Le notizie certe sugli attentati a Bruxelles

Le notizie certe sugli attentati a Bruxelles

Un ferito vicino alla metro di Maelbeek, a Bruxelles, il 22 Marzo 2016. - Emmanuel Dunand, Afp

I feriti nella metropolitana sono 106, mentre quelli all’aeroporto secondo i pompieri sarebbero 99. Il premier belga Charles Michel non ha fornito dati precisi, ma ha parlato di “molti morti e feriti”.

Negli attacchi sono rimasti feriti lievemente anche tre cittadini italiani, ha confermato la Farnesina.

La dinamica. Verso le 8 ci sono state due esplosioni nella zona delle partenze dell’aeroporto Zaventem, a 11 chilometri dal centro di Bruxelles. L’aeroporto è stato evacuato e tutti i voli sono stati sospesi.

Un’altra esplosione c’è stata verso le 9.11 alla stazione della metropolitana di Maelbeek, vicino alla sede delle istituzioni europee. La metropolitana è stata chiusa.

La pista del terrorismo

Gli investigatori seguono la pista del terrorismo. Almeno una delle esplosioni all’aeroporto è stata causata da attentatori suicidi, ha dichiarato la procura belga. Gli attacchi non sono ancora stati rivendicati.

L’esercito belga ha fatto brillare un pacco sospetto all’aeroporto di Bruxelles e un’esplosione controllata è avvenuta poco prima vicino alla metropolitana di Maelbeek.

Il governo belga ha dichiarato l’allerta massima in tutto il paese. Il ministro dell’interno francese, Bernard Cazeneuve, ha detto che verranno mobilitati 600 poliziotti supplementari per controllare i confini e i mezzi di trasporto pubblici. È stata chiusa la frontiera tra Belgio e Francia. L’Université libre de Bruxelles è stata evacuata.

Gli attentati sono arrivati quattro giorni dopo l’arresto di Salah Abdeslam, uno dei terroristi che hanno realizzato gli attentati del 13 novembre a Parigi, ma il coinvolgimento della cellula jihadista di Abdeslam al momento non è confermato.

Le immagini e i video

Su Twitter e Facebook sono circolate da subito le prime fotografie e i video ripresi all’aeroporto di Zaventem e nei cunicoli della metropolitana di Bruxelles.



Related Articles

I droni Usa alla conquista degli oceani

Li usa la Marina. E ora anche la scienza per studiare gli abissi e il clima   

Libia, la Nato ammette vittime civili “Un missile fuori bersaglio a Tripoli”

Primo errore confermato nei raid. Il regime: “I morti sono nove”. I ribelli mostrano i documenti con gli ordini di Gheddafi: “La prova dei suoi crimini di guerra”. L’ex ambasciatore Onu Shalgam: “Il raìs sta perdendo terreno, fuggirà  all’estero” 

Cassazione, stop alle pene illegittime

è con­for­tante leg­gere le parole scritte dal mas­simo ver­tice giu­ri­sdi­zio­nale, le Sezioni Unite della cas­sa­zione, nella sen­tenza depo­si­tata il 14 otto­bre scorso in mate­ria di ese­cu­zione di pene “inco­sti­tu­zio­nali”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment