Global Rights. UNGASS, è tempo di fermare la guerra alla droga

Global Rights. UNGASS, è tempo di fermare la guerra alla droga

Dal 19 al 21 aprile 2016 l’ONU tiene a New York una sessione speciale sulle droghe dell’Assemblea Generale (UNGASS). Avrebbe dovuto tenersi nel 2019, ma  i presidenti di Colombia, Guatemala e Messico hanno ottenuto di anticiparla: troppi problemi urgenti sono all’ordine del giorno, e troppi di questi sono dovuti ai guasti prodotti dal proibizionismo e dalla war on drugs dettati dalle attuali Convenzioni internazionali sulle droghe, di cui l’ONU è garante e “gendarme”.

La guerra globale  alla droga da decenni ha eclatanti e provate ricadute drammatiche  su salute pubblica, giustizia e carcere, economie e diritti umani di consumatori e contadini produttori.  L’enorme sviluppo del mercato nero porta con sé corruzione, violenza, crescita delle narcomafie e del loro potere su società e stati.

Se il sistema è globale, non così il consenso.  In  molti paesi – dell’America Latina ma anche in Europa – i governi hanno  iniziato a richiedere una diversa prospettiva e una diversa politica, meno basata sulla repressione e più attenta alla salute e ai diritti; in tutti i continenti, movimenti della società civile, dei consumatori e dei contadini produttori stanno premendo per un cambio deciso delle politiche; tanto che oggi, nel 2016, la possibilità di un cambiamento appare non così impossibile, e sembra incrinare la – fino ad oggi – granitica impostazione delle Convenzioni. Gli stessi USA, ad oggi leader della war on drugs, conoscono una fase di profondi cambiamenti, a cominciare dalle nuove legislazioni in materia di legalizzazione della canapa.

Pertanto un vivace dibattito politico e una globale azione di advocacy da parte dei movimenti stanno accompagnando  UNGASS 2016.

Global Rights non può mancare all’appuntamento: il tema dei diritti umani è al centro della prospettiva di riforma e la politica globale sulle droghe è un esempio emblematico delle ricadute pervasive di una politica law&order e autoritaria sulla qualità della vita e dei diritti delle persone e delle comunità.

Apriamo i contributi all’informazione e al dibattito con l’intervento di Peter Sarosi, mediattivista e ricercatore ungherese,  direttore di Rights Reporter Foundation e coordinatore di  DrugReporter; è anche membro del Civil Society Forum on Drugs  europeo.

qui l’intervento di Peter Sarosi in inglese

Per saperne di più 

 English

http://idpc.net/policy-advocacy/the-un-general-assembly-special-session-on-drugs-ungass-2016

http://www.undrugcontrol.info/en/un-drug-control/ungass

https://www.opensocietyfoundations.org/explainers/what-ungass-2016

http://www.countthecosts.org/

http://www.unodc.org/ungass2016/

Italiano

http://ungass2016.fuoriluogo.it/

http://idpc.net/it/advocacy/la-sessione-speciale-dell-onu-sulle-droghe-ungass-2016

Espagnol 

http://idpc.net/es/incidencia-politica/la-sesion-especial-de-la-asamblea-general-de-las-naciones-unidas-ungass-sobre-drogas-de-2016

http://www.globalcommissionondrugs.org/ungass-on-the-world-drug-problem-people-public-health-and-human-rights-at-the-centre/

http://www.undrugcontrol.info/es/control-de-drogas-de-la-onu/ungass

http://www.countthecosts.org/es

 



Related Articles

Opec, niente accordo la guerra del petrolio inonda il mercato Crollo infinito dei prezzi

Nervi tesi al vertice dei paesi produttori di petrolio. Passa la linea dell’Arabia Saudita, spalleggiata da Iran e Iraq

«Legalizzare le sostanze, per neutralizzare i clan mafiosi»

Antimafia. Intervista all’imprenditrice Valeria Grasso, collaboratrice di giustizia. Da due anni viaggia con i suoi 3 figli da un luogo protetto all’altro perché ha rifiutato di pagare il pizzo a Palermo

In Italia circa 3 milioni di persone soffrono di disturbi del comportamento alimentare. Il 95% sono donne

In occasione della Festa della donna, e dopo l’appello del ministro Melandri, il Segretariato sociale Rai e l’Aba hanno preparato

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment