa fare a meno della politica. Basta con questa strana idea che il Paese sia come un’azienda 

Pensioni dei parlamentari, scontro su una legge rischiosa per tutti

La riforma sigla il passaggio al “contributivo” non solo per i parlamentari

Più tasse meno salari

Chi paga •Anticipati i tagli alla sanità . Da lunedì super-ticket su esami, diagnostica e pronto soccorso

L’aumento fiscale dovuto al taglio delle detrazioni dal 2014 lievita a 20 miliardi. Il ministro si smentisce e «rafforza» la manovra. Ritocchi per i ricchi. Allarme di Istat, Cnel e Bankitalia per gli effetti sociali

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment