Turchia, lacrimogeni sulla stampa

Turchia, lacrimogeni sulla stampa

I protagonisti lo hanno definito «uno dei giorni più bui per la libertà di stampa in Turchia». «Costituzione sospesa»: così titolava l’ultima edizione libera di Zaman, il maggior quotidiano del paese, con cui i giornalisti di fatto hanno salutato i lettori. Da ieri il giornale è commissariato, sotto il controllo diretto del governo: la polizia ha preso il possesso della redazione, i sistemi di posta elettronica sono bloccati, persino l’archivio storico on line sembra essere stato cancellato. Abdulhamit Bilici, il direttore del giornale, è stato licenziato e lo stesso è accaduto a uno dei maggiori commentatori, mentre il sito dell’agenzia Cihan, che fa parte del gruppo, è stato oscurato. E i lettori che manifestavano per le strade di Istanbul, protestando per l’ennesimo bavaglio che il regime di Erdogan mette alla stampa, sono stati accolti con gas lacrimogeni, idranti e proiettili di gomma.
Colpa massima di Zaman, che diffonde 650mila copie, è stata la vicinanza con il movimento “Hizmet” di Feitullah Gulen, ex alleato di Recep Tayyp Erdogan e oggi rivale costretto all’esilio negli Stati Uniti. Il movimento è accusato di attività terroristiche con lo scopo di «rovesciare» il governo di Erdogan. Ma la volontà di far tacere ogni voce critica da parte del regime di Ankara prescinde dalle motivazioni: nei mesi scorsi la repressione ha toccato in vari modi il settimanale Nokta, i quotidiani Hurriyet e Cumhuriyet, le tv del gruppo Ipek. Secondo Reporter senza frontiere, la Turchia è al 149esimo posto su 180 Paesi nella classifica che valuta la libertà di stampa. Nelle carceri al momento sono rinchiusi più di 30 giornalisti.
Ma Erdogan sa di poter approfittare del momento: il mondo, e l’Europa soprattutto, non possono fare a meno del suo aiuto per gestire la crisi dei profughi. Domani a Bruxelles il premier di Ankara Davutoglu incontrerà i partner della Ue e si aspetta critiche di circostanza per la repressione della stampa. Ieri lo stesso Davutoglu ha dichiarato che il governo è estraneo alla vicenda. Da Bruxelles la Commissione europea ha sottolineato che «i diritti fondamentali devono essere rispettati », mentre il dipartimento di Stato Usa ha definito «preoccupante» il caso Zaman. Più energiche le critiche di Mosca, che ha esortato i partner occidentali a ricordare alla Turchia il dovere di rispettare la libertà di stampa.


Related Articles

Migranti, la nave Sea Watch in mezzo alla tempesta, ma «i porti restano chiusi»

Mediterraneo. La nave con 47 naufraghi a bordo cerca riparo di fronte Siracusa. Il sindaco: pronti ad accoglierli. ma i vicepremier avvertono: «Nessuno sbarca in Italia»

L’Isis rivendica l’attacco Arrestati nove complici

Un jihadista ucciso noto ai servizi segreti Tunisi: «Avevano le cinture esplosive» In cella la sorella di uno degli attentatori

SVIZZERA Quella piccola grande potenza spina nel fianco dell’Europa

Gli Stati, come i pugili, sono classificati per categorie di peso. Sul ring della politica internazionale, la Svizzera è fuori quota.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment