«I corridoi umanitari modello per l’Europa»

«I corridoi umanitari modello per l’Europa»

Lo stesso giorno in cui in Grecia cominciano i rimpatri forzati dei migranti verso la Turchia, a Roma tre organizzazioni religiose, Comunità Sant’Egidio, la Federazione delle Chiese Evangeliche e la Tavola Valdese, mostrano un’altra faccia dell’Europa, quella di chi alla repressione e alla esternalizzazione delle frontiere in un paese che non garantisce il rispetto dei diritto umani preferisce mostrarsi solidale e capace di strappare davvero i migranti alle organizzazioni criminali. «Oggi l’Ue ha derogato le sue responsabilità», accusano Marco Impagliazzo e Luca Maria Negro, rispettivamente presidente della Comunità di Sant’Egidio e della Federazione della Chiese Evangeliche pensando a quanto succede sulle isole greche. Atti di forza tutt’altro che necessari visto che esistono vie sicure per garantire a chi fugge dalla guerra ingressi sicuri e legali in Europa. Come i corridoi umanitari organizzati dalle tre comunità grazie a un protocollo firmato a dicembre con i ministeri degli Affari esteri e degli Interni. Il primo viaggio, il 29 febbraio scorso, ha permesso di far arrivare in Italia da un campo profughi libanese 97 siriani che sono stati accolti in case private e parrocchie.

Si è trattato di persone scelte per le loro condizioni ritenute particolarmente delicate, perché malati, anziani o appartenenti a nuclei familiari numerosi. Come Falak, piccola siriana di 7 anni arrivata in Italia prima di tutti gli altri per le sue condizioni di salute. Originaria di Homs, dopo che la casa in cui viveva è stata distrutta durante un bombardamento si è trasferita in Libano con il padre, la madre e un fratellino più piccolo dove ha passato quasi due anni in un campo profughi. Lì ha perso un occhio a causa di un tumore e avrebbe probabilmente perso anche l’altro se grazie al corridoio umanitario non fosse arrivata in Italia e curata dai medici del Bambin Gesù dove è stata sottoposta a un ciclo di chemio. Adesso Falak sta meglio, vive con la famiglia in una casa messa a disposizione dalla Comunità di Sant’Egidio e l’anno prossimo potrà iscriversi a scuola.

Per lei, come per gli altri 96 profughi arrivati a febbraio la vita è ricominciata. «I corridoi umanitari sono l’alternativa ai muri, alla reti e ai respingimenti», spiega Impagliazzo. Un’alternativa resa possibile dall’articolo 25 del regolamento europeo sui visti che consente il trasferimento di profughi dalle aree di crisi. Il tutto in totale sicurezza sia per i profughi – che non devono più mettere la propria vita nella mani dei trafficanti – che per gli Stati che li ospitano visto che tutti i richiedenti asilo vengono identificati sia al momento della partenza che al loro arrivo in Europa.

I costi del progetto ammontano a 1,2 milioni di euro completamente a carico delle tre comunità religiose, che vi investono il ricavato dell’8×1.000 e quello della campagna di donazioni lanciata da Sant’Egidio. «Ospitare un rifugiato in un centro Sprar costa 32 euro al giorno, grazie al lavoro dei volontari siamo riusciti a far scendere questa cifra fino a 20 euro al giorno», proseguono Impagliazzo e Negro. In tutto si conta di portare in Italia duemila profughi fino al 2017. Il prossimo viaggio è fissato per la fine di aprile e prevede l’arrivo di altri 150 migranti. «Siamo stati i primi in Europa ad aprire i corridoi umanitari – concludono i rappresentanti delle chiese – Adesso speriamo che questa esperienza possa essere adottata anche da altri paesi».



Related Articles

IL BACIO DEL PRINCIPE

Sembrava che la bella addormentata – non si parla del film di Bellocchio ma della variegata società  araba teatro delle tanto pubblicizzate e tanto travisate «primavere» – si fosse svegliata da sola. Era questa la versione ufficiale, persino a costo di minimizzare pressioni, convenienze e intrusioni. Tornava utile a tutti esaltare quella liberazione come un prodotto autonomo e maturo del ciclo positivo innescato dal trionfo della democrazia e del mercato impersonati dall’Occidente. Persino la morte di Gheddafi, dopo il ludibrio del suo corpo, fu attribuita ai libici, sorvolando sul particolare che a centrare la sua macchina era stato un drone proveniente da Sigonella, questa Guantanamo d’Italia, e guidato a distanza da un computer sito in California.

Francia. Il volto del nuovo malessere

Alla vigilia delle elezioni presidenziali in Francia, un percorso di letture per decifrare le trasformazioni del Front National da quando, nel 2011, ne ha preso la guida Marine Le Pen

Kabul trova amici a Pechino

Al via il vertice del Gruppo di Shanghai. Cina e Russia cercano un ruolo in Afghanistan

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment