Légion d’honneur di nascosto al ministro saudita: tana per Hollande

Légion d’honneur di nascosto al ministro saudita: tana per Hollande

François Hollande ha decorato il principe erede dell’Arabia saudita, numero due del regime, Mohamed Ben Nayef, con la Légion d’honneur, la più alta distinzione francese. Ben Nayef è anche ministro degli interni e quindi responsabile della feroce repressione in atto in Arabia saudita: nel 2015 sono state eseguite 153 condanne a morte e quest’anno sono già 70 (47 nel solo giorno del 2 gennaio scorso), in gran parte oppositori politici.

Hollande aveva cercato di agire di nascosto: la cerimonia della Légion d’honneur non era indicata nell’agenda ufficiale dell’Eliseo, che segnalava, per venerdì scorso, un semplice incontro con Ben Nayef. Ma i sauditi hanno rivelato l’arcano. L’Eliseo, nell’imbarazzo, giustifica il gesto come «pratica protocollare corrente», anche se la spiegazione ufficiale fa riferimento agli «sforzi nella regione e nel mondo per la lotta al terrorismo». Una restituzione di favore, insomma, perché Hollande è stato di recente decorato con la medaglia dell’Ordine superiore del regno.

Ma la Légion d’honneur a Ben Nayef ha molto a che fare con il business: Ryadh, che ha già concluso nel 2015 contratti di acquisito di armi dalla Francia per più di 10 miliardi di euro, si è impegnata a pagare i 2,4 miliardi di un contratto di vendita di armamenti che in un primo tempo erano destinati al Libano, ma che l’Arabia saudita temeva finissero nelle mani dei suo nemici sciiti dell’Hezbollah.



Related Articles

Umanitari più che mai

A Londra summit della coalizione dei volenterosi per decidere presente e futuro della Libia dopo l’intervento militare. Che fare di Gheddafi? Presenti e assenti. Avanti tutta a «difesa dei civili»

«Qui i politici più maschilisti ma spesso rinunciamo a lottare»

Bonino: bene il capo dello Stato, ora le donne rovescino i modelli

Migranti. Finalmente accordo per la Ocean Viking, sbarco a Malta

Mediterraneo. Verranno accolti in sei Paesi europei: 150 andranno in Francia. La soddisfazione delle ong

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment