Massimo Cacciari: “Il filo spinato non serve bisogna lavorare sui loro conflitti interni”

Massimo Cacciari: “Il filo spinato non serve bisogna lavorare sui loro conflitti interni”

«La risalita dal pozzo di barbarie in cui siamo precipitati sarà lunga e faticosa», dice Massimo Cacciari: «Non ci sono ricette miracolose, i guasti sono profondissimi. Abbiamo sbagliato, tanto, troppo. Ora dobbiamo capire se in Europa ci sono leadership che hanno il fiato culturale e strategico per far fronte a questa sfida».

Siamo in guerra Cacciari?

«Questo non è nemmeno da discutere. Se ti dichiarano guerra sei in guerra. Il problema è che non abbiamo davanti l’esercito di Hitler che invade la Polonia, né questo è l’Islam della storia alla conquista della Spagna e dei territori bizantini. La nostra inadeguata classe dirigente europea deve capire cosa sta avvenendo: c’è una guerra civile interna all’Islam e una guerra dentro i confini europei. Ma non possiamo rispondere con le idiozie che sento in queste ore. Cosa facciamo? Sigilliamo con il filo spinato le banlieue di Parigi e Bruxelles? ».

Come si risale dal fondo?

«Con un’azione politica, diplomatica, culturale di lungo respiro, cercando di frantumare il fronte, cercando di lavorare sulle divergenze strategiche, che pure ci sono, all’interno dell’Islam, facendo una buona politica sull’emigrazione, aiutando economicamente i Paesi che lottano contro l’Is».

E la risposta militare?

«In guerra è contemplata anche la risposta militare ma se fosse la sola risposta, saremmo spacciati».

( a. lo.)



Related Articles

Dalla sterlina al welfare cosa rischia e guadagna il Regno Unito senza Ue

I timori di una moneta più debole e i risparmi sui sussidi dei migranti: ecco i cinque scenari

Guerilla bombing provocation is a gift for Colombia’s repressive government

On Thursday, January 17, a car bomb exploded near the Santander Police Academy in Bogotá leaving twenty cadets dead and dozens of wounded civilians

Libia, ribelli: 10 morti in raid Nato, colpita anche un’ambulanza

Libia, ribelli: 10 morti in raid Nato

Le forze anti-Gheddafi affermano di aver riconquistato Marsa el Brega, il terminal petrolifero a sudest di Bengasi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment