Yemen

Armi a Riyadh, le cene all’Hilton tra Londra e le compagnie militari

Yemen. Si muove il parlamento: un gruppo di deputati chiede al governo di interrompere i rapporti con l’Arabia saudita. Nel paese massacrato dal conflitto avanza ancora al Qaeda: conquistata un’altra città

Chiara Cruciati, il manifesto • 4/2/2016 • Copertina, Guerre, Armi & Terrorismi • 633 Viste

La cena da 450 euro a testa all’Hilton di martedì sera tra ministri del governo di Londra e amministratori delegati delle principali compagnie di armi è parsa la risposta indiretta alla richiesta che poche ore prima era stata formulata dalla commissione parlamentare per lo Sviluppo Internazionale: in una lettera al governo parlamentari laburisti e conservatori avevano chiesto l’interruzione della vendita di armi all’Arabia saudita per «le crescenti prove che i raid della coalizione guidata dai Saud colpiscano civili in Yemen, in violazione del diritto internazionale».

Domenica era stata la stessa Riyadh a annunciare la creazione di un comitato di inchiesta indipendente suilla campagna in corso, dopo le accuse di organizzazioni internazionali come Amnesty e Human Rights Watch. Una campagna brutale che ha già ucciso oltre 6mila persone e che ha permesso il rafforzamento di Al Qaeda nella Penisola Arabica (Aqap): i qaedisti, lunedì, hanno occupato un’altra città, Azzan, tra Mukalla e Aden, e posto checkpoint agli ingressi e bandiere nere sugli edifici governativi.

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This