L’Onu conferma il naufragio dei 500

L’Onu conferma il naufragio dei 500

Pareva un naufragio fantasma: 500 migranti scomparsi nel Mediterraneo la scorsa settimana. Arrivano invece le prime conferme dai sopravvissuti: a Kalamata in Grecia, l’Alto commissariato Onu per i rifugiati ha raccolto le testimonianze di 41 migranti provenienti da Somalia, Sudan, Etiopia ed Egitto. Tutti raccontano di essere scampati a un naufragio che sarebbe costato la vita a 500 persone.

Il barcone era partito dai dintorni di Tobruk, in Libia (e non dall’Egitto, come indicato nei giorni scorsi), diretto verso l’Italia. L’Unhcr scrive che «Fino a 500 persone potrebbero aver perso la vita nel naufragio di una grande imbarcazione, affondata nel Mediterraneo in un luogo non definito tra Libia e Italia». I sopravvissuti (37 uomini, 3 donne e un bambino) sono stati tratti in salvo da un mercantile e portati a Kalamata, nel Peloponneso, il 16 aprile. Facevano parte di un gruppo di 100-200 persone partito su un’imbarcazione lunga circa 30 metri. Dopo ore di navigazione, i trafficanti hanno tentato di trasferirli su una barca più grande, con a bordo già centinaia di persone. Durante le operazioni, l’imbarcazione principale si è capovolta ed è affondata. Sulla necessità dei soccorsi torna il presidente della Camera, Boldrini: «In Italia abbiamo assistito agli attacchi strumentali di chi, anziché mettere al primo posto il valore della vita umana, vorrebbe che i soccorritori tradissero la legge del mare, ignorando le richieste d’aiuto di chi ha il passaporto sbagliato o un colore della pelle diverso». Rallentano gli sbarchi in Italia: «Oggi — fa sapere il ministro Alfano — sono solo il 6 per cento in più rispetto allo scorso anno».

L’Europa intanto apre alla proposta italiana degli Eurobond percoprire i costi legati all’immigrazione: «Sarà discussa», assicura il commissario Avramopoulos.



Related Articles

Uno stop per Finmeccanica in India Il governo cancella le commesse

Il gruppo italiano: «Esposizione molto limitata. Impegnati a trovare una soluzione»

Manduria, tendopoli per cinquemila: prime fughe

Il piano prevedeva l’arrivo di settecento immigrati. E la gente ora protesta: situazione fuori controllo

Nave militare turca blocca 30 migranti e li consegna alla Libia

Potrebbe essere un nuovo capitolo dell’accordo marittimo siglato tra il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il premier libico Fayez al Serraj

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment