Immigrati clandestini retromarcia del governo sull’abolizione del reato

Immigrati clandestini retromarcia del governo sull’abolizione del reato

ROMA. Il reato di immigrazione clandestina non si tocca, almeno per il momento. È Matteo Renzi a stabilire la linea, dopo alcune tensioni con Angelino Alfano, e a mandare temporaneamente in soffitta l’ipotesi di un decreto legislativo. Ed è proprio il ministro dell’Interno, contrario a mettere mano alla legge, a farsi portavoce della brusca frenata. «Evitiamo di trasmettere all’opinione pubblica dei messaggi negativi per la percezione di sicurezza – è l’invito del responsabile del Viminale – in un momento particolarissimo per l’Italia e l’Europa». Parole che non soddisfano comunque la Lega, pronta a promuovere eventualmente anche un referendum per difendere il reato voluto dal governo Berlusconi.
Secondo il premier, il nodo è soprattutto di comunicazione. Perché se è vero che «la logica vorrebbe la scelta della depenalizzazione», e altrettanto vero che «nella componente sicurezza l’elemento psicologico è molto importante». Da qui la scelta di congelare ogni decisione e rimandare alla prossima settimana, «sulla base di una valutazione di opportunità politica e senza toni barricaderi».
Proprio i toni scelti dal Carroccio, a dire il vero, esacerbati dalle notizie che arrivano da Colonia.E infatti gli slogan padani richiamano le aggressioni di fine anno: «Ma si accorgono di cosa sta succedendo nel mondo? – si sgola Matteo Salvini – Questi sono matti! La Lega farà le barricate, in Parlamento e poi nelle piazze con un referendum, contro questa vergogna». Il leghista evoca «espulsioni a valanga» e mette in dubbio quanto promesso dal ministro: «Scommetto un caffè che il prode Alfano calerà le braghe entro una settimana». Eppure, il titolare dell’Interno ripete che il rinvio appare l’unica soluzione possibile: «Questa vicenda non è materia di un singolo partito. Si sono levate voci molto autorevoli che affermano ragioni tecnicamente valide a sostegno di una abrogazione – ammette – ma motivi di opportunità fin troppo evidenti mi inducono a ribadire che è meglio non attuare la delega». Agli antipodi della Lega si schiera invece Sinistra Italiana. «Il reato di immigrazione clandestina – sostiene il capogruppo alla Camera Arturo Scotto – è sbagliato e inefficace. Va abolito».


Related Articles

Si suicida il capo della security di Telecom, collaboratore di Tavaroli

Telecom Italia, si suicida il capo della security lanciandosi dal terrazzo di una sede dell’azienda

Ancora 20 giorni prima della Grexit

L’Fmi non provocherà subito il default per mancato rimborso, ma metterà Atene “in arretrato con i pagamenti” Unione europea e Bce si attrezzano contro le tempeste finanziarie. Padoan: “L’Italia è forte e non c’è pericolo”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment