Carcere, coro di «no» alla vendita di Regina Coeli, San Vittore e Poggioreale

Carcere, coro di «no» alla vendita di Regina Coeli, San Vittore e Poggioreale

«Non bastano riforme sulla carta, ma servono risposte concrete che coinvolgano tutta la società di cui il carcere raccoglie le criticità». Il capo del Dap, Santi Consolo, ha commentato così la notizia riportata ieri da Repubblica di un piano, proposto dalla Cassa depositi e prestiti e al vaglio del ministero di Giustizia, per vendere San Vittore, Regina Coeli e Poggioreale, i tre carceri storici più famosi d’Italia, al fine di finanziare il progetto di edilizia penitenziaria che prevede la costruzione di istituti nuovi e «più in linea con gli standard internazionali» nelle periferie di Milano, Roma e Napoli. Un progetto che via Arenula non ha ancora “sposato” ma sul quale il ministro Orlando sta riflettendo perché risulterebbe operazione assai complessa, la riconversione di queste antiche (e preziose) strutture ottocentesche in carceri moderne e adeguate ad assicurare una dignitosa qualità della vita dei detenuti e degli operatori. Il Guardasigilli però ha già chiarito la sua contrarietà a qualsiasi privatizzazione del sistema dell’esecuzione penale in carcere. Ma non all’alienazione delle strutture di proprietà del ministero di Giustizia.
Molti sono i «no» che si sono levati ieri in reazione alla notizia, dalle Camere penali locali ad alcuni sindacati di polizia penitenziaria. Tra le altre cose, ha spiegato Patrizio Gonnella, presidente di Antigone, «bisogna usare cautela nello spostare un carcere dal centro della città alla periferia, perché spesso è successo di creare carceri-ghetto, abbandonate, mal servite, dove familiari e volontari vanno con difficoltà e si mettono a rischio i diritti delle persone».



Related Articles

Telefoni, scattano gli aumenti sulla linea fissa

In bolletta 2 euro in più per effetto delle nuove tariffe di “unbundling”.   I consumatori: si avvera quanto avevamo temuto dopo la decisione dell’Agcom

 

Svolta in Italia: verso la chiusura gli ospedali psichiatrici

Il Senato vota all’unanimità  il testo della Commissione d’inchiesta presieduta dal deputato Pd Ignazio Marino

Ieri, 27 settembre 2011, il Senato della Repubblica italiana ha approvato all’unanimità  il testo licenziato dalla Commissione d’inchiesta sul sistema sanitario, presieduto dal senatore Ignazio Marino del Partito Democratico.
Un testo davvero storico.

Resistere è già  un’alternativa

Marco Revelli  Intervista a Marco Revelli
L’Italia è un paese strabico, diviso tra il presunto benessere che ne fa una potenza occidentale e le crescenti difficoltà  economiche di molti suoi cittadini. Un paese dove il mercato del lusso sembra non conoscere crisi mentre le mense per i poveri non hanno più posti per tutti. Dove la povertà  diffusa e la perdita del lavoro fanno fatica a diventare tema di dibattito politico e mediatico, ma in realtà  condizionano l’esistenza di un numero sempre maggiore di persone.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment