La tedesca Pegida raduna vicino Praga l’internazionale anti-islamica europea

La tedesca Pegida raduna vicino Praga l’internazionale anti-islamica europea

PRAGA. Durante il week-end si è tenuta a Roztoky, una cittadina a pochi chilometri da Praga, una riunione di movimenti anti-islamici convocati dai tedeschi di Pegida e dal movimento ceco Blocco contro l’Islam. Tra i partecipanti annunciati, ma mai arrivati, anche alcuni attivisti della Lega Nord.

La riunione di Roztoky è uno dei primi tentativi di coordinare le azioni di movimenti contro l’immigrazione in più Paesi dell’Europa. I partecipanti del convegno hanno infatti sottoscritto un documento, la Dichiarazione di Praga, con cui hanno convocato per il 6 febbraio manifestazioni in diverse città europee.

«Riteniamo che sia uno sacrosanto diritto di ogni cittadino europeo di difendere i confini della propria nazione e di decidere, se e quali migranti accogliere», dice il documento, che inizia con una chiamata alle armi contro l’islam e i suoi collaborazionisti europei.

Il manifesto rispecchia fedelmente l’ideologia, che sta alla base di molti movimenti anti-islamici di recente fattura. Le richieste di chiudere i confini si mescolano a proclami contro Bruxelles e le élites globali, il cui governo porta «solo a miseria, disoccupazione, caos, corruzione e sfaldamento della morale». Insomma un antiglobalismo di estrema destra con forti innesti di teorie complottiste.

Che a prevalere sia la volontà autarchica delle piccole patria, lo dimostra anche lo slogan scelto per le manifestazioni del 6 febbraio: We are fortress of Europe, Siamo la fortezza dell’Europa. Ovviamente i partecipanti parlano di sano patriottismo e dell’Europa delle patrie.

«La politica stupida e suicida delle èlites europee sta portando a qualcosa, che Bruxelles non ha mai voluto: una vera amicizia e cooperazione tra le nazioni europee», ha detto a margine della riunione Martin Konvicka, leader del movimento ceco Blocco contro l’Islam. Al convegno si nota tuttavia una certa scissione tra la Mitteleuropa e le altre regioni dell’Unione. Ufficialmente sono quattordici movimenti provenienti da dodici Paesi europei.

La compagine più forte proviene dai Paesi di Visegrad e dall’ex Germania dell’Est con Pegida capofila. Unica eccezione, appunto, la Lega Nord, che doveva partecipare con una delegazione, che però non è mai giunta a Praga. Dai Paesi a ovest del Reno è arrivato il sostegno di alcuni movimenti cittadini minori o di emuli di Pegida in Paesi Bassi o Austria, che però non hanno saputo trovare la stessa visibilità dell’originale sassone.

Paradossalmente questi movimenti anti-islamici, pieni di aspiranti politici o politici falliti in cerca di coming back, nelle ultime settimane si ritrovano in affanno. Non che sia cambiato l’orientamento generale della popolazione. Come mostrano le indagini demoscopiche, solo il 2% dei cechi è disposto ad accogliere i rifugiati, mentre il 33% ammette l’idea di concedere un permesso provvisorio con ritorno forzato nei Paesi di provenienza alla fine del conflitto e il 60% è contro ogni provvedimento di accoglienza.

Stesse percentuali vengono registrate anche negli altri Paesi della zona con un’apertura appena maggiore in Polonia e Ungheria. Per l’altro le già sottili aperture si sono ulteriormente ridotte negli ultimi mesi.

Piuttosto l’agenda dei movimenti anti-islamici è stata largamente ripresa da movimenti governativi. Questo vale di certo per il nuovo governo polacco e per il movimento Ano 2011 dell’oligarca e vicepremier ceco Andrej Babis. Secondo il vicepremier ceco bisogna chiudere in maniera ermetica le frontiere con l’Europa e chiedere ai migranti una totale obbedienza.

«I rifugiati sono ospiti a casa nostra e non è accettabile, che facciano storie su cosa vogliano mangiare», ripete Babis. Con questa svolta il leader di Ano 2011 si mette in collisione con gli altri partner della sua maggioranza, i socialdemocratici e i popolari, che vogliono dare un taglio più costruttivo ai rapporti con Bruxelles rispetto ai governi della Polonia, Slovacchia e Ungheria.

Per gli anti-islamici cechi il 6 febbraio è quindi un disperato tentativo di ritrovare un posto al sole in un scenario politico ormai saldamente ancorato alle posizioni xenofobe.



Related Articles

Par condicio sull’Europa. Ma Landini fa più presa sull’Arci

Congresso Arci . Interventi di Maurizio Landini, Tsipras, Schulz, Bové

La gratitudine della figlia “È un segnale forte continuate a sostenerci”

Evgenia: “Qui i diritti umani sono calpestati. Servono pressioni”

E la Spagna cancella la mappa uscita dal 1936

Quando i latifondisti andalusi fuggirono dopo il fallimento del proclama di Franco, i braccianti per prima cosa macellarono i loro tori da combattimento e li arrostirono: molti non avevano mai mangiato carne bovina.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment