Tahar Ben Jelloun: “Abbiamo reagito tardi la radice dell’odio è nell’apartheid sociale”

Tahar Ben Jelloun: “Abbiamo reagito tardi la radice dell’odio è nell’apartheid sociale”

«Adesso è troppo tardi. Per evitare la trappola del reclutamento jihadista in Europa bisognava intervenire dieci o quindici anni fa». Da sempre lo scrittore Tahar Ben Jelloun denuncia le periferie come luoghi tossici, che generano violenza e criminalità.

Cosa è accaduto nelle banlieue di Parigi o in quartieri ghetto come Molenbeek?

«Quello che accade quando non c’è integrazione: nell’apartheid sociale la criminalità, l’estremismo e l’odio religioso mettono radici».

Il problema sono gli immigrati?

«No, i terroristi spesso sono nati in Europa. I loro genitori sono persone semplici che non sono riuscite a trasmettergli la cultura dei paesi di origine perché di quella cultura posseggono solo gli aspetti più caricaturali. A scuola non hanno imparato la tolleranza, sono stati emarginati e poi abbandonati alla strada. Oggi sono adulti fragili, prede perfette per i reclutatori, che al contrario sono abili e preparati, sanno individuare il vuoto e sanno come riempirlo».

Con quali promesse?

«Li persuadono che combattere contro l’Occidente dia un senso alla loro vita e anche alla loro morte».

Come si può evitare la radicalizzazione?

«Con la pedagogia, ma bisogna iniziare dalla scuola primaria. E poi un grande lavoro di polizia per evitare che in certi quartieri i reclutatori agiscano indisturbati e i terroristi trovino protezione. Se dieci o quindici anni fa si fosse combattuta l’esclusione sociale oggi non faremmo i conti con quartieri così pericolosi».



Related Articles

La stretta di Obama sulle armi

Ventitré decreti presidenziali. «Più limiti, ho deciso di provarci»

La periferia come «arte pubblica»

Un quartiere di Roma si apre ai muralisti e si trasforma in un’opera
A San Basilio gli interventi monumentali e bellissimi dello spagnolo Alejandro Liqen e di Agostino Iacurci:
quattro edifici delle case popolari sono stati colorati con il parere dei residenti. Prove di rinascimento urbano

Quando Mitterrand riunì il mondo a Parigi per bandire «l’atomica dei poveri»

Può anche sorprendere, nell’era dei droni e delle cyberwar, che a costituire il casus belli di una crisi internazionale sia la scomoda, desueta e super-proibita «atomica dei poveri».

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment